Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Il maglione di cashmere

Ricevi gratis le news
0

Marta Silvi Bergamaschi

Sta guardando dentro il suo cuore, così come si guarda l’orologio: e la cosa che ha sempre sognato è ancora lì, soffice, calda, un colore delicato, una voluttuosa morbidezza, un sogno modesto dopo una vita di lavoro. Suvvia, Gino, decidi. Gino pensa a un maglione di cashmere. Sogno banale, di una leggerezza sconcertante. Eppure è così. La vita è un gioco di ore che rapide trascorrono tra il mistero della nascita e della morte. Gino è in pensione, è solo, ha lavorato scrupolosamente in un ufficio statale, anonimo impiegato; ora che è in pensione, le ore, senza nessun riguardo, corrono veloci… verso che cosa? Non vuole pensarci. Oggi pare una discreta giornata. Un sole pigro si fa strada, tra il grigiore polveroso dell’aria, un’aria livida e immota , pericolosa, aria di crisi generale, dovuta all’avida incoscienza degli uomini. Lui per tutta la vita ha camminato sulle sue gambe. O ha corso in bicicletta, verso il verde di immensi prati o tra sentieri ombreggiati di alte piante. Le piante, la sua passione. Esse danno la vita: la loro assenza è lenta morte. «Senza auto Gino?» gli chiedono gli amici. «Senza auto, certo; si vive ugualmente, come vedete». Non ha mai dimenticato i suoi poverissimi genitori, che con inauditi sacrifici gli hanno consentito di studiare. È arrivato al diploma. Ragioniere. Ha vinto un concorso. La strada normale ha percorso; mai accettato raccomandazioni. «Troppo bravo sei» gli dice Antonio, il suo amico. «Non ripeterlo: può darsi stia pensando di uccidere qualcuno o di svaligiare una banca. Sono una persona semplice, ecco che cosa sono. Guardati comunque dalle persone semplici». Ridono. Non hanno disimparato a scherzare. Questa sì che è una cosa importante. Gino cammina per la città semideserta. Sono le cinque di un freddo pomeriggio di febbraio. Ecco la vetrina che ha sempre timidamente ammirato. E se lo acquistassi… rosso? Un pensiero come un fulmine. Sfacciato colore? Un colore vitale: rosso come l’aurora, rosso come il fiore del melograno, rosso come i papaveri, rosso come la camicia di Garibaldi. La parola «rosso» gli dà sicurezza, lo anima, lo riporta all’infanzia: si sente un elefante, poi un gallo, quindi la parola diventa alata, coraggiosa come una gazza nel vento. Gino sale un gradino, apre la porta. Una bella signora gli sorride: un sorriso dolce, delicato s’apre in un viso trasparente che invita a parlare, a sentirsi a proprio agio. «Desidera?» chiede. «Vorrei vedere un maglione di cashmere… rosso». «Il rosso - dice la signora - è un colore sempre di moda». Ha forse intuito il suo sotteso imbarazzo? La signora si alza, percorre il negozio che è bellissimo, un ambiente antico, travi a vista , originali quadri, oggetti preziosi: un’atmosfera particolare. Eccolo il suo maglione: è lì, sul ripiano di un tavolo, chiede di essere accarezzato. Emana un calore umano, è soffice come il pane: seduce. Gino resta con le parole in gola. È così bello il suo maglione taglia cinquantuno che lo indosserebbe subito. Ma tornerà domani, perché è uscito con una somma esigua. Il bancomat non lo possiede. È uscito senza uno scopo concreto. Però... però è uscito per cercare un maglione. Suvvia, Gino, sii onesto. «Il prezzo?» chiede. «Novecento euro, ma le faccio lo sconto: seicento, le va?». Gino coglie nella donna una nota di simpatia. «Sarà contento anche il capo: è una persona generosa». Gino pensa: seicento, quasi la metà della mia pensione. Torna a casa che è sera. La striscia rossa del sole malato è un commiato triste. Le auto, in fila come bestie smarrite, bevono la loro mefitica saliva. Al diavolo anche il progresso, mormora incazzato Gino, va tutto alla malora. Il mattino dopo, sempre molto presto, acquista i giornali. Legge «Pensioni e perdita d’acquisto. Aumenti in arresto. Dal 3,2 allo 0,7.: ne consegue che nei mesi di febbraio e marzo con l’applicazione delle addizionali comunali e regionali le pensioni subiranno una consistente diminuzione». Una splendida notizia. Poi legge nell’interessante rubrica delle «Lettere al direttore» le amare parole di un pensionato. «Scudo e pensioni: 9,5 miliardi di euro, rientrati in Italia dai paradisi fiscali, hanno pagato il 5% (!) di tasse». Continua con esaustive spiegazioni. Le solite ingiustizie: «La morale è sempre la solita: l’Italia ha due categorie di cittadini: quelli che pagano le tasse e quelli che non le pagano». Bravo il paese dell’Amore! Addio maglione rosso, pensa Gino, non rivedrò più la dolce signora che ha nome Ornella. Ornella addio! Ma i sogni restano nel cuore e nessuno, proprio nessuno, potrà mai rubarli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS