12°

23°

Cultura

Peppone prima di don Camillo

Peppone prima di don Camillo
Ricevi gratis le news
0
 

La scoperta, anche se tardiva (arriva a quasi settant’anni di distanza) è senz’altro sorprendente: è nato prima Peppone di don Camillo! Mi spiego: i due personaggi più popolari della letteratura e del cinema italiano del ‘900 vedono la luce nel paese della Bassa, la vigilia di natale del 1946, con la pubblicazione sul Candido del racconto «Don Camillo» che, in seguito, Guareschi avrebbe intitolato «Peccato confessato». Ma qualcosa come otto mesi prima, sempre sulle pagine del Candido, entrava in scena Peppone, già fabbro, già comunista, già omaccio dalla forza pari all’incoscienza, ma residente ben sopra l’altitudine sul livello del mare di Mondo piccolo, ovvero in un paesino di montagna chiamato Roccapezza. Il 27 maggio del 1946, infatti, compare sul settimanale diretto da Giovannino Guareschi una sorta di notiziario: il Gazzettino di Roccapezza. Per far entrare i lettori nello spirito di questo «giornale nel giornale», Giovannino scrive una premessa che è tutta un programma: «Quando ebbe finito di fare il mondo, il Padreterno mise a posto la geografia: “Qui” disse “ci piantiamo Milano, qui Londra, qui Buenos Aires, qui Salsomaggiore.” E così via. Gli sfuggì soltanto un certo montarozzo giù di mano e così Roccapezza sorse in un posto dimenticato da Dio. Quindi è perfettamente inutile scartabellare gli atlanti: non lo sa neanche il Padreterno dove sia pian tata Roccapezza, e bisogna accontentarsi dei fatti». Benché diversa nella proposizione, la faccenda della collocazione geografica del paese di Roccapezza si presenta anticipatrice di ciò che Guareschi avrebbe scritto del paese di don Camillo: «Il piccolo mondo del Mondo piccolo […] non è in nessun posto fisso: il paese di Mondo piccolo è un puntino nero che si muove, assieme ai suoi Pepponi e ai suoi Smilzi, in su e in giù lungo il fiume per quella fettaccia di terra che sta tra il Po e l’Appennino: ma il clima è questo. Il paesaggio è questo: e, in un paese come questo, basta fermarsi sulla strada a guardare una casa co lonica affogata in mezzo al granturco e alla cana pa, e subito nasce una storia». Quindi, nessuno sa dove sia Roccapezza, come nessuno sa dove sia il paese di Mondo piccolo, ma il «puntino nero», quel 27 maggio del ’46, cominciava indubbiamente a muoversi dal monte verso la Bassa, senza gli Smilzi, ma dotato del suo bravo Peppone: «Appena a Roccapezza arrivarono i giornali con la notizia della liberazione, il popolo, guidato da Peppone il fabbro, si riversò in piazza e abbatté la statua di Girolamo Breguzza («Luminare del giure, nato a Roccapezza il 15-8-1825 morto a Roma il 12-3-1883»). Il medico con dotto, dottor Geremia, si fece sul balcone e deprecò il gesto, ma Peppone non gli diede neppure retta. “Questo serva di esempio!” gridò». Ecco già delineato il carattere di Peppone: a cosa sarebbe servito abbattere la statua del giureconsulto gloria del paese? A un bel nulla. Ma, visto che qualcosa bisognava distruggere, ecco farne le spese l’incolpevole Girolamo Breguzza. Cose come la bomba trasformata in uovo di Pasqua o come il carro armato nascosto, il cui cannone abbatte la colomba della pace eretta in piazza da Peppone e dai suoi: cose che succedono al paese di don Camillo ma che, evidentemente succedevano già a Roccapezza e si leggevano sulle pagine del Gazzettino, cronaca da giornali, come ancora una volta ci dice Giovannino nella prefazione al primo volume di Mondo piccolo: «Io da giovane facevo il cronista in un giornale e andavo in giro tutto il giorno in bicicletta per trovare dei fatti da raccontare. […] Io, nel mio vocabolario, avrò sì e no duecento parole, e son le stesse che usavo per raccontare l’avventura del vecchio travolto da un ciclista o quella della massaia che, sbucciando le patate, ci rimetteva un polpastrello. Quindi niente letteratura o altra mercanzia del genere: in questo libro io sono quel cronista di giornale e mi limito a raccontare dei fatti di cronaca. Roba inventata e perciò tanto verosimile che mi è successo un sacco di volte di scrivere una storia e di vederla, dopo un paio di mesi, ripetersi nella realtà. E non c’è niente di straordinario, è semplice questione di ragionamento: uno considera il tempo, la stagione, la moda e il momento psicologico e conclude che, stando così le cose, in un ambiente x possono verificarsi questa e quest’altra vicenda».

Mondo piccolo, dunque, comincia a Roccapezza, scende dal monte al piano, dà un nome ai suoi personaggi (anche a Roccapezza c’è il parroco, il sindaco, il farmacista, il veterinario, il medico): Mondo piccolo comincia a Roccapezza e, per nostra fortuna, non è ancora finito!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

AUTOVELOX

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

Lealtrenotizie

Profondo cordoglio per la morte del podista 49enne alla Parma Marathon

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Solomon incapace di intendere e di volere

1commento

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

sicurezza idrica

Ecco come funziona la "diga" sulla Parma

A "lezione" dai tecnici dell'Aipo

Regione

Chiusura centri vaccini di Colorno, Salso, Fidenza e Busseto, protesta FdI-An

carabinieri

Non resiste al richiamo della droga ed evade dai domiciliari: arrestato un 35enne

1commento

tg parma

E-Distrubuzione: Enel investe oltre 1,5 milioni di euro per la Bassa Est

Inaugurata a Colorno la stazione di media tensione

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: Chicco e Felice i finalisti di oggi

anagrafe

Dal 2 novembre si farà solo la carta d'identità elettronica

LA MORTE DI MORONI

«Addio Luca, con te se ne va una parte di noi»

SOLIDARIETA'

Mamme alla ricerca di una nuova vita

PERICOLO

Il Palacasalini di notte diventa inaccessibile

3commenti

Piazzale Matteotti

Le telecamere smascherano il pusher

1commento

Dramma a Enzano

Trattore si ribalta, muore Giampaolo Cugini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

1commento

ITALIA/MONDO

Catalogna

Due leader indipendentisti arrestati per sedizione

BUSTO ARSIZIO

La ventenne scomparsa si chiama Dafne Di Scipio. Aperto un fascicolo

SPORT

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SERIE B

Parma, bisogna cambiare rotta

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel