13°

31°

Arte-Cultura

Il cantore dell'America

Il cantore dell'America
0

di Sergio Caroli

Se è vero che la storia della letteratura americana inizia nel XIX secolo con Poe, Melville, Emerson, Thoreau, poi con Henry James, è pur vero che tutti questi scrittori debbono tantissimo all’Inghilterra: a influenzarli profondamente è la cultura europea. Jack London era di là da venire quando nel 1876 apparve il «Tom Sawyer»  di Mark Twain. Primo scrittore totalmente americano, Twain fu anche il primo a scrivere, da artista, dei neri; e lo fece con un linguaggio che, ignaro della fissità della pagina stampata, possiede la freschezza, la rapidità e la poesia della parlata popolare. L’audacia con cui Twain folgora le immagini, le metafore e i verbi, insieme al linguaggio colorito dei suoi personaggi, reca il suono della verità senza maschere, e innalza la lingua americana a vette di splendore senza pari. A questa prosa doveva pensare Hemingway quando scriveva che «tutta la letteratura americana moderna viene da un libro di Mark Twain che si chiama ''Huckleberry Finn''». In questo scrittore - del quale gli Stati Uniti e il mondo celebrano il centenario della morte il 21 aprile - si condensano i caratteri dell’America ottocentesca. Egli interpretò lo spirito della nuova frontiera e l’immensità dei mutamenti in atto allorché fu raggiunto il Pacifico, così da divenire il massimo «storico» del «flush times» del West: nessuno ha narrato come Twain la saga dei cercatori d’argento e d’oro, dei loro sogni come delle loro sconfitte.Samuel Langhorne Clemens, questo il suo vero nome, nato a Florida, nel Missouri, nel 1835, fu dapprima pilota di battelli sul Mississipi, poi cercatore d’oro, infine giornalista in viaggio per il mondo, sempre animato da spirito di avventura. Ebbe il gusto per le speculazioni e per la pubblicità, nutrì una fiducia illimitata nel progresso tecnico e tuttavia paventò gli effetti dei prodigi della meccanica, anche in ciò manifestando quel carattere contraddittorio che è l’essenza della sua personalità. Scrittore tra i più prolifici della letteratura americana, legato al mercato, eppure anticonformista e per molti aspetti anti-borghese, ostile al romanticismo ma creatore di idilli intrisi di spirito romantico, motteggiatore degli «intellettuali» ma assertore della cultura che intese come arma per l’emancipazione dei popoli, benpensante, ma incapace di imposture e di compromessi, fu nazionalista, ma negli ultimi anni denuncerà spietatamente l’imperialismo statunitense a Cuba, nelle Filippine e nel Messico: di recente si sono trovate, negli scritti sparsi degli ultimi anni, requisitorie ancor più radicali contro magnati e razzisti che consegnano il suo Paese ad avventurieri senza scrupoli. «Io non ho mai cercato in nessun caso - scrisse in una lettera nel 1889 - di rendere colte le classi colte. Me ne mancavano sia le doti naturali che la preparazione. Ambizioni in questo senso non ne ho avute mai. Ma sono sempre andato a caccia d’una selvaggina più grossa: le masse. Raramente mi sono proposto di istruirle, ma ho fatto il mio meglio per divertirle». «Le avventure di Tom Sawyer» e «Le avventure di Huckleberry Finn» non hanno solo suscitato ilarità senza fine in milioni di ragazzi e di adulti in ogni angolo del pianeta: da quei libri sgorgano poesia e verità come acqua sorgiva dalle fenditure della roccia. Sarebbe improprio considerare i due romanzi semplicemente come l’uno il seguito dell’altro. Nel primo, rappresentazione della storia di un’infanzia perduta, Tom spezza la monotonia e l’oppressione spirituale di un piccolo paese sulla sponda del Mississipi proiettando la sua ansia di libertà in evasioni fantastiche e in un furioso succedersi di avventure da lui fabbricate; nel secondo, Huck realizza quel sogno di libertà fuggendo di fronte a una tragica condizione: le medesime vicende di Tom egli le narra in chiave di dura realtà. I due romanzi non sono che una stessa fantasia che si propone per due volte: la morte immaginaria, protagonista di un gioco infantile in «Tom Sawyer», diviene tragica concretezza in «Huckleberry Finn». Huck non è fuggito dalla signora Watson e dalla vedova Douglas per conquistare una libertà esclusivamente individuale, ma perché in Jim, il negro in fuga dalla schiavitù, scopre il suo vero padre, allo stesso modo che, nell’«Ulisse»  di Joyce, Stephen Dedalus scopre il suo vero padre in Leopold Bloom. La spettrale precisione del linguaggio con cui Huck narra la propria storia imprime in modo indelebile nella mente del lettore la condizione dei paria della società. La grandezza del romanzo si raccoglie nella consonanza spirituale e nella solidarietà tra il ragazzo bandito dalla società e il negro in fuga dalle iniquità del consorzio sociale. Indole forte e generosa, Huck tende sempre la mano amica a chi nella vita soccombe, mentre è istintivamente ostile ai prepotenti e ad ogni forma di oppressione. E' un rappresentante tipico della democrazia americana questo Huck che osserva con pessimismo, che non deborda mai in scetticismo, l’umanità che incontra nel suo viaggio lungo il Mississipi: per lui anche i ribaldi hanno una segreta umanità. E siamo nell’America profonda, puritana e violenta, superstiziosa e razzista, conformista e pecorile, della prima metà dell’Ottocento. Come ha osservato T. S. Eliot: «Lo stile del libro che è lo stile di Huck ne fa una denuncia contro la schiavitù assai più persuasiva che non la propaganda ad effetto della ''Capanna dello zio Tom'' (...). Perciò alla fine noi lo vediamo come una delle figure permanenti della narrativa: non indegno di prendere il posto al fianco di Ulisse, Faust, don Chisciotte, Amleto, e altre grandi scoperte che l’uomo ha fatto su se stesso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica pomeriggio al Colle San Giuseppe

FESTE

Un pomeriggio al Colle... foto

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

1commento

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Ruspe al lavoro nel laghetto del Ducale (1995)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«+50 no limits» Idee e proposte per i migliori anni

INIZIATIVE

«+50 no limits»: idee e proposte per i migliori anni

Lealtrenotizie

Una lettrice: "Un uomo nudo nel piazzale della stazione"

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

11commenti

PARMA

Secondo caso di tubercolosi al Rondani: studente ricoverato al Maggiore

Il ragazzo, minorenne, è in buone condizioni di salute

1commento

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

8commenti

PARMA

Ruba una borsetta nella chiesa dell'Annunziata: inseguita e bloccata 56enne parmigiana Video

Carabinieri

Spaccio a domicilio: arrestato 30enne a Sorbolo

CASALTONE

Auto esce di strada e si ribalta: ferita una ragazza

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

INCIDENTE

Scooter contro auto nel Piacentino: morto 29enne portato al Maggiore

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

3commenti

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

MONZA

Ragazza violentata per anni e sequestrata per punizione: 24enne in manette

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

Gazzareporter

"En passant", crepuscolo parmigiano

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

1commento

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover