13°

24°

Arte-Cultura

La vita dei primi «parmenses»

La vita dei primi «parmenses»
Ricevi gratis le news
0

 Maria Giovanna Arrigoni Bertini è stata docente di Epigrafia Latina all’Università degli Studi di Parma. Ha collaborato alla "Storia di Parma" edita da Mup con un contributo intitolato "I parmenses: società, religione, costume. Le fonti epigrafiche". Mercoledì 31 marzo, alle  17, Maria Arrigoni Bertini, autrice del saggio che segue, terrà una conferenza a Palazzo Sanvitale (piazzale  Sanvitale 1, a Parma) sul tema «I parmenses. Gli abitanti di Parma romana».

Le tracce dell’antico giunte fino a noi permettono, per quanto limitate, di comporre un quadro della società parmense in età romana. Le opere degli storici e i ritrovamenti archeologici consentono di conoscere le linee essenziali della storia della città e la sua realtà urbana e territoriale; i documenti epigrafici in particolare ne documentano il modo di vivere, dalla organizzazione politica, economica e sociale, ai rapporti familiari e alla vita quotidiana nei suoi più vari aspetti.
 Parma, colonia di diritto romano, e quindi composta da cittadini romani, si amministrava con magistrati propri. Le epigrafi documentano la presenza di: duoviri, supremi magistrati in carica per un anno, decurioni, membri del senato locale nominati a vita, questori a capo dell’amministrazione finanziaria, edili cui era affidata la cura delle strade, degli edifici pubblici e sacri, dell’organizzazione dei mercati - era previsto, ad esempio, un affitto dell’area ove collocare i banchi - e dell’approvvigionamento della città.
 L’ambizione per le cariche pubbliche, nel periodo repubblicano e nei primi secoli dell’Impero, doveva essere notevole anche a Parma: analogamente alla vicina Bologna, dove resta un manifesto elettorale dipinto su muro, le campagne elettorali dovevano prevedere una partecipazione diretta del popolo a sostegno dei candidati. Questi ultimi promettevano protezione e vantaggi agli elettori, tra cui l’allestimento di combattimenti con le fiere e di giochi gladiatori, come testimonia un’epigrafe ritrovata nella zona in cui sorgeva l’anfiteatro, nei pressi dell’attuale Convitto Nazionale Maria Luigia, che documenta l’esistenza di una scuola gladiatoria.
Non tutti i Parmenses avevano tuttavia la "idoneità" a presentarsi sulla scena politica: i liberti, divenuti liberi, anche se in possesso dei requisiti finanziari necessari, non potevano ambire alle più alte cariche cittadine. Per ottenere un ruolo onorevole nella società e acquisire prestigio in ambito cittadino, potevano promuovere opere pubbliche, con le quali assicurare vantaggi ai concittadini e, per se stessi, una ricaduta favorevole in termini di promozione politica e sociale.
Emblematico è il caso di Munatius Apsyrtus, il cui cognome grecanico suggerisce un’origine libertina, che promuove una grande opera di riqualificazione cittadina con la lastricatura di una strada, la realizzazione di marciapiedi e fontane, e la monumentalizzazione di una porta urbana con marmi, statue e zampilli. Una donazione pubblica con ritorno positivo e di grande visibilità per il donatore che riesce così, come testimonia una iscrizione dedicata ad August e con ogni probabilità da lui stesso commissionata, a divenire seviro ed Augustale, cariche accessibili ai liberti. 
Dei "subalterni", liberti, donne, bambini, schiavi comunemente il racconto storico non parla. Le testimonianze epigrafiche ne documentano la presenza a Parma e la attiva partecipazione alla vita cittadina. Sono liberti il purpurarius, tintore di lane particolarmente pregiate nel parmense, e i tonsores, i barbieri. Schiavi pubblici, Kalocaerus ed Helaenus, attendenti (apparitores) che affiancavano con varie funzioni i magistrati cittadini, ed Eucharistus, cassiere pubblico. 
Pelops, pure di condizione servile, figura come garante dell’autenticità di sacchi di monete (nummularius). Questo conferma il fatto che gli schiavi, pur privi di personalità giuridica, qualificati come "cose" dal diritto romano, e ignorati dagli storici antichi, erano in realtà presenti e partecipi alla vita cittadina, anche talvolta in ruoli di non trascurabile rilevanza. 
Per le donne, ricordate quasi essenzialmente nei rapporti familiari, è confermata la spesso prematura scomparsa e la precocità e brevità dei legami matrimoniali, come nel caso di Caerellia Veneria, morta a quindici anni dopo tre di matrimonio, o di Postumia Felicitas, scomparsa prematuramente dopo solo quattro anni di vita coniugale. La dedica del marito, un veterano della guardia imperiale, rivela il rimpianto per il lungo periodo vissuto lontano dalla giovane moglie. 
Militari originari di Parma sono documentati, in documenti epigrafici, in corpi speciali in servizio nella capitale o come legionari dell’Impero romano. Alcuni, ritornati al termine del servizio nella terra di origine, potevano ritirarsi negli "ozi" della campagna oppure, ottenuti ruoli adeguati, partecipare alla vita pubblica della città. 
MARIA GIOVANNA ARRIGONI BERTINI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

1commento

Claudio Baglioni

Claudio Baglioni

spettacoli

Sanremo, Baglioni sarà conduttore e direttore artistico

1commento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

DOMANI

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Cade in bici, è grave

nel pomeriggio

Cade in bici in via Garibaldi: ottantenne ricoverato in gravi condizioni Video

tg parma

Viadotto sul Po chiuso, il Governo vaglia la fattibilità del ponte di barche Video

5commenti

anteprima gazzetta

Massese, i mesi passano e nulla cambia: resta pericolosa

gazzareporter

Strada allagata in via Gramsci

Pilotta

Verdi Off, le emozioni di Brilliant Waltz Video - 2

venezia-Parma

Brutto momento, D'Aversa: "Dobbiamo uscirne con la voglia di lottare" Video

1commento

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

27commenti

fauna selvatica

Trasporto di animali feriti, affidato l'incarico

Il responsabile del servizio è il dr.Giovanni Maria Pisani

2commenti

tg parma

Blitz col coltello in farmacia, è caccia ai rapinatori Video

1commento

PROCESSO

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

ROCCABIANCA

Ponte sul Po, prima i disagi ora gli incidenti

Università

Mercoledì 27 si vota per il nuovo rettore: dove e come

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

FRODE

Wally Bonvicini parla e si difende

2commenti

TORRECHIARA

Il mistero della settima porta

gazzareporter

Rifiuti "in bella mostra": la segnalazione dalla zona ospedale

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

uragani

Maria: cede una diga a Portorico, allagate due cittadine

Massa Carrara

Le spese pazze di don Euro: indagato anche il vescovo di Massa

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

turismo

A Forte dei Marmi prorogata la chiusura degli stabilimenti: 5 novembre

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery