13°

20°

Arte-Cultura

Poesia, il mondo di Franco Loi tra persone e paesaggi interiori

Ricevi gratis le news
0

Paolo Lagazzi
Non so da quanti anni conosco Franco Loi, e potrei dire che tra noi esiste quel qualcosa di impalpabile e prezioso che è l’amicizia. Non lo so, e non mi interessa molto saperlo (fare i conti, verificare date). So soltanto che, in tutti questi anni, ho sempre amato non solo la sua poesia, ma la sua voce di uomo: il suo dialogo tanto profondo quanto pacato, tanto semplice quanto vibrante d’un sentimento radicale delle cose, dell’umano, dell’essere.
 Ascoltare Loi nella quotidianità del conversare è sempre un’esperienza nutriente perché la sua voce - sottile, mite e velata da una garza di naturalezza, da un rifiuto istintivo d’ogni retorica - sa distillare segreti, sa schiudere illuminazioni decisive e insegnamenti sapienziali dal pozzo delle occasioni comuni, dell’esistere arreso alla sua nudità.
 In un mondo frastornato dai riti dell’isteria mediatica, dalla virulenza egocentrica dell’apparire, dalle bandiere dell’ipocrisia ammantata di seduzioni, questa voce ha sempre avuto, per chi ha conosciuto e frequentato il poeta nelle pieghe inappariscenti dei giorni, la dolcezza forte delle occasioni rivelatrici, degli incontri che ti schiudono orizzonti di bellezza, prospettive di conoscenza schietta, autentica. Molte vibrazioni, molte traiettorie di questo parlare tornano ora, sollecitate e fedelmente trascritte da Mauro Raimondi nel corso d’una lunga intervista, in «Da bambino il cielo» (Garzanti), un libro vasto, pullulante e liquido come un mare, scosceso come un paesaggio western e vibratile come un bosco: un libro-summa; un regesto biografico che ripercorre, con una straordinaria larghezza di dati, testimonianze ed esempi, tutta la vita e l’opera di Loi in una specie di cavalcata inesausta, mossa dal vento, dalla febbre, dalla forma senza forma di un destino.
Raimondi osa domande limpide e assolutamente impegnative: «L'infanzia è un mito o una verità?»; «Che rapporto c'è, nella biografia d’un poeta, tra la realtà e i sogni, i luoghi di terra e i luoghi dell’anima?»;  «Cosa significa per un poeta scegliere, come mezzo espressivo, il dialetto?»;  «La voce dei poeti sgorga dalle ragioni dell’esistere o da quelle, ineffabili e sovrane, della musica?».
Loi, muovendosi con pazienza e acribia, accettando di piegarsi al bisogno dell’interlocutore di capire, o gettando improvvise frecce di luce verso il cielo, risponde dipanando la trama complessa dei suoi anni e della sua scrittura, sapiente come sanno esserlo solo i maestri di quella verità fluida e ingovernabile, fiammeggiante e anarchica, priva di confini e regimi che è la poesia.
Mai elusivo riguardo ai temi cruciali, alle verifiche decisive e scottanti che Raimondi gli sottopone, Loi è, in queste pagine, anche un dispensatore di racconti variegati, sorprendenti e fantastici, uno squisito intarsiatore di squarci epici e lirici, ricco d’una memoria di persone (da Sereni a Fortini, da Vittorini a Raffaello Baldini, da Ungaretti a Gatto, da Tomiolo a Renato Curcio) e di luoghi (da Genova a New York, da Colorno alla Grecia alla Cina) degna d’un archivio vivente e insieme di un sovrano dell’affabulazione.
Nato e cresciuto nel rumore dell’esistenza, nell’intreccio più magmatico fra voci dissonanti e consonanti, amori e odi, incantesimi e dissapori, ma insieme chiamato a un’esplorazione tutta personale dei territori del sacro e dell’ineffabile, il poeta sa restituirci, attraverso queste pagine, il retroterra della sua grande opera, il paesaggio storico e d’anima su cui essa è venuta a formarsi.
Malgrado l’immensa dispersione dei fatti, delle occasioni e dei segni, la figura inequivoca - umanissima ma a suo modo implacabile - di una vocazione creativa si disegna pian piano attraverso le partiture del libro. Per Loi, prendere coscienza di questa chiamata ha significato soprattutto capire che scrivere poesie vuol dire assumersi la responsabilità di «conservare la voce profonda della vita».  Corollario di questa presa di coscienza, nel libro brillano episodi struggenti come quello del giovane salvato dal suicidio proprio grazie all’ascolto di alcuni testi del poeta, o come quello di un bambino delle elementari che, mentre Loi leggeva dei suoi versi in classe, guardava un albero fuori dalla finestra; quando la maestra, dopo la lettura, gli chiese un po' irritata un commento, il bambino rispose: «Pensavo che mi sarebbe piaciuto essere l’albero che sta là ad ascoltare il poeta. E ho capito che lui l’intende così la poesia».
Da  bambino il cielo - Garzanti, pag.  379, Euro 29,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

La Bugatti guidata da Juan Pablo Montoya da 0 a 400 Km/h a 0 in  42"

AUTO

Bugatti Chiron: da 0 a 400 km/h a 0 in 42 secondi

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Spaghetti settembrini

LA RICETTA 

Gli "Spaghetti settembrini" della Peppa

Lealtrenotizie

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

9commenti

incidente

86enne in bici urtato da un'auto in via Baganza: è grave

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

OPERAZIONE

Milioni nascosti al Fisco, indagato anche il patron del Palermo Zamparini

Ritratto

Wally Bonvicini, l'imprenditrice che voleva fare il sindaco

Paladina dei diritti dei cittadini nella lotta contro la banche ed Equitalia, ma anche candidata alla poltrona di primo cittadino

6commenti

viabilità

Grosso ramo caduto in strada: chiusa per un'ora via Gramsci

1commento

Ponte chiuso

La sindaca di Colorno: «Un ponte di barche per le auto»

1commento

serie b

Parma-Empoli: dalle 17.30 «isola analcolica» e stop alle lattine

Dalle 20.30 la cronaca in diretta sul sito

1commento

Piazzale Maestri

Antiterrorismo «fai da te»: gli ambulanti si organizzano

1commento

Lutto

Addio a Pierino, il barista del Parco Ducale

1commento

MALTEMPO

Strada Naviglio Alto in versione lago

ieri sera

Black-out per un guasto nella zona Nord di Parma

3commenti

fotografia

L'affascinante spettacolo catturato dai parmigiani cacciatori di tornado Gallery

Borgotaro

C'erano una volta i «diavoli rossi»

SISSA

Pescando in Taro con il bilancione

Onorificenze

Salva una donna da un incendio: premiato in Provincia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

catania

Dottoressa della guardia medica violentata in ambulatorio: arrestato un 26enne

Birmania

Suu Kyi: "Più della metà dei villaggi Rohingya non colpiti da violenze"

2commenti

SPORT

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano

calcio

Rooney ubriaco alla guida, patente ritirata 2 anni

SOCIETA'

agroalimentare

«Caseifici aperti»: ecco dove andare nel Parmense

sant'andrea bagni

Le nozze del vicesindaco di Medesano

MOTORI

IL TEST

Nuova Polo: ecco come va la sesta generazione

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...