17°

30°

Intervista

Altruismo, valore da riscoprire

Dacia Maraini, autrice del romanzo «La bambina e il sognatore». «Il protagonista del mio libro? Un uomo buono che agisce senza interesse»

Altruismo, valore da riscoprire
0
 

Una bambina di otto anni, Lucia Treggiani scompare in una piccola cittadina e un uomo sogna le fasi del suo rapimento. Il sognatore è il maestro quarantenne Ninì Sapienza, che ha perso una figlia, Martina, della stessa età morta di leucemia, e ora vive solo dopo che la moglie l’ha abbandonato. La morte della figlia ha distrutto il matrimonio anche se più che l’amore è venuta a mancare tra i due coniugi la comprensione per la sopportazione e la condivisione di un dolore immenso. Passano i mesi, della piccola Lucia Treggiani non si sa più nulla e la polizia smette di cercarla. Tutti la danno per morta, ma Sapienza, che continua a sognarla, indaga, non si arrende. Non è un profeta, non è un indovino e nemmeno un sensitivo, ma il pensiero della piccola Lucia lo esorta a cercarla ancora, tanto da rischiare di essere sospettato dalla polizia e accusato dagli stessi genitori della piccola come un possibile pedofilo. E' un quadro di deprimenti sconquassi sociali e familiari quello che la Maraini ci presenta in «La bambina e il sognatore» (Rizzoli, pag. 411, € 11,00), ritratto critico di una civiltà che imbarbarisce nel contesto di ossessioni e viltà che nel sesso brutale e nel mancato rispetto dei diritti sembra avviata ad un declino inarrestabile.

Con la figura del maestro Sapienza, un protagonista maschile, fatto insolito per i suoi romanzi, lei ha voluto costruire una sorta di simbolo positivo?

Sì, è proprio così, ma non si tratta di un libro che ho scritto a tavolino: le cose per un narratore nascono più nel profondo e questo personaggio non è stato programmato. Negli ultimi anni ho frequentato molto le scuole per parlare a scolari e studenti, e ho avuto modo di incontrare molti insegnanti e di apprezzare il loro lavoro. Il personaggio di Sapienza nasce da questi incontri, e non è un’operazione strategica ma istintiva. Spesso i personaggi bussano alla mia porta, chiedono di essere raccontati. Qualche volta non apro, altre volte li accolgo e le loro storie diventano le mie.

Perché un uomo buono come il maestro Sapienza che rispetta i principi più veri della vita civile, suscita discredito, indignazione e sospetto?

La parola buono – parola bellissima che faceva piacere sentirsela dire – oggi è diventata quasi una parolaccia: si dice buonismo, buonista, e così trasformato il termine «buono» è quasi un insulto, una perversione. Ho pensato di creare un giusto, pur con tutte le sue fragilità, le sue difficoltà e contraddizioni, che opera per il bene degli altri e non fa male a nessuno, ma la lealtà spontanea è sempre vista con sospetto come una sorta di follia. Ciò fa parte delle grandi incoerenze del nostro tempo: una persona che si comporta in maniera giusta recupera valori che sono stati completamente abbandonati, ma non è compreso da una società pettegola, poco altruista, facilmente indignabile e menefreghista.

Siamo davvero così?

In questo momento sì, purtroppo. C’è un rilassamento del sentimento etico molto forte e da qui nascono la corruzione, la vendita e l’acquisto dei corpi, la prostituzione minorale: tutte cose che proliferano sulla mancanza di coscienza etica. In primo piano nel libro la tragedia della pedofilia.

Il maestro Sapienza è aiutato nella sua ricerca da Francesco, un giovane allievo. In questo ragazzo ha voluto impersonare il lato buono della nostra società poco attenta alle disgrazie degli altri?

Francesco è quello che viene fuori dalle nostre scuole, in cui ognuno è lasciato un po’ a sé stesso, in mezzo al disordine e alla confusione. Ma è anche il prodotto di una famiglia disastrata (il padre s’è suicidato) e questo l’ha reso più maturo della sua età.

Finché c’è un sognatore, c’è speranza per la giustizia nel mondo?

Fondamentalmente sono ottimista anche se mi rendo conto che il mondo è un posto molto pericoloso e molto difficile in cui vivere, però penso che ci siano le forze per reagire: bisogna solo muoverle, istigarle di più. Servano da esempio i recenti fatti di Bagheria, il paese della famiglia di mia madre in Sicilia, dove ci stabilimmo nel 1946 al ritorno dal Giappone: i commercianti locali si sono rivolti alla polizia per non dover più pagare il pizzo alla mafia e numerosi delinquenti sono stati arrestati. E' molto importante che la società si muova, non solo la polizia e la magistratura: è la collaborazione dell’opinione pubblica la vera forza contundente per sventare tanti odiosi crimini.

La bambina e il sognatore

di Dacia Maraini

Rizzoli, pag. 411, euro 11,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Cena romana per Ivanka a base di gnocchi cacio e pepe

LA VISITA

Cena romana per Ivanka a base di gnocchi cacio e pepe

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I due gatti

CHICHIBIO

"I due Gatti": qui è nata la pizza gourmet... E non solo

di Chichibio

Lealtrenotizie

Avversari all'attacco di Pizzarotti

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

LEGA PRO

Il Parma vuole la qualificazione

PERSONAGGIO

Picelli, il «vecio dei Capannoni» e la storia del quartiere Cristo

LANGHIRANO

Motorini, proteste per l'«invasione»

Volontariato

Sorbolo piange Lina, l'angelo degli anziani

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

COMO

False abilitazioni per autotrasportatori: un impiegato Parmalat fra i 12 arrestati

Coinvolti anche 73 autisti legati alla multinazionale. La Parmalat: "Sono collaboratori esterni, siamo parte lesa"

IL FATTO DEL GIORNO

I terroristi sono criminali paranoici ma noi siamo troppo deboli e divisi Video

CALCIO

Parma-Piacenza: ecco le modifiche alla viabilità. Vietata la vendita di alcolici

2commenti

Tg Parma

Cerca di rubare una bici: fermato in via Cavour da un agente fuori servizio Video

Inchiesta sanità

Interrogato De Luca, manager del colosso Angelini: "Ogni risposta è stata documentata" Video

Il manager è difeso da Giulia Bongiorno

CALCIO

Parma-Piacenza, contrattura per Lucarelli. Venduti più di 6mila biglietti

Problemi tecnici: posticipata la chiusura della prevendita per il settore Ospiti

San Leonardo

Ennesima rissa tra pusher

38commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La forza di saper dire "scusate, ho sbagliato"

di Michele Brambilla

4commenti

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

Napoli

Accoltella un compagno in classe per "provare la lama"

Manchester

Kamikaze al concerto: 22 morti e 12 dispersi. L'Isis rivendica Foto

3commenti

SOCIETA'

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

2commenti

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

3commenti

SPORT

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

GENOVA

E' morto Stefano Farina, designatore degli arbitri di serie B

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare