-4°

Intervista

Altruismo, valore da riscoprire

Dacia Maraini, autrice del romanzo «La bambina e il sognatore». «Il protagonista del mio libro? Un uomo buono che agisce senza interesse»

Altruismo, valore da riscoprire
0
 

Una bambina di otto anni, Lucia Treggiani scompare in una piccola cittadina e un uomo sogna le fasi del suo rapimento. Il sognatore è il maestro quarantenne Ninì Sapienza, che ha perso una figlia, Martina, della stessa età morta di leucemia, e ora vive solo dopo che la moglie l’ha abbandonato. La morte della figlia ha distrutto il matrimonio anche se più che l’amore è venuta a mancare tra i due coniugi la comprensione per la sopportazione e la condivisione di un dolore immenso. Passano i mesi, della piccola Lucia Treggiani non si sa più nulla e la polizia smette di cercarla. Tutti la danno per morta, ma Sapienza, che continua a sognarla, indaga, non si arrende. Non è un profeta, non è un indovino e nemmeno un sensitivo, ma il pensiero della piccola Lucia lo esorta a cercarla ancora, tanto da rischiare di essere sospettato dalla polizia e accusato dagli stessi genitori della piccola come un possibile pedofilo. E' un quadro di deprimenti sconquassi sociali e familiari quello che la Maraini ci presenta in «La bambina e il sognatore» (Rizzoli, pag. 411, € 11,00), ritratto critico di una civiltà che imbarbarisce nel contesto di ossessioni e viltà che nel sesso brutale e nel mancato rispetto dei diritti sembra avviata ad un declino inarrestabile.

Con la figura del maestro Sapienza, un protagonista maschile, fatto insolito per i suoi romanzi, lei ha voluto costruire una sorta di simbolo positivo?

Sì, è proprio così, ma non si tratta di un libro che ho scritto a tavolino: le cose per un narratore nascono più nel profondo e questo personaggio non è stato programmato. Negli ultimi anni ho frequentato molto le scuole per parlare a scolari e studenti, e ho avuto modo di incontrare molti insegnanti e di apprezzare il loro lavoro. Il personaggio di Sapienza nasce da questi incontri, e non è un’operazione strategica ma istintiva. Spesso i personaggi bussano alla mia porta, chiedono di essere raccontati. Qualche volta non apro, altre volte li accolgo e le loro storie diventano le mie.

Perché un uomo buono come il maestro Sapienza che rispetta i principi più veri della vita civile, suscita discredito, indignazione e sospetto?

La parola buono – parola bellissima che faceva piacere sentirsela dire – oggi è diventata quasi una parolaccia: si dice buonismo, buonista, e così trasformato il termine «buono» è quasi un insulto, una perversione. Ho pensato di creare un giusto, pur con tutte le sue fragilità, le sue difficoltà e contraddizioni, che opera per il bene degli altri e non fa male a nessuno, ma la lealtà spontanea è sempre vista con sospetto come una sorta di follia. Ciò fa parte delle grandi incoerenze del nostro tempo: una persona che si comporta in maniera giusta recupera valori che sono stati completamente abbandonati, ma non è compreso da una società pettegola, poco altruista, facilmente indignabile e menefreghista.

Siamo davvero così?

In questo momento sì, purtroppo. C’è un rilassamento del sentimento etico molto forte e da qui nascono la corruzione, la vendita e l’acquisto dei corpi, la prostituzione minorale: tutte cose che proliferano sulla mancanza di coscienza etica. In primo piano nel libro la tragedia della pedofilia.

Il maestro Sapienza è aiutato nella sua ricerca da Francesco, un giovane allievo. In questo ragazzo ha voluto impersonare il lato buono della nostra società poco attenta alle disgrazie degli altri?

Francesco è quello che viene fuori dalle nostre scuole, in cui ognuno è lasciato un po’ a sé stesso, in mezzo al disordine e alla confusione. Ma è anche il prodotto di una famiglia disastrata (il padre s’è suicidato) e questo l’ha reso più maturo della sua età.

Finché c’è un sognatore, c’è speranza per la giustizia nel mondo?

Fondamentalmente sono ottimista anche se mi rendo conto che il mondo è un posto molto pericoloso e molto difficile in cui vivere, però penso che ci siano le forze per reagire: bisogna solo muoverle, istigarle di più. Servano da esempio i recenti fatti di Bagheria, il paese della famiglia di mia madre in Sicilia, dove ci stabilimmo nel 1946 al ritorno dal Giappone: i commercianti locali si sono rivolti alla polizia per non dover più pagare il pizzo alla mafia e numerosi delinquenti sono stati arrestati. E' molto importante che la società si muova, non solo la polizia e la magistratura: è la collaborazione dell’opinione pubblica la vera forza contundente per sventare tanti odiosi crimini.

La bambina e il sognatore

di Dacia Maraini

Rizzoli, pag. 411, euro 11,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Regio

L'umanità raccontata da Brunori Sas Foto

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery