Arte-Cultura

Poesia, il mondo di Franco Loi tra persone e paesaggi interiori

0

Paolo Lagazzi
Non so da quanti anni conosco Franco Loi, e potrei dire che tra noi esiste quel qualcosa di impalpabile e prezioso che è l’amicizia. Non lo so, e non mi interessa molto saperlo (fare i conti, verificare date). So soltanto che, in tutti questi anni, ho sempre amato non solo la sua poesia, ma la sua voce di uomo: il suo dialogo tanto profondo quanto pacato, tanto semplice quanto vibrante d’un sentimento radicale delle cose, dell’umano, dell’essere.
 Ascoltare Loi nella quotidianità del conversare è sempre un’esperienza nutriente perché la sua voce - sottile, mite e velata da una garza di naturalezza, da un rifiuto istintivo d’ogni retorica - sa distillare segreti, sa schiudere illuminazioni decisive e insegnamenti sapienziali dal pozzo delle occasioni comuni, dell’esistere arreso alla sua nudità.
 In un mondo frastornato dai riti dell’isteria mediatica, dalla virulenza egocentrica dell’apparire, dalle bandiere dell’ipocrisia ammantata di seduzioni, questa voce ha sempre avuto, per chi ha conosciuto e frequentato il poeta nelle pieghe inappariscenti dei giorni, la dolcezza forte delle occasioni rivelatrici, degli incontri che ti schiudono orizzonti di bellezza, prospettive di conoscenza schietta, autentica. Molte vibrazioni, molte traiettorie di questo parlare tornano ora, sollecitate e fedelmente trascritte da Mauro Raimondi nel corso d’una lunga intervista, in «Da bambino il cielo» (Garzanti), un libro vasto, pullulante e liquido come un mare, scosceso come un paesaggio western e vibratile come un bosco: un libro-summa; un regesto biografico che ripercorre, con una straordinaria larghezza di dati, testimonianze ed esempi, tutta la vita e l’opera di Loi in una specie di cavalcata inesausta, mossa dal vento, dalla febbre, dalla forma senza forma di un destino.
Raimondi osa domande limpide e assolutamente impegnative: «L'infanzia è un mito o una verità?»; «Che rapporto c'è, nella biografia d’un poeta, tra la realtà e i sogni, i luoghi di terra e i luoghi dell’anima?»;  «Cosa significa per un poeta scegliere, come mezzo espressivo, il dialetto?»;  «La voce dei poeti sgorga dalle ragioni dell’esistere o da quelle, ineffabili e sovrane, della musica?».
Loi, muovendosi con pazienza e acribia, accettando di piegarsi al bisogno dell’interlocutore di capire, o gettando improvvise frecce di luce verso il cielo, risponde dipanando la trama complessa dei suoi anni e della sua scrittura, sapiente come sanno esserlo solo i maestri di quella verità fluida e ingovernabile, fiammeggiante e anarchica, priva di confini e regimi che è la poesia.
Mai elusivo riguardo ai temi cruciali, alle verifiche decisive e scottanti che Raimondi gli sottopone, Loi è, in queste pagine, anche un dispensatore di racconti variegati, sorprendenti e fantastici, uno squisito intarsiatore di squarci epici e lirici, ricco d’una memoria di persone (da Sereni a Fortini, da Vittorini a Raffaello Baldini, da Ungaretti a Gatto, da Tomiolo a Renato Curcio) e di luoghi (da Genova a New York, da Colorno alla Grecia alla Cina) degna d’un archivio vivente e insieme di un sovrano dell’affabulazione.
Nato e cresciuto nel rumore dell’esistenza, nell’intreccio più magmatico fra voci dissonanti e consonanti, amori e odi, incantesimi e dissapori, ma insieme chiamato a un’esplorazione tutta personale dei territori del sacro e dell’ineffabile, il poeta sa restituirci, attraverso queste pagine, il retroterra della sua grande opera, il paesaggio storico e d’anima su cui essa è venuta a formarsi.
Malgrado l’immensa dispersione dei fatti, delle occasioni e dei segni, la figura inequivoca - umanissima ma a suo modo implacabile - di una vocazione creativa si disegna pian piano attraverso le partiture del libro. Per Loi, prendere coscienza di questa chiamata ha significato soprattutto capire che scrivere poesie vuol dire assumersi la responsabilità di «conservare la voce profonda della vita».  Corollario di questa presa di coscienza, nel libro brillano episodi struggenti come quello del giovane salvato dal suicidio proprio grazie all’ascolto di alcuni testi del poeta, o come quello di un bambino delle elementari che, mentre Loi leggeva dei suoi versi in classe, guardava un albero fuori dalla finestra; quando la maestra, dopo la lettura, gli chiese un po' irritata un commento, il bambino rispose: «Pensavo che mi sarebbe piaciuto essere l’albero che sta là ad ascoltare il poeta. E ho capito che lui l’intende così la poesia».
Da  bambino il cielo - Garzanti, pag.  379, Euro 29,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gara a Bologna, "Scrivi un film per Ambra Angiolini"

cinema

Gara a Bologna: "Scrivi un film per Ambra Angiolini" Video

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

feste

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

parma-bassano

Traversa di Ricci, occasione gol con Nocciolini: il Parma inizia in avanti Diretta

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

6commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

3commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

3commenti

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

6commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

4commenti

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

bologna

Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

dopo il furto

Ritrovato il cancello del campo di concentramento di Dachau

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

1commento

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery