-2°

Arte-Cultura

Vangelo, sorgente di vita

Vangelo, sorgente di vita
0

L'ibero e fedele», vissuto sempre «di cielo e in cielo», «un bambino affascinato dalla contemplazione e dall’amicizia con gli uomini». Questo fu, nelle parole di chi lo conobbe, fratel Carlo Carretto, che il 2 aprile compirebbe un secolo, morto di leucemia nel 1988. Morì nel giorno di San Francesco, il 4 ottobre, questo piemontese assetato di spiritualità e povertà come il Santo di Assisi, che proprio a due passi da Assisi, a Spello, creò nel 1964, al ritorno da un decennio di vita contemplativa nel Sahara, una fraternità di preghiera e lavoro: un pugno di Piccoli Fratelli di Charles de Foucauld che s'insediò in un ex-convento francescano accogliendo da allora in una decina di eremi sparsi sulle colline circostanti - vecchi fienili, stalle e casolari donati dai contadini - folle di gente comune, politici, intellettuali, artisti, coppie, preti e vescovi, tutti in cerca di Dio e di se stessi. Spello era «presa d’assalto dai giovani - scrive il giornalista Gianni Di Santo nella biografia «Carlo Carretto. Il profeta di Spello» (Edizioni San Paolo, 174 pagine, 12 euro) - con una media, nel periodo estivo, di quattrocento a settimana». Attirati dalla «voce fascinosa», dal «volto solare e sorridente (...) e gli occhi colmi di stupore per l’incontro inaspettato» con cui fratel Carlo riceveva ognuno.
Il suo libro è un commosso ricordo di un uomo che per i giovani di allora fu modello di un cristianesimo ravvivato dal Concilio...  
Carlo Carretto è stato un personaggio emblematico del movimento cattolico del Novecento. Un leader sia nella Gioventù italiana di Azione cattolica, dove militò per tanti anni conducendo importanti eventi come la riunione di 300.000 giovani «baschi verdi» in piazza San Pietro nel 1948; sia sul terreno spirituale, in quanto con i suoi libri, tradotti in 34 lingue tra cui l’arabo, uno dei casi letterari più clamorosi dell’editoria cattolica per numero di copie vendute, ha accompagnato parecchie generazioni all’ascolto della Parola. Poi c'è Spello, il vero miracolo di Carretto.
Averlo conosciuto personalmente l’ha aiutata nel suo lavoro?  
Appartengo a quella generazione di giovani che si nutriva dei libri di Carlo. Lo conobbi al convento di San Girolamo a Spello. Avevo vent'anni e ascoltandolo capii tante cose. Da quando ho cominciato le ricerche per raccontare il «mio» Carretto, è come se ci avessi parlato ogni giorno. Ho passato diverso tempo a Spello e all’Abbazia di Sassovivo a Foligno, con i Piccoli Fratelli di Jesus Caritas e il loro priore, Giancarlo Sibilia, esecutore testamentario di Carretto, per renderlo il più possibile vivo attraverso il libro. E c'è la sua tomba, lì al San Girolamo, che racconta più di ogni cosa. Incastonata nel terreno, nel silenzio del vento, la pietra del monte Subasio. Presto il San Girolamo tornerà a vivere: l’Azione cattolica ha deciso di restaurarlo dopo il terremoto e di tornarvi a formare adulti e giovani assetati di Vangelo.  
Giovanni Battista Montini, poi Paolo VI, ebbe molta simpatia per Carretto... La simpatia umana tra i due aveva un retroterra culturale di base. La grande tradizione della filosofia e del personalismo francese, così cara a Paolo VI, era anche il nutrimento di Carlo. Inoltre erano stati insieme a Roma: Montini in Segreteria di Stato e Carretto alla Giac. In due parole: il Concilio. Ecco cosa li univa. La Chiesa che dialoga col mondo.
 Cosa spinse Carretto a decidere, a 44 anni, di farsi Piccolo fratello e di seguire le orme di Charles de Foucauld nel Sahara, che gli ispirò quell'intenso libro che è «Lettere dal deserto»?  
Carretto veniva da una fortissima delusione. Si era appena dimesso da presidente della Giac per contrasti con una parte delle gerarchie cattoliche che vedeva nella mediazione col potere l’impegno primario della Chiesa, mentre lui e altri dirigenti erano per una Chiesa che dalla testimonianza dell’annuncio traesse la linfa per parlare ai popoli. In quel periodo lesse un libretto di René Voillaume, il fondatore dei Piccoli fratelli di Gesù che si richiamano all’insegnamento del beato Charles de Foucauld. Se ne innamorò subito e partì. Preghiera e accoglienza, contemplazione e solidarietà con chi non ha niente: da quel momento questi furono i suoi fondamenti.
Perché «profeta»? E quali le «profezie» di Carlo Carretto? Sono queste a renderlo tanto attuale oggi forse più ancora di ieri? 
Carretto amò fino alla fine la sua Chiesa. E’ il suo più grande insegnamento. Si può anche criticarla la Chiesa, ma sempre da figli che riconoscono il padre. Carretto sa che senza la Chiesa non c'è annuncio del Vangelo, ma proprio questa sua libertà di figlio di Dio lo fa essere sereno e franco con la casa paterna. Questo è il suo più grande messaggio: amare la Chiesa. Anche quando essa sembra addormentarsi su cose che non hanno a che fare col Vangelo. Amarla sempre, da laici obbedienti in piedi. Perché spetta anche ai laici, seguendo l’insegnamento del Concilio, annunciare il Vangelo nelle strade tortuose del mondo odierno. Ho l’impressione che la profezia di Carlo sia oggi una profezia che ci manca. L’amore per una radicalità evangelica e una fede vissuta al passo con gli uomini è una cosa possibile. Ma, ahimé, vedo in giro sempre meno profeti e sempre più profeti di sventura.
Carlo Carretto. Il profeta di Spello San Paolo, pag. 174, 12,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto