11°

29°

arte

L'Urbe in pianura padana

L'Urbe in pianura padana
0
 

Il pranzo è servito. La gentildonna Tatakephlei ha offerto agli ospiti un banchetto con ciotole e piatti con la sua firma. Siamo a Spina alla fine del IV secolo a. C. (circa duemilatrecento anni or sono): l’eccezionale servizio da tavola di dodici pezzi è stato fortunatamente trovato in un’abitazione, crollata per un incendio, insieme ad altre olle, pentole e una ciotola di vernice nera con il graffito «Keltie», il Celta, a testimoniare in loco l’intreccio di più culture alle quali si aggiungerà quella romana.

Infatti, tra il III e il I secolo a.C. Roma repubblicana ha esteso il suo dominio sulla valle del Po e sull’Italia settentrionale con una conquista graduale conclusasi con la concessione agli abitanti della piena cittadinanza romana ai tempi di Giulio Cesare. Si è trattato di una proficua fusione di popolazioni che avevano tradizioni ricche e variegate (galliche, venete, etrusche) da cui è nata la Gallia Cisalpina «che nel I secolo a. C. e per tutta l’età augustea è stata una delle regioni più vitali del mondo mediterraneo».

Questa appassionante e complessa vicenda viene raccontata con grande ricchezza di immagini nella mostra in corso a Brescia al Museo di Santa Giulia (fino al prossimo 17 gennaio) intitolata «Brixia. Roma e le genti del Po. III – I secolo a.C. un incontro di culture» progettata da Luigi Malnati e Filli Rossi; Malnati con Valentina Manzelli ha curato il ricchissimo catalogo edito dalla Giunti con numerosi saggi di famosi studiosi e contributi specialistici fra cui quelli di Manuela Catarsi, Laura Forte e Anna Rita Marchi per Parma.

La rassegna, infatti, spazia per tutta l’Italia settentrionale (Lombardia, Triveneto, Emilia, Piemonte) ed è suddivisa in dodici sezioni. Le prime hanno un andamento cronologico presentando la situazione di vari centri emblematici prima della calata di Annibale; le conseguenze delle operazioni belliche in Val Padana e la sconfitta dei Celti; la creazione della Repubblica Cisalpina. Poi l’ottica cambia e vengono indagate le città coi loro simboli, gli impianti urbani, gli edifici civili e di culto, il gusto privato.

Infine lo sguardo si allunga sulla trasformazione del territorio, l’economia, gli dei locali e i letterati della Cisalpina tra cui Cassius Parmensis «cesaricida, diffamatore di Ottaviano e ricordato come poeta da Orazio in un’epistola a Tibullo». Il materiale esposto è estremamente variegato e proviene da tutti i musei dell’area interessata, compreso il Museo archeologico nazionale di Parma che ha prestato monete in bronzo di Paestum, Velia, Efeso scoperte nel guado del torrente Parma all’altezza della Ghiaia: probabilmente offerte alla divinità per il passaggio; l’elmo italo-etrusco in bronzo fuso (IV-III sec. A.C.) rinvenuto casualmente a Casa Selvatica di Berceto (riprodotto nella copertina del catalogo); un brano di pavimento in cementizio con tessere musive componenti un ornato geometrico, recuperato in borgo Tommasini; una lastra in pietra di Vicenza con l’iscrizione «Lucius Mummius»; un frammento di metopa con figura femminile proveniente dal Capitolium in piazza Garibaldi. Il percorso mira a sottolineare la forza comunicativa dei materiali iniziando dai ritratti: teste in marmo e bronzo. Il cosiddetto «Ritratto di Scipione» in bronzo degli inizi del I secolo d. C. ha le iridi in pietra grigia e le pupille in pietra nera che accentuano il realismo segnato dalle rughe sulla fronte. Il «Principe ellenistico» in marmo greco (II secolo a. C.) invece riflette un linguaggio idealizzato che inizia a mutare poco dopo, come si vede nel «Ritratto di Gaio Mario» dalle mascelle sporgenti e lo sguardo penetrante. La documentazione sulle popolazioni locali prima della romanizzazione ci è giunta attraverso le tombe. Da Bologna arriva una raffinata corona d’oro a foglioline di produzione etrusca mentre il diadema d’oro di Spina presenta rosette a sbalzo del repertorio celtico; alla produzione veneta si riferiscono laminette auree con figure femminili e guerrieri.

Copioso il materiale in ceramica ritrovato ad Andria, nel delta del Po, tra cui il kelbe (vaso ansato con ventre ovoidale) a figure rosse del Pittore di Asciano, l’elegante kantharos a vernice nera con anse annodate e la patera (bassissima scodella rituale) a vernice nera con figure in rilievo di produzione volterrana.

Esempi di persistenza della cultura locale arrivano da Sarsina con bronzetti votivi molto stilizzati. A Ravenna invece emergono i rapporti con la Grecia nelle monete e nelle ceramiche a figure rosse. Con l’espansione romana cambia il panorama insediativo di gran parte della Padania: nascono nuove colonie, viene tracciata la via Emilia lungo la quale sorge anche Parma (183 a. C.) col foro (piazza Garibaldi) e vari luoghi di culto.

Le espressioni artistiche si evolvono. Ecco la bella testa in marmo di una divinità femminile da Alba Pompeia; statue funerarie di matrone, di togati; pavimenti musivi; mosaici con tralci vegetali, maschere, pesci, frutta; corredi cinerari; iscrizioni; monete; bassorilievi; statuette in argento: un vastissimo campionario che mostra la vitalità e l’evoluzione della gente padana in quei secoli cruciali di assestamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

7commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

5commenti

gazzareporter

Boccone avvelenato? Allarme in Cittadella Le foto

L'INIZIATIVA

Parma città creativa dell'Unesco: nasce la Fondazione

L'organismo è aperto. Per ora ne fanno parte Comune, Fiere, Upi, Cciaa e Università

tardini

Al via la prevendita per Parma-Lucchese

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

4commenti

Elezioni 2017

Cattabiani denuncia un attacco hacker al suo sito e parla di atti intimidatori

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

WEEKEND

Cantine aperte, moto, maschere: 5 eventi da non perdere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima