22°

Libri

Pasolini, mistero meno fitto?

Pasolini, mistero meno fitto?
Ricevi gratis le news
0
 

Esiste un’unica certezza ferma da quarant’anni sull’omicidio di Pasolini: «il poeta è stato assassinato nel corso di un incontro omosessuale con un ragazzo di vita a Ostia il 2 novembre del 1975». Non è così. A dimostrarlo è un’inchiesta ricchissima di novità e di «prove»: quelle che può portare un giornalista. Fatti, riscontri, elementi a raffronto, testimonianze smarrite, foto inedite che ricostruiscono in modo del tutto nuovo l’assassinio del poeta. La somma di quelle che al lettore si mostrano come evidenze vengono raccolte passo passo ricostruendo l’intera vicenda. Infatti, nel libro di Simona Zecchi «Pasolini, massacro di un poeta» si dimostra che sul corpo del poeta non era presente alcuna traccia di liquido seminale. E quindi l’incontro omosessuale non ci fu, e fu invece - sostiene la Zecchi - una trappola e un massacro. Ma non si tratta dell’unica novità, anzi, altri e diversi sono gli elementi nuovi che emergono dal libro: oltre all’Alfa Gt del poeta a raggiungere la lingua di fango e sabbia a Ostia c’erano almeno altre tre macchine. La foto dell’Alfa Gt di proprietà di un uomo appartenente al clan dei Marsigliesi (scomparso nel nulla nel febbraio del 1976) che ha sormontato il poeta uccidendolo barbaramente viene per la prima volta mostrata al lettore in questo libro. L’inchiesta rivela, infatti, il possesso, da parte della famiglia dell’uomo, di un’Alfa Gt 2000. E’ questa la macchina che lascia tracce d’olio sul capo devastato di Pasolini e sulla sua canottiera. La Gt del poeta, al contrario, passando in velocità sul corpo resta integra senza perdere olio. Nuove tracce di pneumatici sul corpo del poeta vengono poi scoperte dall’autrice e mostrate per la prima volta al lettore. Tanti erano i soggetti presenti quella sera: almeno tredici, come indica l’inchiesta. Tutti uniti dal comune obiettivo di uccidere Pasolini in un «massacro tribale». I feroci segni del pestaggio fascista, mai mostrati sinora, vengono mostrati ed analizzati. Tante e importanti poi le piste lasciate morire anche dalle ultime indagini che nel libro vengono sviluppate e illustrate nel dettaglio. Piste che conducono tutte a una trappola mossa da un espediente: il furto dei negativi originali del film Salò o le 120 giornate di Sodoma che costringe Pasolini a presentarsi quella sera per salvare il suo lavoro. Per la prima volta inoltre l’inchiesta rivela la presenza di un’altra macchina in uso a Pino Pelosi (l’unico condannato ufficiale per l’omicidio). Una Fiat 850 blu, infatti, sparisce la notte dell’appuntamento alla stazione Termini per far posto all’altra macchina, stesso modello di colore bianco, la cui presenza depista gli inquirenti. Il ruolo centrale dell’organizzazione dell’estrema destra Ordine Nero, fatta sciogliere dal Viminale in quegli anni, emerge tra le vecchie carte dell’inchiesta giudiziaria e collega Catania a Roma come i luoghi di provenienza del commando che ha messo fine alla vita dell’intellettuale. Nuovi documenti giudiziari e privati (come il carteggio fra lo scrittore e l’ambiguo editore di destra Giovanni Ventura) vengono pubblicati in questa inchiesta per la prima volta. Le piste sinora più accreditate come moventi del «massacro tribale“ (il capitolo scomparso o mai pubblicato di Petrolio, «l’Appunto 21» e l’omicidio di Enrico Mattei) vengono definite monche dall’autrice attraverso nuove analisi e nuovi elementi. La giornalista ricostruisce degli eventi inediti precedenti e successivi alla morte del poeta che chiudono il cerchio sulla strategia messa in atto per eliminarlo definitivamente: le minacce telefoniche subite da Pasolini si intrecciano infatti a un sabotaggio compiuto nei pressi della sua abitazione e all’isolamento telefonico cui fu sottoposto. Un libro che cambia le carte in tavola sull’omicidio. E le mostra.

Pasolini, massacro di un poeta

di Simona Zecchi

Ponte alle Grazie, pag. 316, euro 16,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»