-2°

Libri

Pasolini, mistero meno fitto?

Pasolini, mistero meno fitto?
Ricevi gratis le news
0
 

Esiste un’unica certezza ferma da quarant’anni sull’omicidio di Pasolini: «il poeta è stato assassinato nel corso di un incontro omosessuale con un ragazzo di vita a Ostia il 2 novembre del 1975». Non è così. A dimostrarlo è un’inchiesta ricchissima di novità e di «prove»: quelle che può portare un giornalista. Fatti, riscontri, elementi a raffronto, testimonianze smarrite, foto inedite che ricostruiscono in modo del tutto nuovo l’assassinio del poeta. La somma di quelle che al lettore si mostrano come evidenze vengono raccolte passo passo ricostruendo l’intera vicenda. Infatti, nel libro di Simona Zecchi «Pasolini, massacro di un poeta» si dimostra che sul corpo del poeta non era presente alcuna traccia di liquido seminale. E quindi l’incontro omosessuale non ci fu, e fu invece - sostiene la Zecchi - una trappola e un massacro. Ma non si tratta dell’unica novità, anzi, altri e diversi sono gli elementi nuovi che emergono dal libro: oltre all’Alfa Gt del poeta a raggiungere la lingua di fango e sabbia a Ostia c’erano almeno altre tre macchine. La foto dell’Alfa Gt di proprietà di un uomo appartenente al clan dei Marsigliesi (scomparso nel nulla nel febbraio del 1976) che ha sormontato il poeta uccidendolo barbaramente viene per la prima volta mostrata al lettore in questo libro. L’inchiesta rivela, infatti, il possesso, da parte della famiglia dell’uomo, di un’Alfa Gt 2000. E’ questa la macchina che lascia tracce d’olio sul capo devastato di Pasolini e sulla sua canottiera. La Gt del poeta, al contrario, passando in velocità sul corpo resta integra senza perdere olio. Nuove tracce di pneumatici sul corpo del poeta vengono poi scoperte dall’autrice e mostrate per la prima volta al lettore. Tanti erano i soggetti presenti quella sera: almeno tredici, come indica l’inchiesta. Tutti uniti dal comune obiettivo di uccidere Pasolini in un «massacro tribale». I feroci segni del pestaggio fascista, mai mostrati sinora, vengono mostrati ed analizzati. Tante e importanti poi le piste lasciate morire anche dalle ultime indagini che nel libro vengono sviluppate e illustrate nel dettaglio. Piste che conducono tutte a una trappola mossa da un espediente: il furto dei negativi originali del film Salò o le 120 giornate di Sodoma che costringe Pasolini a presentarsi quella sera per salvare il suo lavoro. Per la prima volta inoltre l’inchiesta rivela la presenza di un’altra macchina in uso a Pino Pelosi (l’unico condannato ufficiale per l’omicidio). Una Fiat 850 blu, infatti, sparisce la notte dell’appuntamento alla stazione Termini per far posto all’altra macchina, stesso modello di colore bianco, la cui presenza depista gli inquirenti. Il ruolo centrale dell’organizzazione dell’estrema destra Ordine Nero, fatta sciogliere dal Viminale in quegli anni, emerge tra le vecchie carte dell’inchiesta giudiziaria e collega Catania a Roma come i luoghi di provenienza del commando che ha messo fine alla vita dell’intellettuale. Nuovi documenti giudiziari e privati (come il carteggio fra lo scrittore e l’ambiguo editore di destra Giovanni Ventura) vengono pubblicati in questa inchiesta per la prima volta. Le piste sinora più accreditate come moventi del «massacro tribale“ (il capitolo scomparso o mai pubblicato di Petrolio, «l’Appunto 21» e l’omicidio di Enrico Mattei) vengono definite monche dall’autrice attraverso nuove analisi e nuovi elementi. La giornalista ricostruisce degli eventi inediti precedenti e successivi alla morte del poeta che chiudono il cerchio sulla strategia messa in atto per eliminarlo definitivamente: le minacce telefoniche subite da Pasolini si intrecciano infatti a un sabotaggio compiuto nei pressi della sua abitazione e all’isolamento telefonico cui fu sottoposto. Un libro che cambia le carte in tavola sull’omicidio. E le mostra.

Pasolini, massacro di un poeta

di Simona Zecchi

Ponte alle Grazie, pag. 316, euro 16,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

8commenti

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

nuoto

Europei, bis d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260