Arte-Cultura

Aprire al pubblico l'Abbazia di Valserena - Gloria Bianchino: "Ecco che cosa occorre"

Aprire al pubblico l'Abbazia di Valserena - Gloria Bianchino: "Ecco che cosa occorre"
3

L'Abbazia di Valserena (quella che tanti chiamano la "Certosa di Paradigna") è da tempo al centro di un dibattito in città, legato all'apertura del contenitore che ospita le raccolte dello Csac (Centro studi e archivio della Comunicazione) delll'Università di Parma.

Oggi Gloria Bianchino, rispondendo a un lettore della Gazzetta che chiedeva l'apertura al pubblico di Valserena, precisa i termini della questione. Ecco uno stralcio della lettera (il testo completo è sulla Gazzetta oggi in edicola).

Signor direttore, ho letto con stupore la lettera a firma MT pubblicata sulla Gazzetta del 13 aprile a pagina 46. Mi permetto di  rispondere punto per punto. La Abbazia di Valserena (non una Certosa!) è di proprietà della Università, non certo dei “coniugi Quintavalle”. La concessione ad altri degli spazi della Università spetta solo al Rettore e non certo a chi dirige la struttura. Arturo Carlo Quintavalle, mio marito, è in pensione dal 1 novembre scorso e non dirige lo CSAC da venti anni! Egli continua peraltro, con me, a fare giungere alle collezioni universitarie donazioni di grande importanza. Sono sempre stata nominata Direttore dello CSAC, che è un Centro Interfacoltà, dal Rettore. Preciso inoltre che, per questo compito, non ho percepito negli ultimi venti anni, e non percepisco, alcun compenso; eppure si tratta di un impegno quotidiano che raddoppia, di fatto, il mio lavoro in Università dove insegno Storia dell’Arte Contemporanea.

La Università, tre anni fa, ha aperto per tre giorni la abbazia di Valserena e, in quella occasione, vi furono oltre 7.000 visitatori: testimonianza della attenzione dei parmigiani, e non solo, per il lavoro svolto in quaranta anni dai -coniugi Quintavalle- e da un gruppo di laureati e tecnici che operano nello CSAC. Sarebbe certo desiderio del Rettore e mio (e di mio marito!!), da sempre, vedere le raccolte aperte costantemente al pubblico. Per aprire al pubblico Valserena si devono però risolvere due problemi: il primo è il costo della sorveglianza, indispensabile per tutelare un imponente patrimonio; l’altro è quello della grande quantità di opere conservate allo CSAC che risulta sempre più difficile gestire per assoluta mancanza di spazi.

(...) Per aprire a un pubblico più ampio servono impegni che vadano oltre le funzioni istituzionali che il CSAC, Centro Studi e Archivio della Comunicazione, finora ha svolto con generale consenso. Una prova? Quando vi è l’impegno, ad esempio del Comune, si realizza una grande mostra: Nove100, aperta da tre mesi con grande successo. Trovo infine penoso che decenni di lavoro, di dedizione alla creazione, dal nulla e senza spese, di grandi collezioni pubbliche siano così palesemente misconosciuti.

Gloria Bianchino Direttore del CSAC della Università di Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • manuel

    15 Aprile @ 14.58

    Va già bene se non la demoliranno. Il piano comunale prevede la costruzioni di capannoni e prefabbicati a ridosso dell'Abbazia. VERGOGNA! (la critica è diretta al comune ovviamente non all'autrice dell'articolo)

    Rispondi

  • daimon

    15 Aprile @ 12.05

    valserena andrebbe aperta prima di tutto per sé stessa, le opere che vi sono state introdotte niente hanno a che fare con l'opera d'arte che è già di per sé stessa l'abbazia, che non ha bisogno certamente dei lavori degli artisti del '900 per attirare visitatori e interesse.

    Rispondi

  • Marco Stuppini

    15 Aprile @ 11.55

    Concordo completamente con l'autore dell'articolo. Il mio pensiero è andato in un lampo al compianto Padre Domenico Milani (delle Missioni Saveriane, casa madre di Parma) che ha profuso le sue ultime energie alla creazione di spazi dedicati all'interCultura ed Arte senza, purtroppo, aver mai avuto il degno quanto meritato risultato pratico. Spesso accennava all'aver avuto minori ostacoli a fare univerità in Africa... La nostra cultura si salverà sempre di più dall'azione dei singoli, purtroppo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

I dati definitivi: il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

1commento

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro prima giù poi recupera - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

5commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

11commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)