-3°

editoriale

Qualche proposta per la cultura a Parma

La cupola del Correggio nel Duomo di Parma

La cupola del Correggio nel Duomo di Parma

1

S ì, è vero: questi sono gli anni delle vacche magre. Le casse pubbliche languono e i debiti abbondano (o abbondavano?). Anche nella Parma guidata dai Cinque stelle, come nella peggior tradizione italiana, tagli ingenti si sono abbattuti sulla cultura.
Era inevitabile. Ma forse è arrivato il momento di una svolta. L'alibi delle casse esangui non regge più. Il gioco al ribasso che ci sta mettendo in ginocchio deve finire. Soprattutto se si parla di cultura, conta più la qualità delle idee e dei progetti rispetto al denaro disponibile.
Cultura, parola con tanti significati. Parola che per anni è andata a braccetto con Parma. Per tanti motivi. In primis il festival Verdi di alto livello e le grandi mostre di Parmigianino e Correggio, tanto per citare gli esempi più eclatanti. La musica, l'arte, il cinema, la letteratura e anche la gastronomia sono stati sempre motivo di vanto per ogni parmigiano. Tolta la buona tavola, ora non è più così. Che Parma non stia vivendo un momento felice (tanto per usare un eufemismo) è sotto gli occhi di tutti. La «piccola capitale» ha perso per strada pezzi che le davano lustro. Il Regio non brilla, la stagione dei concerti è sparita, la Casa della musica non ha più un Cda, la Casa del suono è praticamente chiusa, al Paganini raramente si accendono le luci, al Palazzo del Governatore le mostre (dai gessi di Botero alla discutibile operazione «Mater») hanno deluso. Cancellati, con un colpo di spugna, tanti piccoli ma deliziosi festival: uno su tutti quello della poesia. La rassegna Traiettorie messa in grave difficoltà, alla faccia dei suoi 25 anni di gloriosa storia.
E' solo una questione di soldi? Forse non solo. Forse occorrerebbe un «quid», un'idea vincente, un filo rosso. Un po' di umiltà, una maggiore disponibilità al confronto, la capacità di elaborare un progetto complessivo rappresenterebbero un ottimo punto di partenza per tentare di salire sul treno del rilancio. Ma qui sembra si preferiscano gli eventi spot, presentati con la maschera della gratuità, proposti da soggetti di dubbia autorevolezza, avulsi dal tessuto culturale cittadino. Noi siamo convinti che Parma possa ripartire. E che possa uscire dalle secche facendo leva sulla cultura. Unire le forze (lo dice sempre anche il sindaco: «Ognuno faccia la sua parte»), inventare un progetto a lunga scadenza, quindi promuoverlo come si deve: ecco le linee guida. I parmigiani la loro parte continuano a farla, manca solo il cocchiere.
Per smuovere le acque abbiamo promosso un forum, cui ne seguiranno altri, con alcuni intellettuali parmigiani che hanno servito su un piatto d'argento proposte intelligenti e sostenibili. Ne sono venute fuori tante. Un Festival del cinema in cui concentrare le numerose iniziative che si svolgono abitualmente in città durante l'anno in una settimana di eventi che faccia parlare di sé anche fuori dai confini cittadini. Una serie di mostre dedicate agli artisti parmigiani (ne abbiamo alcuni davvero bravi, degni della ribalta nazionale e internazionale). Esposizioni a rotazione di fotografie da collezioni private e pubbliche. Collaborazione stabile con realtà come lo Csac e il Conservatorio. Valorizzazione di associazioni e istituzioni che già lavorano, ognuna per proprio conto, e promuovono eventi e iniziative di qualità. In fondo basterebbe, semplicemente, fare rete. Disincagliare la nave Parma è dunque possibile, ma ci serve un capitano. Un bravo capitano.
kgolini@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Auto travolge persone alla fermata dell'autobus fra Cascinapiano e Torrechiara

cascinapiano

Travolto mentre va alla fermata del bus: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci

8commenti

Epidemia

Legionella: domani la svolta

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

furto

Via Dalmazia, i ladri se ne vanno con i coltelli

Il caso

Parrocchie in campo contro le povertà

3commenti

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

maltempo

Piano neve e ghiaccio, il Comune: "Ecco cosa devono fare i cittadini"

1commento

Fra Salimbene

Chi ha rotto la porta dei bagni dei maschi?

Basilicagoiano

Allarme droga tra i minorenni

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

tg parma

Famiglia sfrattata a Collecchio: accolta in parrocchia a Parma Video

BORGOTARO

Addio al partigiano Ollio, commerciante pluridecorato

Lutto

Addio ad Angelo Ferri, il «fontaner»

Raid

Boschi di Carrega, auto forzate nel parcheggio

GIOVEDI' AL REGIO

Brunori Sas: «A casa tutto bene»

i nuovi acquisti

Munari e Edera: "Parma, un buon progetto" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

12commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

terrorirismo

Istanbul, preso il terrorista della strage di Capodanno: "Ha confessato"

1commento

salute

Influenza: oltre 3 milioni a letto, il picco la prossima settimana

SOCIETA'

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

SPORT

Calcio

I 10 giocatori piu' cari al mondo

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

CURIOSITA'

Correggio

“Mai più”: le opere di Bruno Canova per il Giorno della Memoria Foto

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video