15°

Arte-Cultura

Una grande stratega politica

Una grande stratega politica
0
Di che pasta fosse fatta Elisabetta Farnese, la «buona principessa di Parma impastata di butirro e formaggio» l’Europa, sorpresa, l'ha capito subito quando nel 1714, appena giunta in Spagna da regina, ventiduenne moglie del trentunenne Filippo V, ha licenziato su due piedi la potentissima principessa Orsini (Marie-Anne de la Tremoïlle) «cameriera mayor». E subito dopo, con una «prima notte» nuziale lunga diciannove ore, ha conquistato totalmente il marito «con il quale visse in un interrotto tête-à-tête». 
Allegra, vivace, socievole, pur allevata nella piccola corte parmense Elisabetta (1692-1766; Isabel de Farnesio per gli spagnoli) si dimostrava molto scaltra nel perseguire un disegno politico che non si limitava a portare sul trono i propri figli ma anche si iscriveva «in un più vasto progetto di ridefinizione degli assetti politici italiani usciti dalla guerra di successione spagnola.
 E’ un progetto - di cui si era già fatto promotore il duca Francesco Farnese e che certamente non mancò di affidare alla nipote in procinto di diventare regina - volto alla creazione di un grande stato farnesiano nell’Italia centrale, autonomo dalla Spagna, che bene si coniugava con le aspirazioni di Filippo V di restaurare, ai danni degli austriaci, l’egemonia spagnola in Italia»: così sottolinea Gigliola Frangiti nella presentazione del volume «Elisabetta Farnese principessa di Parma e regina di Spagna», edito da Viella, che raccoglie gli atti del convegno internazionale di studi tenutosi all’Università di Parma coi contributi di Giovanni Tocci, Giuseppe Bertini, Luigi Pelizzoni, Lucien Bély, Géraud Poumarède, Maria Angeles Pérez Samper, Maria Victoria Lopez-Cordon Cortezo, Gloria A. Franco Rubio, Nicolas Morales, Stefano Tabacchi, Pia Wallnig, Renzo Sabbatini, Mirella Mafrici, Imma Ascione, Anna Maria Rao, Pierluigi Leone de Castris, Maria Grazia Maiorini.
 Un convegno di rilevante  interesse poiché ha preso in esame approfonditamente la complessa personalità di Elisabetta mettendone in luce aspetti anche poco indagati e puntualizzandone meglio altri. Una particolare attenzione è stata rivolta alla formazione della futura regina, rivelatasi di una solida cultura in campo storico e artistico così - come fa notare Giuseppe Bertini - da svolgere «un ruolo fondamentale nella vita culturale spagnola, ridimensionando in campo artistico l’influenza francese e determinando lo spostamento dell’interesse del paese iberico verso l’architettura, la pittura, la musica e il teatro italiano».
Fino a 8 anni Elisabetta, figlia di Odoardo Farnese e di Dorotea Sofia di Neuburg, ha vissuto prevalentemente a Parma. Suo padre moriva quando lei aveva appena compiuto un anno e sua madre si risposava nel 1696 col cognato Francesco Farnese, duca di Parma da due anni. Poi si trasferiva a Piacenza dove studiava con molto impegno e diligenza, amando soprattutto la storia, la pittura (ci sono rimasti alcuni suoi dipinti), la musica (suonava il cembalo) e la danza. E proprio le passioni per il ballo e la pittura, insieme a quella per la caccia, le servirono per rafforzare il rapporto col re e aiutarlo a superare i momenti di depressione. 
Vicina a Filippo nel privato, ma anche nel pubblico. Elisabetta, infatti, presenziava insieme ai più fidi collaboratori alle udienze quotidiane del re cosicché conosceva tutti gli affari di stato e poteva consigliare (e influenzare) il sovrano nelle varie decisioni. Grazie alla sua scaltra abilità riusciva, superando anche notevoli difficoltà, a portare il figlio Carlo sul trono di Spagna e i suoi discendenti su quello di Napoli e di Sicilia; il figlio Filippo e i suoi discendenti sul trono di Parma; Maria Anna Vittoria diventava regina del Portogallo; Maria Antonia sposava Vittorio Emanuele III di Savoia, allargando così l’influenza dei Borbone in Europa.
I diversi momenti pubblici e privati della regina sono stati oggetto di dotti e documentati interventi che i limiti dello spazio non ci consentono nemmeno di sunteggiare. Segnaliamo però due relazioni che riguardano l’impoverimento del patrimonio culturale parmense: «Dalla Ducale Galleria di Parma al Reale Museo di Napoli» di Pierluigi de Castris e l’«Archivio Farnese a Napoli» di Maria Grazia Maiorini. Purtroppo, per Parma, è stata proprio Isabel de Farnesio a spingere il figlio Carlo perché nel 1734 portasse a Napoli «quadri, statue, monete, medaglie, arredi, oggetti preziosi, manoscritti, libri, documenti archivistici» temendo che le truppe austriache potessero danneggiare e impadronirsi di questo patrimonio di inestimabile valore, che alla fine è stato ugualmente smembrato e seriamente danneggiato dagli spostamenti, dalle guerre e dalla insensibilità degli uomini. Così Parma si è trovata spogliata di due secoli di «storia farnesiana»: un danno immenso parzialmente attutito dall’illuminata sensibilità culturale dei nuovi duchi, il figlio (don Filippo) e il nipote (don Ferdinando) di Elisabetta che, forse un po' dimenticata, è stata ora «recuperata» nella sua più autentica dimensione di donna e nella sua grandezza di stratega politica capace di influire sulle sorti dell’Europa.
PIER PAOLO MENDOGNI
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa