-5°

arte

L'Urbe in pianura padana

L'Urbe in pianura padana
0
 

Il pranzo è servito. La gentildonna Tatakephlei ha offerto agli ospiti un banchetto con ciotole e piatti con la sua firma. Siamo a Spina alla fine del IV secolo a. C. (circa duemilatrecento anni or sono): l’eccezionale servizio da tavola di dodici pezzi è stato fortunatamente trovato in un’abitazione, crollata per un incendio, insieme ad altre olle, pentole e una ciotola di vernice nera con il graffito «Keltie», il Celta, a testimoniare in loco l’intreccio di più culture alle quali si aggiungerà quella romana.

Infatti, tra il III e il I secolo a.C. Roma repubblicana ha esteso il suo dominio sulla valle del Po e sull’Italia settentrionale con una conquista graduale conclusasi con la concessione agli abitanti della piena cittadinanza romana ai tempi di Giulio Cesare. Si è trattato di una proficua fusione di popolazioni che avevano tradizioni ricche e variegate (galliche, venete, etrusche) da cui è nata la Gallia Cisalpina «che nel I secolo a. C. e per tutta l’età augustea è stata una delle regioni più vitali del mondo mediterraneo».

Questa appassionante e complessa vicenda viene raccontata con grande ricchezza di immagini nella mostra in corso a Brescia al Museo di Santa Giulia (fino al prossimo 17 gennaio) intitolata «Brixia. Roma e le genti del Po. III – I secolo a.C. un incontro di culture» progettata da Luigi Malnati e Filli Rossi; Malnati con Valentina Manzelli ha curato il ricchissimo catalogo edito dalla Giunti con numerosi saggi di famosi studiosi e contributi specialistici fra cui quelli di Manuela Catarsi, Laura Forte e Anna Rita Marchi per Parma.

La rassegna, infatti, spazia per tutta l’Italia settentrionale (Lombardia, Triveneto, Emilia, Piemonte) ed è suddivisa in dodici sezioni. Le prime hanno un andamento cronologico presentando la situazione di vari centri emblematici prima della calata di Annibale; le conseguenze delle operazioni belliche in Val Padana e la sconfitta dei Celti; la creazione della Repubblica Cisalpina. Poi l’ottica cambia e vengono indagate le città coi loro simboli, gli impianti urbani, gli edifici civili e di culto, il gusto privato.

Infine lo sguardo si allunga sulla trasformazione del territorio, l’economia, gli dei locali e i letterati della Cisalpina tra cui Cassius Parmensis «cesaricida, diffamatore di Ottaviano e ricordato come poeta da Orazio in un’epistola a Tibullo». Il materiale esposto è estremamente variegato e proviene da tutti i musei dell’area interessata, compreso il Museo archeologico nazionale di Parma che ha prestato monete in bronzo di Paestum, Velia, Efeso scoperte nel guado del torrente Parma all’altezza della Ghiaia: probabilmente offerte alla divinità per il passaggio; l’elmo italo-etrusco in bronzo fuso (IV-III sec. A.C.) rinvenuto casualmente a Casa Selvatica di Berceto (riprodotto nella copertina del catalogo); un brano di pavimento in cementizio con tessere musive componenti un ornato geometrico, recuperato in borgo Tommasini; una lastra in pietra di Vicenza con l’iscrizione «Lucius Mummius»; un frammento di metopa con figura femminile proveniente dal Capitolium in piazza Garibaldi. Il percorso mira a sottolineare la forza comunicativa dei materiali iniziando dai ritratti: teste in marmo e bronzo. Il cosiddetto «Ritratto di Scipione» in bronzo degli inizi del I secolo d. C. ha le iridi in pietra grigia e le pupille in pietra nera che accentuano il realismo segnato dalle rughe sulla fronte. Il «Principe ellenistico» in marmo greco (II secolo a. C.) invece riflette un linguaggio idealizzato che inizia a mutare poco dopo, come si vede nel «Ritratto di Gaio Mario» dalle mascelle sporgenti e lo sguardo penetrante. La documentazione sulle popolazioni locali prima della romanizzazione ci è giunta attraverso le tombe. Da Bologna arriva una raffinata corona d’oro a foglioline di produzione etrusca mentre il diadema d’oro di Spina presenta rosette a sbalzo del repertorio celtico; alla produzione veneta si riferiscono laminette auree con figure femminili e guerrieri.

Copioso il materiale in ceramica ritrovato ad Andria, nel delta del Po, tra cui il kelbe (vaso ansato con ventre ovoidale) a figure rosse del Pittore di Asciano, l’elegante kantharos a vernice nera con anse annodate e la patera (bassissima scodella rituale) a vernice nera con figure in rilievo di produzione volterrana.

Esempi di persistenza della cultura locale arrivano da Sarsina con bronzetti votivi molto stilizzati. A Ravenna invece emergono i rapporti con la Grecia nelle monete e nelle ceramiche a figure rosse. Con l’espansione romana cambia il panorama insediativo di gran parte della Padania: nascono nuove colonie, viene tracciata la via Emilia lungo la quale sorge anche Parma (183 a. C.) col foro (piazza Garibaldi) e vari luoghi di culto.

Le espressioni artistiche si evolvono. Ecco la bella testa in marmo di una divinità femminile da Alba Pompeia; statue funerarie di matrone, di togati; pavimenti musivi; mosaici con tralci vegetali, maschere, pesci, frutta; corredi cinerari; iscrizioni; monete; bassorilievi; statuette in argento: un vastissimo campionario che mostra la vitalità e l’evoluzione della gente padana in quei secoli cruciali di assestamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

Marche

SOCCORSO ALPINO         

Neve altissima sull'Appennino marchigiano

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

1commento

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli stuzzichini per aperitivo della Peppa

LA PEPPA

Ricette in video: gli stuzzichini per aperitivi

Lealtrenotizie

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: domani il funerale a Langhirano Video

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

10commenti

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

1commento

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

3commenti

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

15commenti

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

Il racconto

«Quando Roosevelt si insediò al Campidoglio»

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

2commenti

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

1commento

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

3commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

4commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

Stati Uniti

Oggi Donald Trump diventa presidente Video

SOCIETA'

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

4commenti

SPORT

sport

Tragedia al rally di Montecarlo, morto spettatore

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta