11°

Arte-Cultura

Luce della conoscenza

Luce della conoscenza
Ricevi gratis le news
0

Stefania Provinciali

 Il fuoco come elemento di natura, come conquista dell’uomo, espressione del bene e del male, ha avuto infinite interpretazioni visive nella storia dell’arte, dagli inizi ai giorni nostri passando attraverso un secolo quale il Novecento che ha rinnovato la vitalità ed i significati delle arti sulle fantasie incendiarie futuriste. Forza purificatrice del mondo e mito della purificazione, motivo decorativo spesso utilizzato con ironia e gioco, evocazione del nuovo e nel contempo delle origini, il fuoco non ha mancato d’interessare anche il mondo della performance e del video come racconta la mostra visibile a Milano, a Palazzo Reale, fino al 6 giugno, secondo appuntamento dei percorsi dedicati al tema dell’energia e degli elementi di natura. Alla base l’idea di analizzarne il ruolo fondamentale del fuoco per la cultura mediterranea ed europea, in un mix di confronti molto vari tra loro che va da reperti archeologici, a dipinti, sculture ed installazioni nell’intento di ricondurre alla più profonda sensibilità umana. Le opere presenti «mescolano» interpretazioni e forme, affidandosi per lo più ai significati delle singole rappresentazioni e passano da Previati (Il Carro del Sole), a Vasari (La fucina di Vulcano) a Cranach (San Giorgio e il drago) a Canova (Vestale), a Tiziano, a Domenichino, attraverso dieci sezioni tematiche di valore simbolico: Fuoco e Cosmologia, Fuoco e Divino, Fuoco e Dualità, Fuoco e Distruzione, Fuoco e Purificazione, Fuoco e Iniziazione, Fuoco e Fecondità, Fuoco e Inconscio, Fuoco e Fiaba, Fuoco e nuovi miti. In questo contesto espressivo spiccano tre opere della Collezione Barilla.  Si tratta di «Divinité» (1940) di Max Ernst, «Prometheus» (1882) di Arnold Böcklin e una «Combustione»  di Alberto Burri. L'opera di Ernst si trova nella prima stanza del percorso espositivo, in una sezione dedicata al «fuoco creatore», là dove l’immagine scava nelle origini. La piccola tela dipinta con brevi  pennellate che paiono riprendere il filamento di un tappeto, mette a nudo alcuni aspetti strettamene legati al percorso creativo dell’artista ovvero l’insaziabile curiosità sull'alternanza dei modi di dipingere offrendo, in un breve brano appena accennato, l’impronta di un materiale diverso.  In questo contesto emerge la pittura, la trama figurale ed il volto della donna amata, trasformati in «Divinité».
Il «Prometheus» di Böcklin e la «Combustione»  di Burri appartengono al «fuoco utile», là dove viene ripercorso il mito di Prometeo, dono agli uomini e furto agli Dei, che raccoglie e suggella tutta l’ambivalenza, in termini psicologici, di questa grande conquista umana. Arnold Böcklin è uomo del nord attratto dalle luci mediterranee che si specchiano nelle acque, è uomo che sogna le rive dove è nata la classicità ellenica, dove è nato il mito. Nel suo Prometeo emerge quell'aspetto della divinità, dove il gigante è sceso ad abitare la terra, in un contesto carico di poesia, di luci ed ombre possenti dai risvolti romantici, dove il Titano, colpevole d’aver rubato il fuoco agli dei, è incatenato su una montagna e sferzato dalla natura selvaggia. E proprio nella figura di Prometeo si concentra fin dalla prima rivoluzione industriale e dalla stagione romantica il mito originario dell’età contemporanea.
L'essenzialità dei procedimenti messi in campo da alcuni protagonisti dell’arte europea degli anni Cinquanta e Sessanta, tra cui Burri, permetterà di sviluppare successivamente forme espressive nuove, che investiranno sulla capacità fisica della fiamma di plasmare la materia. Si rivela forte, nell’opera di Burri l’essenzialità del rapporto cromatico nelle abrasioni provocate dal fuoco e quindi risultato di un potere distruttivo nell’antitesi di vita e morte, là dove la materia si «frantuma».  La mostra promossa dal Comune di Milano e dalla Fondazione DNArt in coproduzione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (direzione generale per la valorizzazione) e in collaborazione con Regione Lombardia è curata dagli archeologi Cosimo Damiano Fonseca ed Elena Fontanella insieme all’ex sovrintendente del polo romano Claudio Strinati.  Il Fuoco è protagonista anche di un’istallazione d Bill Viola, che collega l’esposizione di Palazzo Reale all’Accademia di Brera dove, nella Pinacoteca, «Deserts» intende riallacciarsi ad un percorso ideale che attraverso i luoghi dell’arte attraversa l’idea del fuoco, dentro e fuori i confini della storia e delle singole opere, legandone strettamente i significati ai mezzi della contemporaneità, in un turbinio di forze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

 Mangiamusica, gran finale  con le Sorelle Marinetti

Fidenza

Mangiamusica, gran finale con le Sorelle Marinetti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, 17 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

5commenti

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Le reazioni

La sindaca di Fornovo: "Tanta paura, ma niente danni"

Il sindaco Pizzarotti "La scossa è stata sentita a Parma, ma non è di particolare rilievo"

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

4commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

SERIE A

Crolla la Juve, l'Inter batte l'Atalanta ed è seconda

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

1commento

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto