10°

24°

Arte-Cultura

Quel Werther antico e magnifico

Quel Werther antico e magnifico
Ricevi gratis le news
0

  Gian Paolo Minardi

 

Si racconta un episodio significativo legato alla prima italiana di «Werther», al Lirico di Milano il primo dicembre del 1894, presente l’autore: pare che assistendo alle prove Massenet avesse colto, tra il bisbiglio di alcuni orchestrali nel momento in cui i violoncelli, nel finale del primo atto, commentano il trepido colloquio tra Werther e Charlotte il nome di Mascagni; con il garbo che gli era proprio ci tenne poi a precisare come quella melodia fosse nata prima della «Cavalleria», l’opera che in quei mesi aveva conquistato le platee.. 

Un equivoco che riviveva, con ben altro intento critico, nelle parole che Debussy scrisse in occasione della morte del musicista al quale era consapevole di dover pur qualcosa: «Gli si rimproverava di avere eccessiva simpatia per Mascagni e non abbastanza per Wagner, rimprovero tanto falso quanto inammissibile». 

Tra i due versanti si snoda infatti un filo sottile, delicatissimo qual'è il modo di porsi di Massenet, in «Werther» in particolare, quella sua inclinazione ad insinuarsi entro la vicenda e di carpirne gli echi e gli accenti più segreti attraverso un linguaggio armonioso, quasi autosufficiente nella sua elegante misura. 

Misura, appunto, esposta quanto mai ai rischi di fraintendimento se, ad esempio, si tocca il rapporto con la parola, così strettamente intrinseco alla musica dei francesi. Non c'è dubbio, infatti, che il «Werther» cantato in italiano, secondo una tradizione del resto consolidata e rafforzata da testimonianze vocali di grande rilievo, cambi fisionomia, proprio perché sono gli stessi caratteri della nostra lingua, con la predominanza delle vocali aperte, a mutare lo spessore della linea melodica e a imprimere al recitativo un’incidenza troppo marcata rispetto a quell'andamento più naturalmente fluente, tipico di quel passo conversativo che è proprio al modo di porsi di Massenet; tratto questo che ribadisce quel rapporto più stretto col teatro di prosa che l’opera francese, dalla «Tragédie» al teatro naturalista, ha sempre intrattenuto, in uno scambio quasi osmotico tra parola e musica, fino a quel supremo approdo, inimitabile nella sua solitudine che è il «Pelléas et Mélisande» di Debussy. 

Sono queste le ragioni che rendono più che interessante l’offerta discografica del nostro giornale (il doppio cd con il libretto dell'opera sarà in vendita  a partire da sabato 17 aprile a euro 12 più il prezzo del quotidiano): qualcuno potrà forse mostrare perplessità di fronte alla data di questa registrazione, 1931 e quindi agli inevitabili limiti tecnologici, per quanto attenuati da una scrupolosa rimasterizzazione; ma si tratta di osservazioni che non infirmano il significato della proposta, davvero «storica» più ancora che per la sua matrice anagrafica per la cifra stilistica che affiora con una sua incontestabile autorevolezza tra le tante testimonianze discografiche che sono andate sedimentandosi attorno a questo capolavoro, alcune indubbiamente di alto pregio, pensando a tutti i grandi cantanti che si sono cimentati con questo personaggio, da Tagliavini a Bergonzi, da Gedda a Domingo, ovviamente a Kraus che di Werther ha incarnato un modello incantevole. 

Ma ciò che si coglie nella edizione ora rispolverata è la particolare atmosfera con cui sembra ricomporsi tutto un tessuto evocativo rispondente alla sensibilità trepida di Massenet, quel clima avvolgente che la stessa orchestra dell’Opéra-Comique guidata dalla mano scorrevole di Elie Cohen, sembra stabilire nel modo di intrecciarsi alle voci, con il passo di una «normalità» che suona come garanzia dagli eccessi enfatici come dai compiacimenti estetizzanti. Punto di forza tuttavia è la presenza di Georges Thill il quale con il controllo di un’emissione davvero rara riesce a tracciare un profilo del protagonista plasmato in tutta la mobilità di trapassi che ne rivelano la fatalità della sua disperazione; merito della capacità del grande interprete di dosare gli accenti, controllare il timbro, senza mai cadere nelle trappole insidiose di una passionalità troppo sfogata o, al contrario, di un’inclinazione a distillare la misura sentimentale attraverso i filtri di quel manierismo artificioso che spesso viene scambiato per finezza. 

Lungo tale linea di naturalezza, frutto ovviamente di un controllo e di una sapiente condotta vocale, si muove anche Ninon Vallin nel creare una Charlotte di profonda intensità, proprio per la dignità con cui ne regola i segreti turbamenti. 

 

 

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricoverato Sobral, vincitore Eurovision 2017

Eurovision 2017

Salvador Sobral ricoverato in gravi condizioni

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

L'evento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Orietta Berti batte il Fisco: l’Irap le sarà rimborsata dal 1998

MONTECCHIO

Orietta Berti vince sul Fisco: le sarà restituita l'Irap pagata negli ultimi 19 anni

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Ristorante Bagno Gelosia

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Lealtrenotizie

Viadotto sul Po chiuso, Governo vaglia fattibilita' ponte di barche

tg parma

Viadotto sul Po chiuso, il Governo vaglia la fattibilità del ponte di barche Video

1commento

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

18commenti

venezia-Parma

Brutto momento, D'Aversa: "Dobbiamo uscirne con la voglia di lottare" Video

tg parma

Blitz col coltello in farmacia, è caccia ai rapinatori Video

PROCESSO

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

ROCCABIANCA

Ponte sul Po, prima i disagi ora gli incidenti

Università

Mercoledì 27 si vota per il nuovo rettore: dove e come

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

FRODE

Wally Bonvicini parla e si difende

1commento

TORRECHIARA

Il mistero della settima porta

gazzareporter

Rifiuti "in bella mostra": la segnalazione dalla zona ospedale

1commento

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

4commenti

Ritratto

I They, la famiglia del volley

FORNOVO

Bertoli, il chimico che sapeva tutto sul petrolio

Anticipi/posticipi

Parma-Avellino domenica 29 ottobre Il calendario fino alla 13a

2commenti

Crocetta

Insegue due ladri e viene preso a pugni

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

6commenti

ITALIA/MONDO

gran bretagna

L'agenzia dei trasporti di Londra non rinnova licenza a Uber. Che fa subito ricorso

Italia

Trova cadavere nella sua auto, si tratta di un clochard

SPORT

Gallery sport

Il ritorno di Valentino Rossi: le foto

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

famiglia

I nuovi padri: se ne parla al Wopa

fotografia

Gazzareporter "Vacanze": vince un romantico paesaggio

MOTORI

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte