-5°

Arte-Cultura

C'è un mistero leonardesco nella storia dei Rossi

C'è un mistero leonardesco nella storia dei Rossi
0

di Paolo Panni

La corposa ed affascinante storia di San Secondo si sta tingendo, indirettamente, dei colori di un mistero addirittura leonardesco che, da qualche tempo, sta infiammando i salotti culturali di mezza Europa. La vicenda ha preso il via da Melzo, pochi anni fa, quando un gruppo di appassionati di arte e di storia, salvava dalla distruzione la piccola chiesa di Sant'Andrea, ricca di affreschi e «segni» riferibili a Leonardo, ma soprattutto perché in essa, durante i lavori di scavo per il ripristino della pavimentazione, veniva ritrovato il cranio di Galeazzo Maria Sforza, fatto assassinare il 26 dicembre 1476 dallo zio Ludovico il Moro che tanta importanza ebbe anche nella capitolazione del casato rossiano sul finire del quindicesimo secolo. Va ricordato che la figlia naturale di Galeazzo Maria Sforza e di Lucrezia Landriani, Caterina Sforza, andava sposa non ancora 15enne, il 14 gennaio 1477, a Gerolamo Riario, Signore di Imola e Forlì, ma soprattutto nipote di Papa Sisto IV. Da Gerolamo e Caterina, nel 1478, nasceva, Bianca, la quale, dopo un matrimonio non consumato con Astorre III Mafredi, signore di Faenza, sposava Troilo I dè Rossi, giungendo a San Secondo il 28 luglio 1503. Premesse d’obbligo per inquadrare periodo e personaggi sforzeschi molto legati a Leonardo. Nella chiesa di Sant'Andrea, a Melzo, lo stesso Leonardo, o comunque allievi della sua scuola, hanno lasciato segni inequivocabili. Ma la cosa che tocca da vicino anche San Secondo, e la nobile famiglia dei Rossi, parte nientemeno che dalla celeberrima «Gioconda» che recenti prove, che parrebbero inconfutabili, vorrebbero raffigurasse una Caterina Sforza in età matura. Caterina Sforza, madre di primo letto di Bianca Riario e nonna del conte di San Secondo Pier Maria il Giovane, nato nel 1502 e morto il 15 agosto 1547. In ogni caso, più famoso di tutti, di Caterina Sforza restava il figlio di terzo letto, il «gran zio» Giovanni, nato Lodovico il 6 aprile 1598 e diventato il celebre capitano delle Bande Nere. 
Alla conclusione che la Gioconda possa essere il ritratto di Caterina Sforza, gli studiosi Adriano Perosi di Melzo e la tedesca Magdalena Soest sono giunti attraverso la sovrapposizione del quadro leonardesco ad una tela, sinora attribuita a Lorenzo di Credi, opera detta «La dama dei gelsomini», conservata nella Pinacoteca di Forlì, ma che alla luce delle nuove ricerche potrebbe essere dello stesso Leonardo. Il quadro forlivese evidenzia, nelle mani di colei che è ritenuta Caterina Sforza, la rosa canina, simbolo emblematico del casato forlivese, fiore che appare anche nello stemma quasi cancellato nella volta della Galleria di Esopo in Rocca a San Secondo, a riprova della contiguità delle famiglie dei Rossi e dei Riario. Una relazione di Gilberto Giorgetti al convegno «Caterina Sforza - 500 Anni dalla Morte» (Forlì, 16 maggio 2009) e apparso su «La Piè» (Mandragora editore, Forlì, 2009) descrive cronologicamente fatti e personaggi legati alla realizzazione dei due quadri, «La dama dei gelsomini» e «La Gioconda», senza peraltro evidenziare i determinanti interventi, morali e materiali, degli Amici di Sant'Andrea ed in particolare di Adriano Perosi, gli stessi che il 5 maggio 2008 sono stati ospiti in Rocca a San Secondo. Vengono messe in evidenza le tesi contrarie che paiono avere tra i principali sostenitori la professoressa tedesco-australiana Maike Vogt-Luerssen, che identifica il ritratto in Isabella d’Aragona, duchessa di Milano, figlia di Ippolita Maria Sforza.  
Questo mistero leonardesco che coinvolge il centro della Bassa non può che essere destinato a far discutere a San Secondo. Della cosa si sta occupando anche lo studioso locale Pier Luigi Poldi Allaj, presidente dell’associazione Corte dei Rossi, che ha affrontato l’argomento sul sito della stessa associazione «Noi - scrive Poldi Allaj - ci limitiamo a registrare il dibattito così come l’abbiamo appreso, rimandando solo a più precise informazioni che stanno emergendo dagli scritti degli studiosi coinvolti, non ultimo un libro di imminente edizione di Magdalena Soest, preannunciato da un articolo sul tema apparso sul “Corriere della Sera” del 14 ottobre 2009. Se tuttavia, come presumiamo e come è auspicabile, l’intuizione degli Amici di San'Andrea e gli studi di Magdalena Soest saranno convincenti - conclude - di riflesso la storia dei Rossi di San Secondo potrebbe arricchirsi di un ulteriore magnifico tassello».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Ecoincentivi per auto metano o gplmetanogp

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

5commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

24commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

10commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

1commento

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

TV PARMA

Primarie del centrosinistra: i candidati scenderanno a tre? Video

1commento

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

18commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

WASHINGTON

Trump ha giurato: è il nuovo presidente

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta