12°

Arte-Cultura

Cliccando "Gli anni della Dolce Vita"

Cliccando "Gli anni della Dolce Vita"
0

Katia Golini

Quando si dice «Dolce Vita» il pensiero corre inevitabilmente a Federico Fellini. Nessuno ne ha raccontato l'anima meglio di lui. Le luci e le ombre, la magia e la quotidianità, il mito e l'umanità terrena.
A 50 anni dalla «prima» del film-capolavoro (5 febbraio 1960) il Museo nazionale del cinema di Torino e la Fondazione Solares di Parma hanno coprodotto una mostra fotografica (aperta fino a domenica prossima alla Mole Antonelliana di Torino) per ricordare il maestro, il suo lavoro, il clima che lo ha ispirato e soprattutto uno dei periodi storici più emblematici della storia del Secondo Novecento italiano. Tutto pubblicato nel libro «Gli anni della Dolce Vita», catalogo della mostra che comprende - oltre a tutte le fotografie esposte e all'introduzione di Alberto Barbera (Direttore del Museo Nazionale del Cinema) e di Stefano Caselli (presidente di Solares Fondazione delle arti) - due saggi critici di Tullio Kezich e Rocco Moliterni. Fine anni Cinquanta-primissimi anni Sessanta, Roma capitale del jet set, via Veneto e dintorni. Scene di vita da divi, rubate da uno dei paparazzi più famosi del momento: Marcello Geppetti. Ecco la mostra: 160 attimi fermati per sempre. Protagonisti i più bei nomi del cinema del momento. Anita Ekberg che minaccia con arco e frecce i fotografi appostati davanti alla sua villa, Kirk Douglas con la moglie e Cyd Charisse con il marito in via Veneto, Pelè davanti allo «Shaker», Alain Delon con Romy Schneider abbracciati in una calda estate romana, Jack Lemmon con Joan Collins al «Caffè dell'Epoca», e poi ancora John Derek e Ursula Andress, Michelangeo Antonioni e Monica Vitti (alle prese con un fotografo impertinente), Richard Burton, Liz Taylor, Brigitte Bardot, la Loren, Mastroianni, i Kennedy.
E ovviamente lui, Federico Fellini, con gli amici, in strada, sul set della «Dolce Vita».
Ed è qui che entra in scena Arturo Zavattini, figlio di Cesare, operatore di macchina sul set del film. Con pudore e grazia osò scatti di quelli che oggi chiameremmo fuori onda. La serie di immagini, finora gelosamente custodite nel suo archivio privato, raccontano un Fellini mai visto prima: Federico con lo sceneggiatore Tullio Pinelli, con l'organizzatore del set Clemente Fracassi, concentrato davanti alla macchina da presa, con l'aiuto regista Dominique Delouche, con Nico Otzak e, naturalmente, con Marcello, il «suo» Marcello (che non a caso è scelto per la copertina del catalogo). «Quella della Dolce vita è una storia che è stata scritta e riscritta un'infinità di volte - dice Marco Barbera, direttore del Museo nazionale del cinema nell'introduzione del catalogo -. E allora, come annota il compianto Tullio Kezich in uno dei suoi ultimi scritti: come ricordare il film con qualcosa che non sia già stato detto, visto e stampato? Noi ci proviamo perché di quel film non ci si può dimenticare».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica alla Latteria dal Beccio

pgn

Musica alla Latteria dal Beccio Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

6commenti

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

6commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

CALCIO

A Salò un Parma affamato Diretta dalle 16,30

Manca Baraye, squalificato: al suo posto dovrebbe giocare Scaglia

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

carabinieri

Spara un razzo fra la folla: era appena uscito dal carcere

Arresto bis, dopo meno di due mesi: 20enne tunisino in via Burla. A dicembre aveva in casa 500grammi di hashish

1commento

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

Parma

Bidoni dei rifiuti a fuoco in viale Mentana

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

6commenti

ITALIA/MONDO

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

Jackpot

Superenalotto, c'è il 6: vinti 93 milioni di euro a Padova

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia