15°

Arte-Cultura

Guarda la statua e scopri l'uomo

Guarda la statua e scopri l'uomo
0

 Patrizia Ginepri

Neanche un mese fa è riuscito a far cambiare nome al famoso «Atleta che si incorona» custodito nel Getty Museum di Los Angeles. Invitato dal presidente Jens Deahner, il professor Riccardo Partinico, docente di scienze motorie a Reggio Calabria, ha tenuto nella città americana una lezione sulla «Identità perduta»  della statua risalente al periodo Classico, ribattezzata «Giovane giavellottista».  
«Attraverso l’osservazione della postura, della morfologia del sistema muscolare, della somatometria dei distretti muscolari, possiamo risalire, con poca percentuale di errore, alla specialità sportiva esercitata  da un atleta - spiega Partinico -. Ad esempio, un lottatore appare fisicamente diverso da un karateka, pur praticando entrambi sport di combattimento. Il metodo permette, inoltre, di poter stabilire se il personaggio rappresentato da una statua è stato ritratto da un modello vivente, di attribuire il significato di gesti ed il tipo di attività bellica esercitata». Questo approccio scientifico è stato utilizzato anche per identificare i famosi Bronzi di Riace, avvistati tra la sabbia del fondale calabrese nel 1972, risalenti, secondo gli archeologi, a duemilacinquecento anni fa. «Chi siano stati e da dove siano venuti non lo sapremo mai - premette Partinico - ma è certo che i loro corpi sono stati forgiati con l’arte della guerra. Quella particolare armoniosità muscolare ha acceso la mia curiosità e mi ha indotto ad analizzare con molta attenzione il vissuto di quei muscoli».  Così l’analisi scientifica sui Bronzi di Riace, svolta da Partinico a partire dalla fine degli anni ’90, ha permesso di fornire diverse risposte: perché le due statue rappresentavano personaggi eroici realmente vissuti; perché i due guerrieri presentavano deformazioni del sistema scheletrico; perché il «Vecchio» andava a cavallo ed il «Giovane» no; perché i due guerrieri hanno esercitato attività belliche differenti; perché effettuavano la respirazione diaframmatica; perché assumevano quella particolare postura della mano destra.  «Le statue rappresentavano due personaggi eroici realmente vissuti perché lo scultore o gli scultori che hanno realizzato le opere hanno copiato, fedelmente, alcune deformazioni del loro sistema scheletrico: scoliosi e ipercifosi della colonna vertebrale e varismo del quinto dito dei piedi del ''Vecchio” - sottolinea l'esperto -. Duemila e cinquecento anni fa, infatti, nessuno conosceva questi dismorfismi. Il sovraccarico dell’elmo, della corazza, dell’arma impugnata e dello scudo utilizzati dai guerrieri per eseguire azioni di combattimento hanno determinato alcune alterazioni strutturali del loro sistema scheletrico. In particolare, la colonna vertebrale del “Vecchio” presenta una “classica” scoliosi dorso-lombare  e l’appiattimento del tratto cervicale, mentre i suoi piedi presentano l’allargamento della zona di appoggio laterale con una leggera riduzione dell'altezza dell'arcata plantare ed il varismo». Sempre secondo Partinico, il  «Giovane», presenta «una scoliosi dorso-lombare di lieve entità ed un’accentuata iperlordosi, compensata, solo in parte, da un’ipercifosi del tratto dorsale. Questi dismorfismi che possono definirsi “professionali” non diminuiscono la funzionalità, la potenzialità e neanche l’estetica dei due guerrieri». 
Le loro strutture fisiche sono state forgiate proprio dal tipo di addestramento alla guerra. Dallo studio della fisionomia muscolare degli arti inferiori e dei muscoli posteriori delle spalle emergono dati molto interessanti, «da cui possiamo sicuramente dedurre che i Bronzi di Riace hanno esercitato attività belliche differenti - assicura lo studioso -. Gli arti inferiori del “Vecchio” sono compatibili, per fisionomia, con soggetti che cavalcano. Infatti, i glutei, gli adduttori ed i muscoli dei polpacci sono molto definiti ed ipertrofici. Diversamente, il “Giovane” presenta i piedi ben strutturati, le dita armoniose, simmetriche e senza alterazioni scheletriche. Inoltre, l’ipotonia di alcuni muscoli delle cosce, in particolare degli adduttori, dimostra che questo guerriero non andava a cavallo». 
Considerato, infine, che le due statue sono state realizzate in tempi diversi e che entrambe, per sorreggere la lancia o il giavellotto, utilizzano una particolare impugnatura della mano destra, si desume, dagli studi del professor Partinico che quella postura delle dita sia stata una «tecnica bellica». Infatti, una cinghia di cuoio, denominata amentum (latino) o ankulè (greco), che appare anche su numerose raffigurazioni dell’epoca, legata «a cappio» sulla parte centrale dell’asta, veniva utilizzata dai guerrieri greci proprio per lanciare l’arma.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

Clooney "Avere figli? Sarà un'avventura"

cinema

Clooney "Avere figli? Sarà un'avventura"

David: i candidati ai premi per attori e attrici

cinema

David: ecco chi sarà in corsa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

È il momento di rinnovare casa sfruttando le agevolazioni fiscali

COSTRUIRE ARREDARE

Agevolazioni fiscali: è il momento di rinnovare casa

Lealtrenotizie

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

6commenti

il caso

Tep, la tempesta delle reazioni è politico-sindacale

Dalla Cgil o la Uil fino a Casapound, gli interventi sull'aggiudicazione del servizio di trasporto pubblico fa discutere

2commenti

IL CASO

Finto malato e assenteista, condannato ex infermiere del Maggiore

La corte dei conti: 24.824 euro di risarcimento

5commenti

giudice

Parma a Salò senza Baraye. Parma multato per lancio di bottigliette

1commento

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

4commenti

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: 30 indagati in quattro regioni, Emilia compresa

1commento

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

3commenti

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

3commenti

FISCO

Condomini, è guerra contro le scadenze impossibili

Corsa contro il tempo per comunicare le spese di ristrutturazione e di risparmio energetico

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

1commento

Fidenza

Concari, quando la medicina è una missione

alimentare

Barilla, nuovi contratti per il grano duro al Sud

Accordi triennali per l'acquisto di oltre 200mila tonnellate. In Campania crescono i volumi di grano Aureo: +30% nei prossimi 3 anni

san polo d'enza

Magnete sul contatore per risparmiare: commerciante denunciato per furto

2commenti

scuola

Marconi, il consiglio di istituto boccia il sorteggio

La Gilda: "La politica trovi una soluzione e nuove aule"

1commento

quartieri

Ventuno progetti per Parma

Le proposte dei consigli dei cittadini volontari

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

11commenti

ITALIA/MONDO

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

2commenti

roma

Taxisti in piazza: tensione davanti alla sede del Pd, strade chiuse Fotogallery

SOCIETA'

hitech

Apple Pay ha la pagina in italiano: presto nel nostro Paese

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

SPORT

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

L'INTERVISTA

Cerri, che gioia il primo gol in A

1commento

MOTORI

anteprima

Arriva la Kia Rio. Eccola in azione Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv