22°

Arte-Cultura

Spiritualità nella luce della natura

Spiritualità nella luce della natura
Ricevi gratis le news
0
Per coglierne tutta la grandezza bisogna assaporarlo lentamente Giovanni Battista Cima (dal padre Pietro cimatore di panni) da Conegliano (1459/60-1518) troppo spesso considerato solo un buon artista veneto stretto tra Giovanni Bellini e Giorgione.
Cima, invece, ha una personalità ben distinta e dialoga alla pari coi più rinomati maestri per la sua eccezionale sensibilità paesaggistica, che può avere influenzato Giorgione, per certe sue annotazioni affettive e psicologiche cui si collegano Correggio e Lotto, per la sua straordinaria abilità tecnica e soprattutto per la magica luce trasparentissima in cui immerge santi, Madonne e pastori. Il suo è un mondo limpido d’incanto in cui personaggi di una solida plasticità, evidenziati da una brillante cromia, vivono la loro raffinata spiritualità con profonda intensità interiore espressa negli sguardi e vibrante nella fusione con la natura che li circonda, realistica e tenera nei verdi vellutati, nell’ocra di castelli e mura rassicuranti, negli azzurrini dei monti lontani che sfumano nella trascolorante luminosità dell’orizzonte. Questa singolare personalità emerge nella sua variegata complessità nella splendida mostra «Cima da Conegliano poeta del paesaggio» allestita a Conegliano nel Palazzo Sarcinelli (fino al 2 giugno) a cura di Giovanni Villa (catalogo Marsilio) che è riuscito a raccogliere ben 45 opere provenienti dai musei europei e statunitensi.
La formazione di Gian Battista resta ancora un problema aperto anche se la maggioranza della critica concorda su un’iniziale attenzione verso Alvise Vivarini «tramite per un certo realismo antonelliano», anche se negli anni Ottanta a Venezia - dove Cima risulta dal 1486 - nessuno poteva ignorare l’opera di Giovanni Bellini. Infatti nel polittico di Oliena, che apre il percorso, si notano le influenze di Vivarini nelle figure stagliate su fondo oro e di Antonello (nella forma) e Bellini (nel sentimento) nella Madonna col Bimbo della cimasa. Una brillante innovazione caratterizza la «Madonna in trono col Bimbo e i santi Giacomo e Girolamo» - la sua prima opera datata (1489) - in quanto la Vergine, solida nel volume, siede sotto un graticciato naturalistico con grappoli e pampini festosi nel limpido azzurro. «Joannes Bta coneglanensis»: la firma è scolpita nella balaustra su cui siede il Bimbo, nudo, che la madre osserva con la mani giunte: dietro scende una tenda che lascia intravedere brani di paesaggio. E’ la prima di una serie di Madonne col Bambino che variano negli atteggiamenti e negli sfondi paesaggistici, che si caratterizzano per la fedele descrizione topografica dei luoghi che vanno dal castello di Collalto a quello di Conegliano e rendono queste sacre immagini, destinate ai privati, più piacevoli per i committenti.
Nessun altro artista ha contestualizzato i paesaggi con tanta precisione fotografica che raggiunge il culmine nella tavola di Sant'Elena che, elegantissima, si staglia ritta in primo piano sostenendo una croce di legno biondo come i suoi capelli, mentre sullo sfondo tra il fiabesco intrecciarsi di teneri verdi prativi con il folto spumeggiare delle chiome degli alberi si profila con geometrica nitidezza l’abitato di Conegliano, cinto di mura che si inerpicano sulla collina. La presenza di ben cinque dipinti rappresentanti San Girolamo nel deserto consente di cogliere le modificazioni che Cima ha operato negli anni riguardo al santo e al paesaggio: la scena si è sempre più spogliata degli elementi architettonici connotativi fino ad eliminarli totalmente nel quadro degli Uffizi mentre l’atteggiamento di San Girolamo ha assunto un carattere sempre più realistico e partecipato, che influenzerà notevolmente Lorenzo Lotto. Un rapporto particolare ha avuto Gian Battista con Parma che gli ha richiesto ben cinque opere, tre di carattere sacro e due mitologico: la «Madonna col Bimbo tra i santi Giovanni Battista e Maria Maddalena» per le monache di San Domenico in Oltretorrente (oggi al Louvre), la «Madonna col Bimbo e i santi Giovanni Battista, Cosma, Damiano, Apollonia, Caterina e Giovanni Evangelista» per la cappella Montini in Duomo, la «Madonna col Bimbo e i santi Michele arcangelo e Andrea» per i francescani dell’Annunziata, «Il sonno di Endimione» e il «Giudizio di Mida» per la famiglia Prati (oggi tutte nella Galleria Nazionale di Parma): le ultime tre sono esposte. La Maddalena del Louvre per lo sguardo intenso e appassionato trova un’eco in quella del Correggio nella «Madonna del San Girolamo». La tavola dei francescani è uno dei sommi capolavori per l’intima fusione sentimentale e spirituale dei protagonisti immersi in una luminosità purissima, come il loro animo, che scandisce limpidamente le raffinate rovine marmoree e il suggestivo castello di Conegliano sullo sfondo: la sacra conversazione si fa racconto, superando la simmetria compositiva e ruotando le figure così da interessare i giovani Tiziano e Sebastiano. I dipinti mitologici nascono in un ambiente veneziano assai attento alla riscoperta della cultura classica e Cima affina il suo linguaggio verso la pittura tonale come dimostra lo splendido Endimione dormiente che in un’atmosfera di magica sospensione viene sedotto dalla divina Selene. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»