22°

Arte-Cultura

La vita di ogni giorno per la tavolozza naïf di Enrico Fereoli

La vita di ogni giorno per la tavolozza naïf di Enrico Fereoli
0

 Stefania Provinciali

Naïf inconsueto, Enrico Fereoli (Sala Baganza 1901 - Parma 1991), come inconsueti sono stati altri celebri artisti definiti naif che hanno unito all’autenticità del tratto il realismo nella scelta dei soggetti dando vita ad una forma artistica e poetica capace di profonda narrazione. Enrico Fereoli, il «pittore delle Barricate», al quale, nel 2005, fu dedicata nella Rocca Sanvitale di Sala Baganza la mostra omonima, in occasione nel 60° anniversario della Liberazione, torna in Rocca, con un’antologica di diciassette opere, in gran parte inedite, visibile fino al 25 aprile. 
Grazie a questa rassegna si può ripercorrere dell’autore quella naiveté nutrita di autentica passione per la pittura attraverso i temi prediletti: luoghi di Sala Baganza, ambienti popolari, rurali o rustici, oltre al celebre olio «Case sul lungo Parma» e opere dedicate a personaggi e paesaggi di Castellamare di Stabia. Testimonianze tutte di una esistenza che trova riscontro in un talento sincero, difficile da definire «ingenuo», secondo i canoni della pittura naïf, sviluppato di pari passo con le esperienze della vita, là dove la vita si incontra con la sensibilità per le cose. Sono l’occhio e il cuore ad essere coinvolti di fronte alle opere in mostra, senz'ombra di dubbio già considerate come «classico dell’ala realistica della pittura naïf» riprendendo le parole di Arsen Pohribny o, forse solo semplicemente tenendo conto della visione un autore che, fuori dai canoni stretti di una pittura «ingenua» per sua stessa definizione, ha saputo farne un «luogo» a parte, cogliendo la vita con la purezza delle idee e delle forme.
Storie di quotidiana realtà e paesaggi amati si confrontano con la memoria della mostra sulle Barricate a cui l’autore aveva dedicato un ciclo pittorico dimostrando di poter raccontare la storia con la lettera maiuscola. Allora aveva detto «Sono stato chiamato pittore primitivo, istintivo, io so soltanto che non ho avuto studi e ho cominciato a dipingere quasi a sessant'anni». 
«Una lezione di vita quella lasciata da Enrico Fereoli al termine di un lungo percorso di duro lavoro e di silenziosa passione civile. Una lezione che si specchia nei quadri riuniti in questa mostra - scrive nella sua introduzione Gianni Cavazzini - Conservati con amore dalla figlia Anna, testimoniano tutta l’originalità espressiva di un pittore che non impresta da nessuno e che svela, in quel che dipinge, l’impronta del vero più misterioso». 
Sala Baganza, il paese d’origine di Enrico Fereoli, ha voluto ricordarlo, riportando l’attenzione su di uno dei suoi figli che ha avuto il privilegio di saper cogliere della terra e dei suoi uomini la semplicità e l’umanità. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il pane: domani uno speciale di otto pagine

OGGI

Il pane: uno speciale di otto pagine

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

5commenti

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

PARMA CALCIO

Faggiano e la B: «Ci proviamo»

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

7commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

salumi da re

Norcini e salumieri a raduno a Polesine. Sfida al "panino teen-ager"

assemblea

Zebre rugby: Pagliarini si dimette, la Falavigna presidente

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Brexit, ci siamo. E non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon