21°

Arte-Cultura

Una rete, mille incognite

Una rete, mille incognite
0

 Christian Stocchi

 

La storia insegna: quando si parla di tecnologie, le previsioni sono come il gioco d’azzardo. E, siccome pochi hanno la sfera di cristallo, il consiglio è semplice: astenersi. Semmai è più importante capire. Lo spiega bene un esperto del Cnr, Francesco Antinucci, che nel saggio «L'algoritmo al potere» (Laterza) racconta la «vita quotidiana ai tempi di Google», sfatando anche alcuni luoghi comuni.

Contro i falsi miti

Innanzitutto va rivista l’idea del «determinismo tecnologico», secondo cui «la forza guida dello sviluppo, e in generale del progresso» è la tecnologia. Dalla radio a internet, le tecnologie sono spesso state concepite per scopi diversi da quelli per cui si sono poi imposte: la radio doveva sostituire il telefono dove non si potevano stendere fili; internet è stata ideata come sistema di comunicazione militare. Come poi siano andate le cose, è noto. Applicare sistemi tradizionali alle nuove tecnologie significa perdere la sfida: è un po' come versare «vino vecchio in botti nuove»... Il segreto è allora innovare (a volte capovolgere) logiche consolidate. Insomma, è l’idea, la creatività a fare la differenza, non la macchina. Alcuni casi sono tanto paradossali quanto significativi.

Da Netflix a Youtube

Come si noleggia un film? Vai in un negozio e affitti il dvd, pagandolo in base a quanto tempo lo tieni. Se tardi a riconsegnarlo, scatta la penale. L’idea più semplice è ovviamente quella di applicare le regole del negozio reale al negozio virtuale, ossia all’acquisto on line. Ma una società statunitense, Netflix, ha deciso di ribaltare questa logica: tu fai un abbonamento e paghi un canone mensile; poi ricevi via posta quanti film vuoi (uno, due o tre alla volta) e puoi tenerli senza limiti di tempo. Quando li restituisci, puoi averne altri. Ecco dunque capovolte le regole del gioco. Una rivoluzione a vantaggio del consumatore? Solo in apparenza. Perché più tieni il film, meno costi ci sono per chi te lo noleggia. Netflix, poi, ha messo a disposizione dei suoi abbonati i film anche sul web: tutto subito, gratis, senza limiti. Un errore? No, la società ha risparmiato sulle spese, contando anche sul fatto che il tempo dell’abbonato per guardare i film non è illimitato. Alla fine Netflix ha vinto la sua sfida, mentre Blockbuster, leader del noleggio dei film, ha chiuso quasi mille negozi. Paradossale anche il caso di Google: lavorava per il motore di ricerca di Yahoo, ma, a differenza di Yahoo (e di altri giganti come Microsoft), aveva capito che la crescita esponenziale di internet imponeva ai motori di ricerca criteri esclusivamente matematici, senza selezioni fatte da uomini. Meno qualità forse, ma più efficienza: l’algoritmo di Google si basa sulla forma delle parole e prescinde dal significato; ma sa offrire una ricerca tanto più precisa quanti più dati assimila. E Yahoo, fornendo a questa piccola società un’ampia base di dati, le ha di fatto consegnato l’arma con cui è stata freddata: così le entrate di Google dal 2001 al 2008 sono aumentate mediamente del 190% all’anno, mentre Yahoo colava a picco. Nel frattempo, però, Google ha puntato anche sui video, senza capire che non si possono applicare i criteri della ricerca testuale alle immagini. E così ha ceduto il passo a YouTube, che ha invece saputo investire sulla fruibilità e sull'accessibilità, comprendendo che chi cerca video non vuole informazioni. Vuole intrattenimento. Morale: non riuscendo a competere, nel 2006 Google ha comprato YouTube per 1,65 miliardi di dollari...

Wikipedia: più democrazia?

 Internet uguale democrazia? Spesso è solo un’illusione. Perché, in questo caso, più informazioni e più facilità d’accesso non significano più opportunità per tutti. Anzi, chi più sa, più è avvantaggiato. Chi ha pochi strumenti culturali, si perde in un mare magnum nel quale tutte le informazioni hanno lo stesso valore. Si pensi a Wikipedia: un’enciclopedia a cui tutti possono contribuire. Il criterio? La verificabilità delle informazioni, non l’attendibilità. Ma su che base, se non quella dell’attendibilità di una fonte, si può dire che un dato è verificabile? Del resto, lo ammette la stessa Wikipedia...

I rischi

Si comprende dunque come i principi della democrazia non possano essere applicati meccanicamente alle conoscenze specialistiche. Siete sicuri di poter accettare informazioni di carattere medico, condivise a maggioranza da una giuria di internauti, che magari nella loro vita si occupano di finanza o di cucina? Internet nasconde poi altri rischi: ad esempio, i social network rendono pubblici dati, gusti e preferenze personali, che espongono alla manipolazione della pubblicità o della comunicazione politica. Insomma, la rete può diventare un’autentica prigione. Coraggio, però, alcuni dati ci rassicurano, se è vero che «l'attività pubblicitaria di Facebook a fine 2008, a un anno dalla sua apertura, è stata un mezzo fallimento». Le vie dell’innovazione, insomma, sono davvero infinite. E imprevedibili. 

L'algoritmo del potere

Laterza, pag. 124, euro 14,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cuoco perfetto, chiuse le iscrizioni

tg parma

"Cuoco perfetto", boom di richieste: chiuse in anticipo le iscrizioni Video

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Emergenza furti spaccata al Centro Cittadella dello Spip

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

8commenti

musica

L'inaugurazione del Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

3commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

2commenti

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

9commenti

Formaggio

La grana del grana

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% della popolazione femminile in età fertile

elezioni 2017

Cavandoli, la Lega: "Aspettiamo il suo sì alla candidatura"

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

2commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

1commento

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

3commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

tv parma

La ricetta di D'Aversa "Dobbiamo metterci più cattiveria" Video

Formula 1

La prima pole è firmata Hamilton

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»