-1°

Arte-Cultura

Goya e la sua inquieta modernità

Goya e la sua inquieta modernità
0

Gianni Cavazzini

La personalità, umana e artistica, di Francisco Goya suscita,  ancor oggi, in chi accosta la sua opera impressioni di meraviglia e  di sgomento. Meraviglia per l'opportunità di vedere da vicino (sia  pure dalla campionatura di un toccante dipinto o di una stupenda incisione) uno dei più geniali talenti che abbiano abitato  nei secoli le regioni dell'arte pittorica. Sgomento per la difficoltà  di legare il suo messaggio poetico ai confini, necessariamente  limitativi, del suo travagliato tempo storico. Poche figure, nella  storia dell'arte, hanno dato vita a un mondo poetico così contrastante, tale da superare, ad una «visione del dopo», le rigide  divisioni delle epoche temporali: dalla grazia maliziosa del XVIII  secolo (in cui era nato) alle grandi e rivoluzionarie correnti  artistiche dispiegate nell'ottocento: e infine (si può  dire ora, con il  corredo di un definito giudizio storico) le premonizioni di quell'idea di modernità  che si dischiude lungo il corso tumultuoso del  secolo ventesimo.

Per queste premesse  si possono capire le brucianti attese che  animano gli appassionati d'arte e di cultura all'annuncio della  grandiosa mostra che si apre oggi negli  spazi di Palazzo Reale a Milano: «Goya e il mondo moderno», a  cura di Valeriano Bozal e Concepciòn Lomba, aperta sino al 27  giugno 2010, catalogo edito da Skira. Se è vero, infatti, che fu lui,  Francisco Goya y Lucientes, un figlio della sua terra fino al punto  da identificarsi, totalmente e senza riserve, con l'anima stessa  della Spagna, con la sua passionalità e con la sua inquietudine, è  anche vero che egli maturò, in piena solitudine spirituale rispetto alla cultura a lui contemporanea, quella visione poetica  che, per immediatezza di sentimento e modernità di linguaggio,  ha contribuito a definire, con riferimento ai singoli movimenti  stilistici, alcuni filoni primari dell'arte del XIX e del XX secolo:  Impressionismo, Simbolismo, Espressionismo, Surrealismo.

E  così, al centro di questo straordinario, e irripetibile, progetto  espositivo realizzato in collaborazione con la Sociedad Estatal  para la Acciòn Culturale Exterior di Madrid, in coincidenza con il  semestre spagnolo di Presidenza dell'Unione Europea, ci sono -  come ha lasciato scritto José  Ortega y Gasset - «tutti i temi divini,  umani, diabolici e fantasmatici trattati da Goya nel corso della  sua esperienza creativa: visionaria, ermetica e crudele». Ed è  l'idea, questa, che si proietta nel cuore della modernità, sugli  stilemi dei grandi artisti contemporanei: da Delacroix a Klee, da  David a Kokoschka,  da Klinger a Picasso,  da Kirchner a Pollock, da Guttuso a de Kooning, Partendo dall'analisi delle tematiche care al pittore aragonese - l'immagine  della nuova società, l'espressione della soggettività, la reazione  gestuale, la violenza - la rassegna propone un inedito confronto  tra Goya e il mondo moderno di cui il pittore è stato geniale  anticipatore: come uomo e come artista. La presenza dell'irrazionalità, l'importanza del corpo, il terrore, la costanza della paura, sono solo alcuni degli aspetti della  nuova società su cui quadri, disegni e incisioni di Goya proiettano una luce intensa e riconoscibile. Per cui non sono pochi, fra  i grandi artisti della nostra epoca, quelli che hanno trasformato  la pittura del sommo spagnolo in un punto di riferimento concettuale ed estetico per il nostro presente.

Ed è così che si danno  convegno, nelle sale di Palazzo Reale, a corona delle magiche  creazioni  di Goya,  un gran numero di capolavori dell'arte con temporanea. La mostra è ripartita in cinque sezioni. La prima («Il lavoro del  tempo. I ritratti») accende la luce sui misteri dell'animo umano.  Ecco quindi, di Goya, il famoso «Autoritratto» del 1815, venuto  dal Museo del Prado di Madrid, contornato da altri ritratti di  esponenti della società spagnola e messo a confronto con le opere  dei «campioni della modernità»: Picasso su tutti, e naturalmente, con «Donna con mantella», 1917, venuta dal museo di  Barcellona; e quindi Delacroix, David, Soutine, Nolde, Kitaj,  Schönberg. La seconda sezione s'intitola «La vita di tutti i giorni». E qui l'avvio è ancora di Goya con uno dei suoi capolavori:  «La lattaia di Bordeaux, 1926. E' uno degli ultimi quadri del  maestro spagnolo: nel malinconico tramonto della sua vita,  un'immagine di fanciulla ridesta in lui una limpida vena di  poesia che si fa luce radiosa, colore tenero e chiaro, trepida  dolcezza di forme, sfiorate dalla nostalgia di una felicità perduta.  E a confronto, con il corrosivo  Daumier  («Gli avvocati», 1860) c'è  la sorpresa di Victor Ugo, disegnatore sommo, oltre che romanziere indimenticabile. Segue «Comico e grottesco», un tema  proprio «da Goya»: con una serie di fogli crudeli e sconvolgenti,  disegni e incisioni che dettano il passo alla storia.

Un messaggio  allarmato che viene raccolto da Klinger, da Ensor, da Rouault,  Kubin, Klee, Masson, Mirò: e infine da Henri Michaux, con i suoi  arditissimi automatismi gestuali. «La violenza» sommuove, nella quarta sezione, la «memoria  delle pitture nere». Qui Goya si conferma, veramente, un precursore dell'arte contemporanea, capace di rappresentare la  natura umana senza un minimo di compassione o commiserazione. E sono opere tragiche, indimenticabili: come «La decapitazione», concessa da una collezione privata madrilena. Le  risposte moderne sono di George Grosz, Pablo Picasso, Otto Dix,  Kathe Kollwitz, Julio Gonzàlez, Salvador Dalì, Renato Guttuso. Infine «Il grido»: l'allarme ultimo lanciato da Goya alla nostra  epoca e ripreso dagli artisti della nostra contemporaneità: Alberto Giacometti, Francis Bacon, Jackson Pollock, Willem de   Kooning, Anselm Kiefer. A raccogliere l'urlo del grande spagnolo c'è Francis Bacon, il più tragico di tutti nella nostra epoca,  con i suoi «Tre studi per un ritratto di Peter Bear», 1975. Ed è  ancora la pittura, in Goya come in Bacon, che si dispiega nella sua  poetica bellezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

2commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

Crisi di governo

Mattarella convoca Gentiloni al Quirinale. Renzi: "Torno a casa davvero"

turchia

Autobomba nel centro di Istanbul: 13 morti e decine di feriti

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti