20°

Arte-Cultura

Luce della conoscenza

Luce della conoscenza
0

Stefania Provinciali

 Il fuoco come elemento di natura, come conquista dell’uomo, espressione del bene e del male, ha avuto infinite interpretazioni visive nella storia dell’arte, dagli inizi ai giorni nostri passando attraverso un secolo quale il Novecento che ha rinnovato la vitalità ed i significati delle arti sulle fantasie incendiarie futuriste. Forza purificatrice del mondo e mito della purificazione, motivo decorativo spesso utilizzato con ironia e gioco, evocazione del nuovo e nel contempo delle origini, il fuoco non ha mancato d’interessare anche il mondo della performance e del video come racconta la mostra visibile a Milano, a Palazzo Reale, fino al 6 giugno, secondo appuntamento dei percorsi dedicati al tema dell’energia e degli elementi di natura. Alla base l’idea di analizzarne il ruolo fondamentale del fuoco per la cultura mediterranea ed europea, in un mix di confronti molto vari tra loro che va da reperti archeologici, a dipinti, sculture ed installazioni nell’intento di ricondurre alla più profonda sensibilità umana. Le opere presenti «mescolano» interpretazioni e forme, affidandosi per lo più ai significati delle singole rappresentazioni e passano da Previati (Il Carro del Sole), a Vasari (La fucina di Vulcano) a Cranach (San Giorgio e il drago) a Canova (Vestale), a Tiziano, a Domenichino, attraverso dieci sezioni tematiche di valore simbolico: Fuoco e Cosmologia, Fuoco e Divino, Fuoco e Dualità, Fuoco e Distruzione, Fuoco e Purificazione, Fuoco e Iniziazione, Fuoco e Fecondità, Fuoco e Inconscio, Fuoco e Fiaba, Fuoco e nuovi miti. In questo contesto espressivo spiccano tre opere della Collezione Barilla.  Si tratta di «Divinité» (1940) di Max Ernst, «Prometheus» (1882) di Arnold Böcklin e una «Combustione»  di Alberto Burri. L'opera di Ernst si trova nella prima stanza del percorso espositivo, in una sezione dedicata al «fuoco creatore», là dove l’immagine scava nelle origini. La piccola tela dipinta con brevi  pennellate che paiono riprendere il filamento di un tappeto, mette a nudo alcuni aspetti strettamene legati al percorso creativo dell’artista ovvero l’insaziabile curiosità sull'alternanza dei modi di dipingere offrendo, in un breve brano appena accennato, l’impronta di un materiale diverso.  In questo contesto emerge la pittura, la trama figurale ed il volto della donna amata, trasformati in «Divinité».
Il «Prometheus» di Böcklin e la «Combustione»  di Burri appartengono al «fuoco utile», là dove viene ripercorso il mito di Prometeo, dono agli uomini e furto agli Dei, che raccoglie e suggella tutta l’ambivalenza, in termini psicologici, di questa grande conquista umana. Arnold Böcklin è uomo del nord attratto dalle luci mediterranee che si specchiano nelle acque, è uomo che sogna le rive dove è nata la classicità ellenica, dove è nato il mito. Nel suo Prometeo emerge quell'aspetto della divinità, dove il gigante è sceso ad abitare la terra, in un contesto carico di poesia, di luci ed ombre possenti dai risvolti romantici, dove il Titano, colpevole d’aver rubato il fuoco agli dei, è incatenato su una montagna e sferzato dalla natura selvaggia. E proprio nella figura di Prometeo si concentra fin dalla prima rivoluzione industriale e dalla stagione romantica il mito originario dell’età contemporanea.
L'essenzialità dei procedimenti messi in campo da alcuni protagonisti dell’arte europea degli anni Cinquanta e Sessanta, tra cui Burri, permetterà di sviluppare successivamente forme espressive nuove, che investiranno sulla capacità fisica della fiamma di plasmare la materia. Si rivela forte, nell’opera di Burri l’essenzialità del rapporto cromatico nelle abrasioni provocate dal fuoco e quindi risultato di un potere distruttivo nell’antitesi di vita e morte, là dove la materia si «frantuma».  La mostra promossa dal Comune di Milano e dalla Fondazione DNArt in coproduzione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (direzione generale per la valorizzazione) e in collaborazione con Regione Lombardia è curata dagli archeologi Cosimo Damiano Fonseca ed Elena Fontanella insieme all’ex sovrintendente del polo romano Claudio Strinati.  Il Fuoco è protagonista anche di un’istallazione d Bill Viola, che collega l’esposizione di Palazzo Reale all’Accademia di Brera dove, nella Pinacoteca, «Deserts» intende riallacciarsi ad un percorso ideale che attraverso i luoghi dell’arte attraversa l’idea del fuoco, dentro e fuori i confini della storia e delle singole opere, legandone strettamente i significati ai mezzi della contemporaneità, in un turbinio di forze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

David, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film

DAVID

La pazza gioia, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film Video

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

1commento

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

Personaggi

Francesco Canali, messaggio di speranza ai malati di Sla

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Lavoro

Gli agricoltori contro l'abolizione dei voucher

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

Intervista

Uto Ughi: «Un buon violino è come una Ferrari»

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

9commenti

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

15commenti

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

2commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

4commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

roma

Massacrato dal branco: due fermi. La ragazza: "Sembravano bestie"

Salute

Ausl, caso di meningococco nell'Appennino reggiano

SOCIETA'

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

3commenti

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

1commento

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017