-3°

14°

Arte-Cultura

Luce della conoscenza

Luce della conoscenza
Ricevi gratis le news
0

Stefania Provinciali

 Il fuoco come elemento di natura, come conquista dell’uomo, espressione del bene e del male, ha avuto infinite interpretazioni visive nella storia dell’arte, dagli inizi ai giorni nostri passando attraverso un secolo quale il Novecento che ha rinnovato la vitalità ed i significati delle arti sulle fantasie incendiarie futuriste. Forza purificatrice del mondo e mito della purificazione, motivo decorativo spesso utilizzato con ironia e gioco, evocazione del nuovo e nel contempo delle origini, il fuoco non ha mancato d’interessare anche il mondo della performance e del video come racconta la mostra visibile a Milano, a Palazzo Reale, fino al 6 giugno, secondo appuntamento dei percorsi dedicati al tema dell’energia e degli elementi di natura. Alla base l’idea di analizzarne il ruolo fondamentale del fuoco per la cultura mediterranea ed europea, in un mix di confronti molto vari tra loro che va da reperti archeologici, a dipinti, sculture ed installazioni nell’intento di ricondurre alla più profonda sensibilità umana. Le opere presenti «mescolano» interpretazioni e forme, affidandosi per lo più ai significati delle singole rappresentazioni e passano da Previati (Il Carro del Sole), a Vasari (La fucina di Vulcano) a Cranach (San Giorgio e il drago) a Canova (Vestale), a Tiziano, a Domenichino, attraverso dieci sezioni tematiche di valore simbolico: Fuoco e Cosmologia, Fuoco e Divino, Fuoco e Dualità, Fuoco e Distruzione, Fuoco e Purificazione, Fuoco e Iniziazione, Fuoco e Fecondità, Fuoco e Inconscio, Fuoco e Fiaba, Fuoco e nuovi miti. In questo contesto espressivo spiccano tre opere della Collezione Barilla.  Si tratta di «Divinité» (1940) di Max Ernst, «Prometheus» (1882) di Arnold Böcklin e una «Combustione»  di Alberto Burri. L'opera di Ernst si trova nella prima stanza del percorso espositivo, in una sezione dedicata al «fuoco creatore», là dove l’immagine scava nelle origini. La piccola tela dipinta con brevi  pennellate che paiono riprendere il filamento di un tappeto, mette a nudo alcuni aspetti strettamene legati al percorso creativo dell’artista ovvero l’insaziabile curiosità sull'alternanza dei modi di dipingere offrendo, in un breve brano appena accennato, l’impronta di un materiale diverso.  In questo contesto emerge la pittura, la trama figurale ed il volto della donna amata, trasformati in «Divinité».
Il «Prometheus» di Böcklin e la «Combustione»  di Burri appartengono al «fuoco utile», là dove viene ripercorso il mito di Prometeo, dono agli uomini e furto agli Dei, che raccoglie e suggella tutta l’ambivalenza, in termini psicologici, di questa grande conquista umana. Arnold Böcklin è uomo del nord attratto dalle luci mediterranee che si specchiano nelle acque, è uomo che sogna le rive dove è nata la classicità ellenica, dove è nato il mito. Nel suo Prometeo emerge quell'aspetto della divinità, dove il gigante è sceso ad abitare la terra, in un contesto carico di poesia, di luci ed ombre possenti dai risvolti romantici, dove il Titano, colpevole d’aver rubato il fuoco agli dei, è incatenato su una montagna e sferzato dalla natura selvaggia. E proprio nella figura di Prometeo si concentra fin dalla prima rivoluzione industriale e dalla stagione romantica il mito originario dell’età contemporanea.
L'essenzialità dei procedimenti messi in campo da alcuni protagonisti dell’arte europea degli anni Cinquanta e Sessanta, tra cui Burri, permetterà di sviluppare successivamente forme espressive nuove, che investiranno sulla capacità fisica della fiamma di plasmare la materia. Si rivela forte, nell’opera di Burri l’essenzialità del rapporto cromatico nelle abrasioni provocate dal fuoco e quindi risultato di un potere distruttivo nell’antitesi di vita e morte, là dove la materia si «frantuma».  La mostra promossa dal Comune di Milano e dalla Fondazione DNArt in coproduzione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (direzione generale per la valorizzazione) e in collaborazione con Regione Lombardia è curata dagli archeologi Cosimo Damiano Fonseca ed Elena Fontanella insieme all’ex sovrintendente del polo romano Claudio Strinati.  Il Fuoco è protagonista anche di un’istallazione d Bill Viola, che collega l’esposizione di Palazzo Reale all’Accademia di Brera dove, nella Pinacoteca, «Deserts» intende riallacciarsi ad un percorso ideale che attraverso i luoghi dell’arte attraversa l’idea del fuoco, dentro e fuori i confini della storia e delle singole opere, legandone strettamente i significati ai mezzi della contemporaneità, in un turbinio di forze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel 'Corsaro Nero'

TELEVISIONE

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel "Corsaro Nero" Video

1commento

Colin Firth e Woody Allen

Colin Firth e Woody Allen

NEW YORK

Molestie: Woody Allen, anche Colin Firth si sfila. Carriera finita?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Episodio di omo-transfobia in via Cavour, 37enne insultato

il caso

Episodio di omo-transfobia in via Cavour: insultato un 37enne Video

sabato

Cremona, quasi 2.000 tifosi crociati per una trasferta (e rivalità) d'altri tempi

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

IL FATTO DEL GIORNO

Lupi e polemiche: dite la vostra, ma con garbo e correttezza Video

3commenti

polizia locale

Unione Pedemontana, camionisti sempre più indisciplinati: 213 sanzioni su 263 mezzi controllati I dati

23 gennaio

Oltre 5.000 candidati per un posto da infermiere: affittato il Palacassa Tutte le info

Comitato di vigilanza con 160 operatori aziendali, bus navetta dalla stazione ferroviaria

3commenti

p.le della pace

La città che cambia: ecco la (ex) sede della Provincia vuota Video

PARMA CALCIO

I nuovi numeri di maglia. I convocati per Cremona (ci sono Calaiò e Ceravolo)

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Ceravolo e Calaiò in recupero. Ma non sono al 100%" Video

POLIZIA

Parma, mancano agenti: Pizzarotti chiede un incontro al ministro dell'Interno

Nella lettera, il sindaco sottolinea che Parma è penalizzata rispetto ad altre città dell'Emilia-Romagna

9commenti

elezioni

Da "Mamme del mondo" a "W la fisica" (oltre a Lega e M5S), ecco i primi simboli presentati Foto

FURTO

Collecchio, va a fare la spesa e le svaligiano la villa

Casa a soqquadro. La proprietaria: «Conoscevano le nostre abitudini»

1commento

Traversetolo

In fiamme autocarro che trasportava fieno a Vignale Foto

Sono intervenuti i vigili del fuoco

1commento

Traversetolo

Un cartello alla porta: «I vostri colleghi ladri sono già passati»

1commento

PARMA

Luigine, proseguono le trattative: ne parla anche "Striscia la notizia" Video

Mistero

Busseto, chiuse due strade nella notte: è giallo

Tar di Bologna

Velo in tribunale: il giudice è un parmigiano

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Smartphone al volante? L'auto progredisce. L'uomo regredisce

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

AUTO

Da febbraio notifica delle multe con la mail certificata

1commento

USA

Trump assegna i "Fake News Awards" ma il sito fa flop Video

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

televisione

Armando Gandolfi (e il pomodoro) protagonisti sabato su Rai1 Video

BASSA REGGIANA

Due "super siluri" pescati a Boretto

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"