21°

Arte-Cultura

La vita dei primi «parmenses»

La vita dei primi «parmenses»
0

 Maria Giovanna Arrigoni Bertini è stata docente di Epigrafia Latina all’Università degli Studi di Parma. Ha collaborato alla "Storia di Parma" edita da Mup con un contributo intitolato "I parmenses: società, religione, costume. Le fonti epigrafiche". Mercoledì 31 marzo, alle  17, Maria Arrigoni Bertini, autrice del saggio che segue, terrà una conferenza a Palazzo Sanvitale (piazzale  Sanvitale 1, a Parma) sul tema «I parmenses. Gli abitanti di Parma romana».

Le tracce dell’antico giunte fino a noi permettono, per quanto limitate, di comporre un quadro della società parmense in età romana. Le opere degli storici e i ritrovamenti archeologici consentono di conoscere le linee essenziali della storia della città e la sua realtà urbana e territoriale; i documenti epigrafici in particolare ne documentano il modo di vivere, dalla organizzazione politica, economica e sociale, ai rapporti familiari e alla vita quotidiana nei suoi più vari aspetti.
 Parma, colonia di diritto romano, e quindi composta da cittadini romani, si amministrava con magistrati propri. Le epigrafi documentano la presenza di: duoviri, supremi magistrati in carica per un anno, decurioni, membri del senato locale nominati a vita, questori a capo dell’amministrazione finanziaria, edili cui era affidata la cura delle strade, degli edifici pubblici e sacri, dell’organizzazione dei mercati - era previsto, ad esempio, un affitto dell’area ove collocare i banchi - e dell’approvvigionamento della città.
 L’ambizione per le cariche pubbliche, nel periodo repubblicano e nei primi secoli dell’Impero, doveva essere notevole anche a Parma: analogamente alla vicina Bologna, dove resta un manifesto elettorale dipinto su muro, le campagne elettorali dovevano prevedere una partecipazione diretta del popolo a sostegno dei candidati. Questi ultimi promettevano protezione e vantaggi agli elettori, tra cui l’allestimento di combattimenti con le fiere e di giochi gladiatori, come testimonia un’epigrafe ritrovata nella zona in cui sorgeva l’anfiteatro, nei pressi dell’attuale Convitto Nazionale Maria Luigia, che documenta l’esistenza di una scuola gladiatoria.
Non tutti i Parmenses avevano tuttavia la "idoneità" a presentarsi sulla scena politica: i liberti, divenuti liberi, anche se in possesso dei requisiti finanziari necessari, non potevano ambire alle più alte cariche cittadine. Per ottenere un ruolo onorevole nella società e acquisire prestigio in ambito cittadino, potevano promuovere opere pubbliche, con le quali assicurare vantaggi ai concittadini e, per se stessi, una ricaduta favorevole in termini di promozione politica e sociale.
Emblematico è il caso di Munatius Apsyrtus, il cui cognome grecanico suggerisce un’origine libertina, che promuove una grande opera di riqualificazione cittadina con la lastricatura di una strada, la realizzazione di marciapiedi e fontane, e la monumentalizzazione di una porta urbana con marmi, statue e zampilli. Una donazione pubblica con ritorno positivo e di grande visibilità per il donatore che riesce così, come testimonia una iscrizione dedicata ad August e con ogni probabilità da lui stesso commissionata, a divenire seviro ed Augustale, cariche accessibili ai liberti. 
Dei "subalterni", liberti, donne, bambini, schiavi comunemente il racconto storico non parla. Le testimonianze epigrafiche ne documentano la presenza a Parma e la attiva partecipazione alla vita cittadina. Sono liberti il purpurarius, tintore di lane particolarmente pregiate nel parmense, e i tonsores, i barbieri. Schiavi pubblici, Kalocaerus ed Helaenus, attendenti (apparitores) che affiancavano con varie funzioni i magistrati cittadini, ed Eucharistus, cassiere pubblico. 
Pelops, pure di condizione servile, figura come garante dell’autenticità di sacchi di monete (nummularius). Questo conferma il fatto che gli schiavi, pur privi di personalità giuridica, qualificati come "cose" dal diritto romano, e ignorati dagli storici antichi, erano in realtà presenti e partecipi alla vita cittadina, anche talvolta in ruoli di non trascurabile rilevanza. 
Per le donne, ricordate quasi essenzialmente nei rapporti familiari, è confermata la spesso prematura scomparsa e la precocità e brevità dei legami matrimoniali, come nel caso di Caerellia Veneria, morta a quindici anni dopo tre di matrimonio, o di Postumia Felicitas, scomparsa prematuramente dopo solo quattro anni di vita coniugale. La dedica del marito, un veterano della guardia imperiale, rivela il rimpianto per il lungo periodo vissuto lontano dalla giovane moglie. 
Militari originari di Parma sono documentati, in documenti epigrafici, in corpi speciali in servizio nella capitale o come legionari dell’Impero romano. Alcuni, ritornati al termine del servizio nella terra di origine, potevano ritirarsi negli "ozi" della campagna oppure, ottenuti ruoli adeguati, partecipare alla vita pubblica della città. 
MARIA GIOVANNA ARRIGONI BERTINI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cuoco perfetto, chiuse le iscrizioni

tg parma

"Cuoco perfetto", boom di richieste: chiuse in anticipo le iscrizioni Video

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

11commenti

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

3commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Formaggio

La grana del grana

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

2commenti

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

9commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

sport

Alberto Scotti presidente nazionale dei Veterani dello sport

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% della donne in età fertile

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

4commenti

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

tv parma

La ricetta di D'Aversa "Dobbiamo metterci più cattiveria" Video

Formula 1

Ferrari in prima fila, ma la pole è di Hamilton

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»