Arte-Cultura

Poesia, il mondo di Franco Loi tra persone e paesaggi interiori

Ricevi gratis le news
0

Paolo Lagazzi
Non so da quanti anni conosco Franco Loi, e potrei dire che tra noi esiste quel qualcosa di impalpabile e prezioso che è l’amicizia. Non lo so, e non mi interessa molto saperlo (fare i conti, verificare date). So soltanto che, in tutti questi anni, ho sempre amato non solo la sua poesia, ma la sua voce di uomo: il suo dialogo tanto profondo quanto pacato, tanto semplice quanto vibrante d’un sentimento radicale delle cose, dell’umano, dell’essere.
 Ascoltare Loi nella quotidianità del conversare è sempre un’esperienza nutriente perché la sua voce - sottile, mite e velata da una garza di naturalezza, da un rifiuto istintivo d’ogni retorica - sa distillare segreti, sa schiudere illuminazioni decisive e insegnamenti sapienziali dal pozzo delle occasioni comuni, dell’esistere arreso alla sua nudità.
 In un mondo frastornato dai riti dell’isteria mediatica, dalla virulenza egocentrica dell’apparire, dalle bandiere dell’ipocrisia ammantata di seduzioni, questa voce ha sempre avuto, per chi ha conosciuto e frequentato il poeta nelle pieghe inappariscenti dei giorni, la dolcezza forte delle occasioni rivelatrici, degli incontri che ti schiudono orizzonti di bellezza, prospettive di conoscenza schietta, autentica. Molte vibrazioni, molte traiettorie di questo parlare tornano ora, sollecitate e fedelmente trascritte da Mauro Raimondi nel corso d’una lunga intervista, in «Da bambino il cielo» (Garzanti), un libro vasto, pullulante e liquido come un mare, scosceso come un paesaggio western e vibratile come un bosco: un libro-summa; un regesto biografico che ripercorre, con una straordinaria larghezza di dati, testimonianze ed esempi, tutta la vita e l’opera di Loi in una specie di cavalcata inesausta, mossa dal vento, dalla febbre, dalla forma senza forma di un destino.
Raimondi osa domande limpide e assolutamente impegnative: «L'infanzia è un mito o una verità?»; «Che rapporto c'è, nella biografia d’un poeta, tra la realtà e i sogni, i luoghi di terra e i luoghi dell’anima?»;  «Cosa significa per un poeta scegliere, come mezzo espressivo, il dialetto?»;  «La voce dei poeti sgorga dalle ragioni dell’esistere o da quelle, ineffabili e sovrane, della musica?».
Loi, muovendosi con pazienza e acribia, accettando di piegarsi al bisogno dell’interlocutore di capire, o gettando improvvise frecce di luce verso il cielo, risponde dipanando la trama complessa dei suoi anni e della sua scrittura, sapiente come sanno esserlo solo i maestri di quella verità fluida e ingovernabile, fiammeggiante e anarchica, priva di confini e regimi che è la poesia.
Mai elusivo riguardo ai temi cruciali, alle verifiche decisive e scottanti che Raimondi gli sottopone, Loi è, in queste pagine, anche un dispensatore di racconti variegati, sorprendenti e fantastici, uno squisito intarsiatore di squarci epici e lirici, ricco d’una memoria di persone (da Sereni a Fortini, da Vittorini a Raffaello Baldini, da Ungaretti a Gatto, da Tomiolo a Renato Curcio) e di luoghi (da Genova a New York, da Colorno alla Grecia alla Cina) degna d’un archivio vivente e insieme di un sovrano dell’affabulazione.
Nato e cresciuto nel rumore dell’esistenza, nell’intreccio più magmatico fra voci dissonanti e consonanti, amori e odi, incantesimi e dissapori, ma insieme chiamato a un’esplorazione tutta personale dei territori del sacro e dell’ineffabile, il poeta sa restituirci, attraverso queste pagine, il retroterra della sua grande opera, il paesaggio storico e d’anima su cui essa è venuta a formarsi.
Malgrado l’immensa dispersione dei fatti, delle occasioni e dei segni, la figura inequivoca - umanissima ma a suo modo implacabile - di una vocazione creativa si disegna pian piano attraverso le partiture del libro. Per Loi, prendere coscienza di questa chiamata ha significato soprattutto capire che scrivere poesie vuol dire assumersi la responsabilità di «conservare la voce profonda della vita».  Corollario di questa presa di coscienza, nel libro brillano episodi struggenti come quello del giovane salvato dal suicidio proprio grazie all’ascolto di alcuni testi del poeta, o come quello di un bambino delle elementari che, mentre Loi leggeva dei suoi versi in classe, guardava un albero fuori dalla finestra; quando la maestra, dopo la lettura, gli chiese un po' irritata un commento, il bambino rispose: «Pensavo che mi sarebbe piaciuto essere l’albero che sta là ad ascoltare il poeta. E ho capito che lui l’intende così la poesia».
Da  bambino il cielo - Garzanti, pag.  379, Euro 29,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Arrestato un altro spacciatore di viale dei Mille

Foto d'archivio

carbinieri

Viale dei Mille, si mette in bocca le dosi di cocaina e inforca la bici: arrestato

polizia

Insegue e molesta la ex in Cittadella: la fuga finisce contro un'auto. E poi in cella

1commento

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

2commenti

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

3commenti

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Pochi disposti a tenere gli stili di vita sani necessari per donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

1commento

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

8commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

15commenti

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

2commenti

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

afghanistan

Attaccata la sede di Save The Children: almeno 11 feriti

PIACENZA

Tenta di gettarsi dal ponte, i carabinieri lo salvano

1commento

SPORT

GAZZAFUN

Vota i grandi dello sport di Parma (e non)

TENNIS

Australian Open, l'eterno Federer in semifinale. Contro la sorpresa Chung

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

3commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video