10°

arte

L'Urbe in pianura padana

L'Urbe in pianura padana
0
 

Il pranzo è servito. La gentildonna Tatakephlei ha offerto agli ospiti un banchetto con ciotole e piatti con la sua firma. Siamo a Spina alla fine del IV secolo a. C. (circa duemilatrecento anni or sono): l’eccezionale servizio da tavola di dodici pezzi è stato fortunatamente trovato in un’abitazione, crollata per un incendio, insieme ad altre olle, pentole e una ciotola di vernice nera con il graffito «Keltie», il Celta, a testimoniare in loco l’intreccio di più culture alle quali si aggiungerà quella romana.

Infatti, tra il III e il I secolo a.C. Roma repubblicana ha esteso il suo dominio sulla valle del Po e sull’Italia settentrionale con una conquista graduale conclusasi con la concessione agli abitanti della piena cittadinanza romana ai tempi di Giulio Cesare. Si è trattato di una proficua fusione di popolazioni che avevano tradizioni ricche e variegate (galliche, venete, etrusche) da cui è nata la Gallia Cisalpina «che nel I secolo a. C. e per tutta l’età augustea è stata una delle regioni più vitali del mondo mediterraneo».

Questa appassionante e complessa vicenda viene raccontata con grande ricchezza di immagini nella mostra in corso a Brescia al Museo di Santa Giulia (fino al prossimo 17 gennaio) intitolata «Brixia. Roma e le genti del Po. III – I secolo a.C. un incontro di culture» progettata da Luigi Malnati e Filli Rossi; Malnati con Valentina Manzelli ha curato il ricchissimo catalogo edito dalla Giunti con numerosi saggi di famosi studiosi e contributi specialistici fra cui quelli di Manuela Catarsi, Laura Forte e Anna Rita Marchi per Parma.

La rassegna, infatti, spazia per tutta l’Italia settentrionale (Lombardia, Triveneto, Emilia, Piemonte) ed è suddivisa in dodici sezioni. Le prime hanno un andamento cronologico presentando la situazione di vari centri emblematici prima della calata di Annibale; le conseguenze delle operazioni belliche in Val Padana e la sconfitta dei Celti; la creazione della Repubblica Cisalpina. Poi l’ottica cambia e vengono indagate le città coi loro simboli, gli impianti urbani, gli edifici civili e di culto, il gusto privato.

Infine lo sguardo si allunga sulla trasformazione del territorio, l’economia, gli dei locali e i letterati della Cisalpina tra cui Cassius Parmensis «cesaricida, diffamatore di Ottaviano e ricordato come poeta da Orazio in un’epistola a Tibullo». Il materiale esposto è estremamente variegato e proviene da tutti i musei dell’area interessata, compreso il Museo archeologico nazionale di Parma che ha prestato monete in bronzo di Paestum, Velia, Efeso scoperte nel guado del torrente Parma all’altezza della Ghiaia: probabilmente offerte alla divinità per il passaggio; l’elmo italo-etrusco in bronzo fuso (IV-III sec. A.C.) rinvenuto casualmente a Casa Selvatica di Berceto (riprodotto nella copertina del catalogo); un brano di pavimento in cementizio con tessere musive componenti un ornato geometrico, recuperato in borgo Tommasini; una lastra in pietra di Vicenza con l’iscrizione «Lucius Mummius»; un frammento di metopa con figura femminile proveniente dal Capitolium in piazza Garibaldi. Il percorso mira a sottolineare la forza comunicativa dei materiali iniziando dai ritratti: teste in marmo e bronzo. Il cosiddetto «Ritratto di Scipione» in bronzo degli inizi del I secolo d. C. ha le iridi in pietra grigia e le pupille in pietra nera che accentuano il realismo segnato dalle rughe sulla fronte. Il «Principe ellenistico» in marmo greco (II secolo a. C.) invece riflette un linguaggio idealizzato che inizia a mutare poco dopo, come si vede nel «Ritratto di Gaio Mario» dalle mascelle sporgenti e lo sguardo penetrante. La documentazione sulle popolazioni locali prima della romanizzazione ci è giunta attraverso le tombe. Da Bologna arriva una raffinata corona d’oro a foglioline di produzione etrusca mentre il diadema d’oro di Spina presenta rosette a sbalzo del repertorio celtico; alla produzione veneta si riferiscono laminette auree con figure femminili e guerrieri.

Copioso il materiale in ceramica ritrovato ad Andria, nel delta del Po, tra cui il kelbe (vaso ansato con ventre ovoidale) a figure rosse del Pittore di Asciano, l’elegante kantharos a vernice nera con anse annodate e la patera (bassissima scodella rituale) a vernice nera con figure in rilievo di produzione volterrana.

Esempi di persistenza della cultura locale arrivano da Sarsina con bronzetti votivi molto stilizzati. A Ravenna invece emergono i rapporti con la Grecia nelle monete e nelle ceramiche a figure rosse. Con l’espansione romana cambia il panorama insediativo di gran parte della Padania: nascono nuove colonie, viene tracciata la via Emilia lungo la quale sorge anche Parma (183 a. C.) col foro (piazza Garibaldi) e vari luoghi di culto.

Le espressioni artistiche si evolvono. Ecco la bella testa in marmo di una divinità femminile da Alba Pompeia; statue funerarie di matrone, di togati; pavimenti musivi; mosaici con tralci vegetali, maschere, pesci, frutta; corredi cinerari; iscrizioni; monete; bassorilievi; statuette in argento: un vastissimo campionario che mostra la vitalità e l’evoluzione della gente padana in quei secoli cruciali di assestamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

CRIMINALITA'

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

Il caso

Duc, si lavora per riaprirlo

agenda

Weekend a Parma e in provincia: protagonista il Carnevale

Collecchio

E' morto a 51 anni Massimiliano Ori

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: strage sfiorata Foto Video

Lutto

Franco Scarica, addio alla fisarmonica da Oscar

CALCIO

Parma, i conti tornano

collecchio

Assemblea pubblica su situazione Copador, sabato 4 marzo

sport

Inaugurato il Parma Golf Show

Ambiente

Attiva la nuova Ecostation di via Pertini nel parcheggio di via Traversetolo

Donatori

Elezioni Avis: Giancarlo Izzi «in pole»

AL CAMPUS

Elio e le Storie Tese in forma per l'Europa

RUGBY

Zebre, altro mesto rinvio

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

foto dei lettori

Fontana di Barriera Repubblica

maltempo

Allerta meteo Protezione civile: forti temporali in Emilia Romagna

Allerta arancione per il rischio idrogeologico

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

FORT LAUDERDALE

"Musulmano?", figlio Mohammed Ali fermato in aeroporto

Cina

Incendio in un hotel, almeno tre morti e 10 feriti Video

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

1commento

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia