14°

Arte-Cultura

Bottioni e Reverberi: filosofia per due

Bottioni e Reverberi: filosofia per due
0
Fino al 18 marzo espongono nell’antica ex Farmacia San Filippo Neri, sede di Art’Emilia, il pittore Paolo Bottioni e lo scultore Gian Reverberi, insieme sotto il titolo comune «Stessa filosofia per due creatività diverse», uno slogan dovuto all’evoluzione artistica che gli autori hanno avuto nel tempo: infatti, entrambi partono da una consistente esperienza del figurativo per arrivare all’attuale sintesi coloristico-espressiva, di matrice astratta in Bottioni e analitico-plastica in Reverberi. Entrambi aderiscono e confermano il pensiero scritto da Malevic nel manifesto del Suprematismo «un artista che non imita, ma crea, esprime se stesso; le sue opere non sono immagini riflesse della natura, ma nuove realtà, non meno significative delle stesse realtà naturali».
Paolo Bottioni presenta quattro opere di grande formato sul mondo dei bambini: le sue opere, che si compongono di più pannelli accostati fra loro, più che il bambino esprimono le sensazioni, le emozioni e il sentimento che questi destano nell’artista; per lui, nonno felice, rimane fondamentale il ruolo del colore come veicolo di sentimenti. Come dice l’Arnhaim in «Arte e percezione visiva», «il colore ha sempre rappresentato una delle più alte forme di discriminazione in possesso dell’uomo». Da sempre il colore, con la sua valenza simbolica, ha ben rappresentato i molteplici stati emotivi dell’animo umano: quindi può rappresentare il nostro sentimento. Lo spazio sulla tela si fa così spazio dell’anima, luogo interiore; in Bottioni tutto questo avviene attraverso una pittura astratta,  percorso artistico che diventa viaggio nei sentimenti. Gian Reverberi presenta l’ultima evoluzione della sua ricerca sui panneggi scultorei, che è partita nel 1994, proponendo la rivalutazione del panneggio stesso, assumendolo come soggetto ed esaltandone le potenzialità plastiche e  dinamiche, riscattandone il ruolo di oggetto complementare e subalterno alla soggettistica figurativa che ha predominato nell’arte fino alla fine dell’800. Quindi, nelle varie opere, i panneggi di Reverberi assumono via via diverse forme ed effetti plastici, che nella loro semplicità esprimono sensazioni e stati d’animo. Questa ultima fase del lavoro di Reverberi prende origine dai primi panneggi gonfi di vento e fluttuanti nell’aria, assumendo come pretesto questa condizione di sospensione del drappo, per esprimere intrinsecamente, attraverso le semplici pieghe, sensazioni di armonia, fino a tensione e nervosismo. Ad esempio, nelle vele si può leggere, pur nella loro semplicità, una situazione di tensione, ma anche di potenza, che esprime la volontà di proseguire in una determinata direzione, che probabilmente è quella della stessa ricerca di Reverberi.B.R.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica alla Latteria dal Beccio

pgn

Musica alla Latteria dal Beccio Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

8commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

CALCIO

A Salò un Parma affamato Diretta dalle 16,30

Manca Baraye, squalificato: al suo posto dovrebbe giocare Scaglia

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

6commenti

ITALIA/MONDO

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

Sant’Ilario

Rubava il telefono ai giocatori di videopoker: denunciato 35enne

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Coppa del mondo

Sci: Peter Fill vince il SuperG. Argento per gli azzurri nel Team sprint

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia