21°

Arte-Cultura

Sciascia, la scrittura come disvelamento di verità nascoste

0
di Davide Barilli
 
Esaurito il caravanserraglio degli interventi celebrativi andati in scena in occasione del ventennale  della morte (ma attenzione, fra pochi mesi ricorrerà il novantesimo della nascita!) si può tornare a parlare di Sciascia fuori dagli schematismi delle onorificenze postume, per cogliere  una visione più ampia e complessiva della sua opera. Ne dà occasione  un fresco libro di Giuseppe Traina  - «Una problematica modernità. Verità  pubblica e scrittura a nascondere in Leonardo Sciascia» (Bonanno editore, pag 202, euro 18) - con cui lo studioso siciliano,    che su Sciascia ha pubblicato altri importanti volumi, torna a riflettere sulla modernità dello scrittore di Racalmuto. Troppo spesso incasellato in un nucleo in cui razionalismo illuminista, pessimismo per le umane cose e competenza mafiologica diventano una gabbia di facile esegesi, l'autore di «Todo modo» viene riletto da Traina in una prospettiva  di forte suggestione.  Il razionalista a tutto tondo, cioè, mostra l'altra faccia della medaglia. In un gioco che richiama certe logiche borgesiane,  Sciascia – ci dice Traina -  «rivela il suo fascino letterario non meno che la sua forza conoscitiva  soprattutto nel legame profondo   che esiste tra una  strategia del disvelamento...(..)...e un'altra strategia ...(...)..fondata sull'occultamento di lacerazioni e ferite della coscienza...».  Narratore delle rovine, delle ombre, dunque, proprio come l'amato Borges, recensito nel lontano '55 proprio sul «Raccoglitore» della Gazzetta di Parma. Autore prismatico, di difficile definizione, dominato dall'ossessione tipicamente siciliana e barocca, quella della morte, a differenza di molti altri scrittori suoi contemporanei - Calvino e Pasolini su tutti -  Sciascia è stato spesso relegato dalla critica nello spazio scomodo del polemista, facendo prevalere la figura del narratore civile su quella del letterato.  Dimenticando  che  lo Sciascia degli ultimi anni amava  compulsare vecchi documenti d'archivio, localismi ingialliti, cronache d'antan, in una sorta di saggismo antiquario, da intendersi però  non come fuga dal reale, ma come ricostruzione di un nucleo ideale dove alla piccola storia come luogo della menzogna e della violenza, resiste solo l'ottimismo della scrittura.  L'ingiustizia, l'assenza di identità, i rivoli del conformismo che attanagliano da ogni parte, sono sempre stati per Sciascia  avversari di un rapporto etico su cui impostare anche un'idea di letteratura. Un percorso complesso,  analizzato - in un altro volume, a cura di vari studiosi, fra cui lo stesso Traina - da una nuova generazione di critici. Intitolata, non a caso, «Leonardo Sciascia e la giovane critica» (Salvatore Sciascia editore) la raccolta di saggi  cuce  «in rete» i fili dei mille interessi e delle passioni del grande scrittore siciliano - anche temi apparentementi minori ma significativi (come l'amore per l'arte incisoria, tema trattato da Maria Giuseppina Catalano, studiosa catanese che insegna e vive a Parma). Ecco il punto. Troppo a lungo catalogato come scrittore di stampo illuminista, attratto dalla razionalità e dalla storia, il Sciascia più segreto  alberga nei doppifondi di una capacità divagante dove   irragione, coscienza civile e curiosità, si intridono in un complesso polimorfico   in cui la razionaltà altro non è che un metodo di analisi per riscattare la storia, dell'uomo e delle sue asperità. Dentro al cerchio della scrittura baluginano così  icone che, in una sorta di cerchi concentrici -  tra  recensioni  teatrali, presenza sui giornali,  prime prove di scrittura - stimolano una lettura della  realtà civile, sociale e morale dell'Italia del secondo dopoguerra in chiave politica,  antropologica e culturale. Prende così corpo quell'utopia della letteratura «la più assoluta forma che la verità possa assumere» chiamata a mettere ordine nel magma dell'esistenza, in cui il primato  dello stile  è identificazione di un approccio morale al mestiere del narratore.  
Una problematica modernità

 Bonanno, pag. 202,   18 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

E' morto Thomas Milian

Tomas Milian aveva 84 anni

Lutto

Addio a "Er monnezza": è morto Tomas Milian Gallery Video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi nell'area cani Foto

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Il candidato

Laura Cavandoli: Il centrodestra si divide

1commento

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

4commenti

Formaggio

La grana del grana

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano

Sentenza

Multa ingiusta, Equitalia condannata

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

19commenti

gazzareporter

Fontanini o.... Corcagnano?

ANTEPRIMA GAZZETTA

Raffaele Sollecito si trasferisce a Parma: intervista esclusiva Video

Accusato con Amanda Knox dell'omicidio Kercher, Sollecito è stato assolto. Ha scelto di vivere a Parma

4commenti

PONTETARO

I ladri svaligiano l'auto in pochi minuti con la chiave clonata

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Siamo uomini o robot?

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

2commenti

Milano

Il convivente spegne la tv in camera, lei tenta di ucciderlo

3commenti

WEEKEND

ELEONORA RUBALTELLI

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

Formula 1

La prima pole è firmata Hamilton

Mondiali

l'Italia batte l'Albania (2-0)

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery