-7°

Arte-Cultura

La vita dei primi «parmenses»

La vita dei primi «parmenses»
0

 Maria Giovanna Arrigoni Bertini è stata docente di Epigrafia Latina all’Università degli Studi di Parma. Ha collaborato alla "Storia di Parma" edita da Mup con un contributo intitolato "I parmenses: società, religione, costume. Le fonti epigrafiche". Mercoledì 31 marzo, alle  17, Maria Arrigoni Bertini, autrice del saggio che segue, terrà una conferenza a Palazzo Sanvitale (piazzale  Sanvitale 1, a Parma) sul tema «I parmenses. Gli abitanti di Parma romana».

Le tracce dell’antico giunte fino a noi permettono, per quanto limitate, di comporre un quadro della società parmense in età romana. Le opere degli storici e i ritrovamenti archeologici consentono di conoscere le linee essenziali della storia della città e la sua realtà urbana e territoriale; i documenti epigrafici in particolare ne documentano il modo di vivere, dalla organizzazione politica, economica e sociale, ai rapporti familiari e alla vita quotidiana nei suoi più vari aspetti.
 Parma, colonia di diritto romano, e quindi composta da cittadini romani, si amministrava con magistrati propri. Le epigrafi documentano la presenza di: duoviri, supremi magistrati in carica per un anno, decurioni, membri del senato locale nominati a vita, questori a capo dell’amministrazione finanziaria, edili cui era affidata la cura delle strade, degli edifici pubblici e sacri, dell’organizzazione dei mercati - era previsto, ad esempio, un affitto dell’area ove collocare i banchi - e dell’approvvigionamento della città.
 L’ambizione per le cariche pubbliche, nel periodo repubblicano e nei primi secoli dell’Impero, doveva essere notevole anche a Parma: analogamente alla vicina Bologna, dove resta un manifesto elettorale dipinto su muro, le campagne elettorali dovevano prevedere una partecipazione diretta del popolo a sostegno dei candidati. Questi ultimi promettevano protezione e vantaggi agli elettori, tra cui l’allestimento di combattimenti con le fiere e di giochi gladiatori, come testimonia un’epigrafe ritrovata nella zona in cui sorgeva l’anfiteatro, nei pressi dell’attuale Convitto Nazionale Maria Luigia, che documenta l’esistenza di una scuola gladiatoria.
Non tutti i Parmenses avevano tuttavia la "idoneità" a presentarsi sulla scena politica: i liberti, divenuti liberi, anche se in possesso dei requisiti finanziari necessari, non potevano ambire alle più alte cariche cittadine. Per ottenere un ruolo onorevole nella società e acquisire prestigio in ambito cittadino, potevano promuovere opere pubbliche, con le quali assicurare vantaggi ai concittadini e, per se stessi, una ricaduta favorevole in termini di promozione politica e sociale.
Emblematico è il caso di Munatius Apsyrtus, il cui cognome grecanico suggerisce un’origine libertina, che promuove una grande opera di riqualificazione cittadina con la lastricatura di una strada, la realizzazione di marciapiedi e fontane, e la monumentalizzazione di una porta urbana con marmi, statue e zampilli. Una donazione pubblica con ritorno positivo e di grande visibilità per il donatore che riesce così, come testimonia una iscrizione dedicata ad August e con ogni probabilità da lui stesso commissionata, a divenire seviro ed Augustale, cariche accessibili ai liberti. 
Dei "subalterni", liberti, donne, bambini, schiavi comunemente il racconto storico non parla. Le testimonianze epigrafiche ne documentano la presenza a Parma e la attiva partecipazione alla vita cittadina. Sono liberti il purpurarius, tintore di lane particolarmente pregiate nel parmense, e i tonsores, i barbieri. Schiavi pubblici, Kalocaerus ed Helaenus, attendenti (apparitores) che affiancavano con varie funzioni i magistrati cittadini, ed Eucharistus, cassiere pubblico. 
Pelops, pure di condizione servile, figura come garante dell’autenticità di sacchi di monete (nummularius). Questo conferma il fatto che gli schiavi, pur privi di personalità giuridica, qualificati come "cose" dal diritto romano, e ignorati dagli storici antichi, erano in realtà presenti e partecipi alla vita cittadina, anche talvolta in ruoli di non trascurabile rilevanza. 
Per le donne, ricordate quasi essenzialmente nei rapporti familiari, è confermata la spesso prematura scomparsa e la precocità e brevità dei legami matrimoniali, come nel caso di Caerellia Veneria, morta a quindici anni dopo tre di matrimonio, o di Postumia Felicitas, scomparsa prematuramente dopo solo quattro anni di vita coniugale. La dedica del marito, un veterano della guardia imperiale, rivela il rimpianto per il lungo periodo vissuto lontano dalla giovane moglie. 
Militari originari di Parma sono documentati, in documenti epigrafici, in corpi speciali in servizio nella capitale o come legionari dell’Impero romano. Alcuni, ritornati al termine del servizio nella terra di origine, potevano ritirarsi negli "ozi" della campagna oppure, ottenuti ruoli adeguati, partecipare alla vita pubblica della città. 
MARIA GIOVANNA ARRIGONI BERTINI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fa sesso con il pitbull: arrestato un 23enne

usa

Fa sesso con il pitbull: arrestato un 23enne

1commento

maradona

calcio

Maradona torna a Napoli: tifo da stadio sotto l'hotel Video

Eva Herzigova

Eva Herzigova

L'INDISCRETO

Bellezze mozzafiato e vallette a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Vetri sfondati e interni distrutti: auto devastata davanti a casa

Collecchio

Vetri sfondati e interni distrutti: auto devastata davanti a casa Foto

Le foto sono state pubblicate su Facebook

CLASSIFICA DEL "Sole"

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

6commenti

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

FIDENZA

Meningite, la conferma: non c'è rischio contagio

Senzatetto

Viaggio fra gli «invisibili». Ed è polemica fra Comune e Diocesi

2commenti

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

14commenti

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

La storia

In via Po circondati dal degrado

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

Lega Pro

La Top 11 del girone B

Omicidio

«Ho prestato la mia auto a Turco, era solo un favore»

meteo

Domenica coi fiocchi: la neve imbianca il Parmense

Inviate le vostre foto

2commenti

natura

Cronache di ghiaccio: un Appennino di gelida bellezza Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Le sfide della città

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

KIRGHIZISTAN

Aereo caduto a Biskek, forse errore umano

BOLOGNA

Stupra disabile nel bagno di un bar: la Lega Nord chiede la castrazione chimica

SOCIETA'

curiosità

E' il "lunedì nero": è considerato il giorno più triste dell'anno

ISTAT

Grandi città fuori dalla deflazione. Sopra i 150mila abitanti Parma tra le più care

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

tennis

Australia Open: Vinci e Schiavone ko all'esordio

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video