16°

31°

Arte-Cultura

Una grande stratega politica

Una grande stratega politica
Ricevi gratis le news
0
Di che pasta fosse fatta Elisabetta Farnese, la «buona principessa di Parma impastata di butirro e formaggio» l’Europa, sorpresa, l'ha capito subito quando nel 1714, appena giunta in Spagna da regina, ventiduenne moglie del trentunenne Filippo V, ha licenziato su due piedi la potentissima principessa Orsini (Marie-Anne de la Tremoïlle) «cameriera mayor». E subito dopo, con una «prima notte» nuziale lunga diciannove ore, ha conquistato totalmente il marito «con il quale visse in un interrotto tête-à-tête». 
Allegra, vivace, socievole, pur allevata nella piccola corte parmense Elisabetta (1692-1766; Isabel de Farnesio per gli spagnoli) si dimostrava molto scaltra nel perseguire un disegno politico che non si limitava a portare sul trono i propri figli ma anche si iscriveva «in un più vasto progetto di ridefinizione degli assetti politici italiani usciti dalla guerra di successione spagnola.
 E’ un progetto - di cui si era già fatto promotore il duca Francesco Farnese e che certamente non mancò di affidare alla nipote in procinto di diventare regina - volto alla creazione di un grande stato farnesiano nell’Italia centrale, autonomo dalla Spagna, che bene si coniugava con le aspirazioni di Filippo V di restaurare, ai danni degli austriaci, l’egemonia spagnola in Italia»: così sottolinea Gigliola Frangiti nella presentazione del volume «Elisabetta Farnese principessa di Parma e regina di Spagna», edito da Viella, che raccoglie gli atti del convegno internazionale di studi tenutosi all’Università di Parma coi contributi di Giovanni Tocci, Giuseppe Bertini, Luigi Pelizzoni, Lucien Bély, Géraud Poumarède, Maria Angeles Pérez Samper, Maria Victoria Lopez-Cordon Cortezo, Gloria A. Franco Rubio, Nicolas Morales, Stefano Tabacchi, Pia Wallnig, Renzo Sabbatini, Mirella Mafrici, Imma Ascione, Anna Maria Rao, Pierluigi Leone de Castris, Maria Grazia Maiorini.
 Un convegno di rilevante  interesse poiché ha preso in esame approfonditamente la complessa personalità di Elisabetta mettendone in luce aspetti anche poco indagati e puntualizzandone meglio altri. Una particolare attenzione è stata rivolta alla formazione della futura regina, rivelatasi di una solida cultura in campo storico e artistico così - come fa notare Giuseppe Bertini - da svolgere «un ruolo fondamentale nella vita culturale spagnola, ridimensionando in campo artistico l’influenza francese e determinando lo spostamento dell’interesse del paese iberico verso l’architettura, la pittura, la musica e il teatro italiano».
Fino a 8 anni Elisabetta, figlia di Odoardo Farnese e di Dorotea Sofia di Neuburg, ha vissuto prevalentemente a Parma. Suo padre moriva quando lei aveva appena compiuto un anno e sua madre si risposava nel 1696 col cognato Francesco Farnese, duca di Parma da due anni. Poi si trasferiva a Piacenza dove studiava con molto impegno e diligenza, amando soprattutto la storia, la pittura (ci sono rimasti alcuni suoi dipinti), la musica (suonava il cembalo) e la danza. E proprio le passioni per il ballo e la pittura, insieme a quella per la caccia, le servirono per rafforzare il rapporto col re e aiutarlo a superare i momenti di depressione. 
Vicina a Filippo nel privato, ma anche nel pubblico. Elisabetta, infatti, presenziava insieme ai più fidi collaboratori alle udienze quotidiane del re cosicché conosceva tutti gli affari di stato e poteva consigliare (e influenzare) il sovrano nelle varie decisioni. Grazie alla sua scaltra abilità riusciva, superando anche notevoli difficoltà, a portare il figlio Carlo sul trono di Spagna e i suoi discendenti su quello di Napoli e di Sicilia; il figlio Filippo e i suoi discendenti sul trono di Parma; Maria Anna Vittoria diventava regina del Portogallo; Maria Antonia sposava Vittorio Emanuele III di Savoia, allargando così l’influenza dei Borbone in Europa.
I diversi momenti pubblici e privati della regina sono stati oggetto di dotti e documentati interventi che i limiti dello spazio non ci consentono nemmeno di sunteggiare. Segnaliamo però due relazioni che riguardano l’impoverimento del patrimonio culturale parmense: «Dalla Ducale Galleria di Parma al Reale Museo di Napoli» di Pierluigi de Castris e l’«Archivio Farnese a Napoli» di Maria Grazia Maiorini. Purtroppo, per Parma, è stata proprio Isabel de Farnesio a spingere il figlio Carlo perché nel 1734 portasse a Napoli «quadri, statue, monete, medaglie, arredi, oggetti preziosi, manoscritti, libri, documenti archivistici» temendo che le truppe austriache potessero danneggiare e impadronirsi di questo patrimonio di inestimabile valore, che alla fine è stato ugualmente smembrato e seriamente danneggiato dagli spostamenti, dalle guerre e dalla insensibilità degli uomini. Così Parma si è trovata spogliata di due secoli di «storia farnesiana»: un danno immenso parzialmente attutito dall’illuminata sensibilità culturale dei nuovi duchi, il figlio (don Filippo) e il nipote (don Ferdinando) di Elisabetta che, forse un po' dimenticata, è stata ora «recuperata» nella sua più autentica dimensione di donna e nella sua grandezza di stratega politica capace di influire sulle sorti dell’Europa.
PIER PAOLO MENDOGNI
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri ancora in azione all'ospedale

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

7commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

13commenti

Anteprima Gazzetta

Emergenza terrorismo a Parma: il punto con l'assessore Casa

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Governo

Politiche sull’acqua: Berselli nominato alla guida del nuovo distretto padano

Accorpate le vecchie autorità di bacino, la sede del nuovo distretto resterà a Parma

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

1commento

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

3commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

11commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Avvistati tre alpinisti morti sul Monte Bianco

Italia

Terrorismo, forze dell'ordine armate anche fuori servizio

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente