-4°

Arte-Cultura

Mitico Simon Boccanegra

Mitico Simon Boccanegra
0

di Gian Paolo Minardi

Il riscontro positivo ottenuto dall’iniziativa del nostro giornale di proporre esecuzioni discografiche significative delle opere presentate nell’ultimo Festival Verdi ha incoraggiato la continuazione della stessa anche per il cartellone della stagione lirica, con l’offerta di due testimonianze scelte nell’ampia discografia di «Simon Boccanegra» e di «Werther». Per quanto riguarda la prima opera  (il doppio cd del «Simon Boccanegra» sarà in vendita da giovedì con la «Gazzetta» a 12 euro più il prezzo del quotidiano) la scelta è caduta su un’esecuzione registrata dal vivo al Metropolitan di New York nel 1960, diretta da Dimitri Mitropoulos, con F.Guarrera, G. Tozzi, Z. Milanov, E. Flagello e uno straordinario Bergonzi, scelta resa oltremodo coinvolgente soprattutto per la presenza di un grandissimo direttore qual'è stato Mitropoulos. Anno fatale quel 1960 per il direttore greco che morirà il 2 novembre alla Scala mentre provava la Terza Sinfonia di Mahler. Una morte annunciata: nonostante i medici gli avessero prescritto una lunga convalescenza dopo il grave attacco di cuore avuto nel gennaio del 1959, il direttore si era rituffato troppo presto, con il suo irrefrenabile entusiasmo, nel lavoro. Una fine che siglava quasi emblematicamente il senso di un’esistenza, di quel suo modo di vivere la musica senza risparmio che si incarnava con accensione irresistibile nell’atto interpretativo. In questo senso artista unico, dai tratti persino leggendari, in quella stessa sua figura, alta, stagliantesi con movimenti dinoccolati ed insieme sprigionante un senso di energia irresistibile, quelle sue mani enormi, rapaci, che pareva plasmassero la musica direttamente, come quelle di uno scultore che va dando vita alla creta; dirigeva senza bacchetta, infatti, così come non teneva mai davanti a sé la partitura: «Forse che un domatore entra nella gabbia con un libro su come domare i leoni?». Come Furtwaengler, anche Mitropoulos non era uno di quei direttori che «battono il tempo»; il suo era un gesto imprevedibile, che mirava ad andar oltre, a segnare certi momenti nodali, a sottolineare particolari meno evidenti, essenziali però per dar senso alla nervatura, accensione alla visione .   La musica era un demone che si era insinuato nella sua vita fin dalla primissima età. Trasferitosi da Atene a Bruxelles per continuare i suoi studi di composizione approderà nel 1921 a Berlino, per perfezionarsi come pianista con Busoni il quale lo incoraggerà a dedicarsi con più decisione alla direzione d’orchestra. Carriera che andrà sviluppandosi lungo un percorso contrassegnato da approdi prestigiosi fino a quello di New York: dapprima alla prestigiosa Filarmonica quindi, dopo aver lasciato il posto al giovane Bernstein, intensificando la sua collaborazione con il Metropolitan. A quel periodo sono legate alcune realizzazioni indimenticabili, come quella di «Eugene Onegin» e di «Un ballo in maschera». Entro l’ampio quadro delle sue scelte posizione di spicco è quella occupata da Verdi di cui la discografia ci conserva rare testimonianze: «La forza del destino» (Firenze 1953), «Un ballo in maschera (New York 1955), «Ernani» ( New York 1956 e Firenze 1957), «Simon Boccanegra» (New York 1960) e di nuovo «La forza del destino» (Vienna 1960). Con Verdi Mitropoulos ha potuto mettere a fuoco il suo straordinario temperamento drammatico, fatto di accensioni vivide e di stringente rigore; un singolare intreccio di visionarietà e realismo che pareva trovar particolare riscontro con il «far breve» verdiano, tanto sollecitante da indurre il direttore a scorciatoie persin troppo drastiche, come i tagli e i sovvertimenti apportati a «Ernani» e pure alla «Forza», dove nella proposta viennese del 1960 trasferì addirittura la Sinfonia come intermezzo tra il primo e il secondo atto (seguendo una pratica instaurata da Bruno Walter). Ma questo era il tratto che forse più distingueva Mitropoulos dagli altri direttori, quello di non riconoscere in nessun brano, anche il più consolidato, il peso di una tradizione ma di considerarlo fonte di sempre nuove avventure; non affrontate tuttavia spavaldamente né arbitrariamente ma sempre centrate, nell’essenzialità della visione strutturale: come ha detto D’Amico riguardo quel Preludio di «Ernani» che rimane uno degli esempi più folgoranti dell’arte di Mitropoulos, «tutto portato all’incandescenza, ma sempre a raggiungere il cuore dell’invenzione, ad autenticare la sua identità». Intuizioni che il riascolto di questo « Simon Boccanegra» rende quanto mai lancinanti: anche in quei piccoli tratti, la violenza di uno sforzato, il peso di un’accentazione (le voci fuori scena durante «Il lacerato spirito»!) che rivelano il senso di stringatezza che sospingeva Verdi a svelare il dentro delle cose, al di là della fatalità della storia. Contrasto questo, tra l’interiorità degli affetti e il peso della storia che costituisce il centro del «Simon Boccanegra» e che Mitropoulos attiva con una tensione quasi espressionista, nello stacco coloristico, timbrico in particolare - la cupezza che grava sugli animi, e ancora il senso apocalittico che avvolge la grane scena del Consiglio contro la trasparenza dell’evocazione marina - in cui sembra riverberarsi il rapinoso stravolgimento di quel «Wozzeck» che aveva rappresentato un momento fondamentale nella carriera del grande direttore, quel «Wozzeck» che nel 1952 aveva presentato a Milano, scontrandosi con l’incomprensione di un pubblico che Mitropoulos si trovò nella necessità di arringare, pregandolo di rimandare alla fine dell’opera il dissenso. Pagina non proprio esemplare nella storia della Scala. 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

5commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta