14°

27°

Arte-Cultura

Vangelo, sorgente di vita

Vangelo, sorgente di vita
0

L'ibero e fedele», vissuto sempre «di cielo e in cielo», «un bambino affascinato dalla contemplazione e dall’amicizia con gli uomini». Questo fu, nelle parole di chi lo conobbe, fratel Carlo Carretto, che il 2 aprile compirebbe un secolo, morto di leucemia nel 1988. Morì nel giorno di San Francesco, il 4 ottobre, questo piemontese assetato di spiritualità e povertà come il Santo di Assisi, che proprio a due passi da Assisi, a Spello, creò nel 1964, al ritorno da un decennio di vita contemplativa nel Sahara, una fraternità di preghiera e lavoro: un pugno di Piccoli Fratelli di Charles de Foucauld che s'insediò in un ex-convento francescano accogliendo da allora in una decina di eremi sparsi sulle colline circostanti - vecchi fienili, stalle e casolari donati dai contadini - folle di gente comune, politici, intellettuali, artisti, coppie, preti e vescovi, tutti in cerca di Dio e di se stessi. Spello era «presa d’assalto dai giovani - scrive il giornalista Gianni Di Santo nella biografia «Carlo Carretto. Il profeta di Spello» (Edizioni San Paolo, 174 pagine, 12 euro) - con una media, nel periodo estivo, di quattrocento a settimana». Attirati dalla «voce fascinosa», dal «volto solare e sorridente (...) e gli occhi colmi di stupore per l’incontro inaspettato» con cui fratel Carlo riceveva ognuno.
Il suo libro è un commosso ricordo di un uomo che per i giovani di allora fu modello di un cristianesimo ravvivato dal Concilio...  
Carlo Carretto è stato un personaggio emblematico del movimento cattolico del Novecento. Un leader sia nella Gioventù italiana di Azione cattolica, dove militò per tanti anni conducendo importanti eventi come la riunione di 300.000 giovani «baschi verdi» in piazza San Pietro nel 1948; sia sul terreno spirituale, in quanto con i suoi libri, tradotti in 34 lingue tra cui l’arabo, uno dei casi letterari più clamorosi dell’editoria cattolica per numero di copie vendute, ha accompagnato parecchie generazioni all’ascolto della Parola. Poi c'è Spello, il vero miracolo di Carretto.
Averlo conosciuto personalmente l’ha aiutata nel suo lavoro?  
Appartengo a quella generazione di giovani che si nutriva dei libri di Carlo. Lo conobbi al convento di San Girolamo a Spello. Avevo vent'anni e ascoltandolo capii tante cose. Da quando ho cominciato le ricerche per raccontare il «mio» Carretto, è come se ci avessi parlato ogni giorno. Ho passato diverso tempo a Spello e all’Abbazia di Sassovivo a Foligno, con i Piccoli Fratelli di Jesus Caritas e il loro priore, Giancarlo Sibilia, esecutore testamentario di Carretto, per renderlo il più possibile vivo attraverso il libro. E c'è la sua tomba, lì al San Girolamo, che racconta più di ogni cosa. Incastonata nel terreno, nel silenzio del vento, la pietra del monte Subasio. Presto il San Girolamo tornerà a vivere: l’Azione cattolica ha deciso di restaurarlo dopo il terremoto e di tornarvi a formare adulti e giovani assetati di Vangelo.  
Giovanni Battista Montini, poi Paolo VI, ebbe molta simpatia per Carretto... La simpatia umana tra i due aveva un retroterra culturale di base. La grande tradizione della filosofia e del personalismo francese, così cara a Paolo VI, era anche il nutrimento di Carlo. Inoltre erano stati insieme a Roma: Montini in Segreteria di Stato e Carretto alla Giac. In due parole: il Concilio. Ecco cosa li univa. La Chiesa che dialoga col mondo.
 Cosa spinse Carretto a decidere, a 44 anni, di farsi Piccolo fratello e di seguire le orme di Charles de Foucauld nel Sahara, che gli ispirò quell'intenso libro che è «Lettere dal deserto»?  
Carretto veniva da una fortissima delusione. Si era appena dimesso da presidente della Giac per contrasti con una parte delle gerarchie cattoliche che vedeva nella mediazione col potere l’impegno primario della Chiesa, mentre lui e altri dirigenti erano per una Chiesa che dalla testimonianza dell’annuncio traesse la linfa per parlare ai popoli. In quel periodo lesse un libretto di René Voillaume, il fondatore dei Piccoli fratelli di Gesù che si richiamano all’insegnamento del beato Charles de Foucauld. Se ne innamorò subito e partì. Preghiera e accoglienza, contemplazione e solidarietà con chi non ha niente: da quel momento questi furono i suoi fondamenti.
Perché «profeta»? E quali le «profezie» di Carlo Carretto? Sono queste a renderlo tanto attuale oggi forse più ancora di ieri? 
Carretto amò fino alla fine la sua Chiesa. E’ il suo più grande insegnamento. Si può anche criticarla la Chiesa, ma sempre da figli che riconoscono il padre. Carretto sa che senza la Chiesa non c'è annuncio del Vangelo, ma proprio questa sua libertà di figlio di Dio lo fa essere sereno e franco con la casa paterna. Questo è il suo più grande messaggio: amare la Chiesa. Anche quando essa sembra addormentarsi su cose che non hanno a che fare col Vangelo. Amarla sempre, da laici obbedienti in piedi. Perché spetta anche ai laici, seguendo l’insegnamento del Concilio, annunciare il Vangelo nelle strade tortuose del mondo odierno. Ho l’impressione che la profezia di Carlo sia oggi una profezia che ci manca. L’amore per una radicalità evangelica e una fede vissuta al passo con gli uomini è una cosa possibile. Ma, ahimé, vedo in giro sempre meno profeti e sempre più profeti di sventura.
Carlo Carretto. Il profeta di Spello San Paolo, pag. 174, 12,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

1commento

anteprima gazzetta

Fabi "ridisegna" l'ospedale. Ecco come cambia Video

Focus sui confronti elettorali fra i dieci candidati. Dopo molti anni due nuovi sacerdoti ordinati insieme. Inchieste sulle scuole materne di Parma. Tubercolosi, un secondo caso?

1commento

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

11commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio favorevole, attenti a Forte" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

1commento

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma». In testa Pizzarotti

8commenti

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

1commento

ENERGIA

Enel smetterà di cercare nuovi clienti via telefono

Novità dal 1° giugno

2commenti

TRAVERSETOLO

I ragazzini fanno i vandali, il sindaco: "Pagheranno le famiglie"

1commento

tg parma

Tubercolosi: migliora il 17enne malato ma c'è un altro caso "sospetto" al Rondani Video

2commenti

POLITICA

Il senatore Pagliari: "Dal 5 giugno arriveranno nuovi 15 vigili del fuoco a Parma"

2commenti

PARMA

Scontro auto-moto in via Colorno: un ferito

PARMA

Spacciava eroina in via Spadolini: condannato a 4 anni

Aveva 5,5 chili di cannabis: patteggia 36enne

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

ESTATE

Torna "Musica in castello": 36 eventi in tutta la provincia

Alimentare

Parmacotto rilancia il brand sui canali digitali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Nato

Trump prima delle foto spinge via il presidente del Montenegro Video

MODA

Laura Biagiotti è gravissima

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

CICLISMO

Giro: a Van Garderen il tappone dolomitico

MOTORI

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima

novita'

Mazda CX-5, il Suv compatto che sfida i marchi premium