12°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Una disincantata felicità

Il racconto della domenica - Una disincantata felicità
0

Marta Silvi Bergamaschi

«Lo sai Ester che c’è la luna? Un quarto di luna colorata di un tenue rosa. Erano mesi che non vedevo neppure un pizzico di luna e neppure ci pensavo, chiusa com’ero in un inverno duro, perverso», disse Virginia con voce allegra. Aveva indossato un vestito color melanzana, lungo, liscio, senza fronzoli. Soltanto un filo di perle. «E’ bellissima - disse Ester la colf -, sono certa che oggi tornerà con un probabile marito». «Non dire sciocchezze, per favore, non voglio nessun marito. Li conosco i mariti. Conosco perfettamente la loro presuntuosa innocenza, quando le mogli si accorgono che sono semplicemente donne tradite». E pensò: l’amore dura sì e no un anno; quindi s’affloscia come un tulipano. Era vero? Virginia ne era convinta? Una signora borghese, sui quarantacinque; colta? Superficialmente: un’ape che appena si posa sui fiori e poi vola lontano, diceva a se stessa. Aveva avuto esperienze amorose; rapide, furiose, spesso noiose, assolutamente inutili. Amorose o sessuali? Una domanda difficile, un enigma. Era rimasta sola (una scelta meditata) in una grande casa elegante, con la colf fedelissima e un delizioso canarino. Era ancora bella: alta, slanciata, viso regolare, grandi occhi grigi assorti, allusivi, spesso ironici. Si truccava pochissimo. Amicizie? Poche. Inviti? Tanti. Preferiva la solitudine. Non riusciva a divertirsi: soltanto chiacchiere di una banalità insopportabile o di una incredibile cattiveria. Uscì in un sole morbido, discreto. Le strade erano intasate di auto. Imboccò il lungotorrente: piante ormai verdi, aiuole bianche e gialle, ronzii e armonie nell’aria. E’ primavera inoltrata, pensò Virginia, è la stagione (primo-vère, infatti) più bella e più pericolosa dell’anno. Tra le sorprese colorate che ti propone, svolazzano impudichi nastri di terribile disagio, di sottile pungente melanconia. Qualcuno la chiamava: Virginia, cara, Virginia… La conosceva quella voce. Lontanissima, in un ricordo che cercava di sfuggirle. Lo vide attraversare la strada. Brizzolato (non era biondo, allora?) sempre impeccabilmente elegante, decisamente un bell’uomo. «Virginia, a questo punto? Non mi riconosci?». «Certo, che ti riconosco: Ugo, l’intellettuale Ugo. Giornalista, medico, scrittore? Questo non lo ricordo». «Medico. E ricordi il nostro scoglio. Rapallo. Un angolo segreto verso il Porticciolo». «Quanti anni sono passati?» chiese Virginia. «Gli anni non contano: sono soltanto un’invenzione. Esistiamo noi». «Perché sei ancora totalmente fuori dalla realtà, come allora?». «Il tempo non passa , Virginia, il tempo siamo noi, lo regoliamo come ci piace. Lo capisci?». La prese per mano, poi la strinse a sé. «Sei bellissima -  sussurrò -  e sei troppo intelligente (anche se tu lo hai sempre messo in dubbio) e sai bene che la bellezza è il lasciapassare delle seduzioni, degli incanti, della voluttà dell’esistenza. La bellezza è anche potere, te ne rendi conto?».
«Certo, rispose dura Virginia, e mi fa ribrezzo. La bellezza è soltanto un dono. Basta. Un dono che nessuno ha chiesto. Il potere è spesso violenza, impostura, prevaricazione e chi più ne ha più ne metta. Non capisco il tuo discorso, continuò, e soprattutto, non capisco dove vuoi arrivare». «A te - rispose deciso Ugo -  non ti ho mai dimenticata».  Passò una macchina rossa e gialla come una gigante coccinella: squillò il clacson e fu una risata. «A te»  ripetè Ugo.  «Non vorrai per caso parlarmi d’amore: parola grossa. Può essere anche un pallone pieno di nulla, mio caro. Ho camminato a ritroso: sono pura come una dodicenne. Sono egoista e solitaria. Di mio non do nulla, neppure un capello. Sono gelosa di me stessa e, a volte, inopinatamente felice. Per favore, lasciami in pace. Non voglio maschi tra i piedi. Già posseggo un canarino!». «Stupidaggini. Un canarino! Una vita senza amore, mia cara,  è triste come un bosco muto». Virginia non rispose, lasciò la mano di Ugo, che ora gliela stringeva quasi con rabbia, e prese a camminare svelta. «Dove corri» chiese Ugo con voce alterata. «Verso la mia disincantata, pulita felicità. Addio, non cercarmi. Ho fretta. Il canarino mi attende: conosce perfettamente la mia voce e protende il becco per il solito bacio. Incantevole, vero?».  Non gli disse, non ne valeva la pena, che l’indomani l’avrebbe baciata un bimbo nero che aveva adottato: bellissimo, di nome Mosè.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Si sveglia e trova l'auto devastata

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

3commenti

foto dei lettori

Borgo Giacomo: cadono le decorazioni Gallery

1commento

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

6commenti

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

POLizia

Campagna antitruffe “Non siete soli #chiamatecisempre” I consigli

1commento

scuola

Contro le bufale dei social, educare a informarsi bene

Incontro all'Ipsia Primo Levi con gli studenti di sei medie superiori di Parma e provincia

musica

Ottima prova zero: Parma dà il la a Elio e le Storie tese Video

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

4commenti

Finto tecnico

Truffa del termosifone: un'altra anziana raggirata

1commento

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

1commento

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

roma

Caso Cucchi: sospesi dal servizio i tre carabinieri accusati di omicidio

uno bianca

Alberto Savi dopo 23 anni esce in permesso premio. L'amarezza dei parenti delle vittime

3commenti

SOCIETA'

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

3commenti

libri

Esce in Giappone il nuovo libro di Murakami, un successo

SPORT

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

motori

Formula 1, svelata la nuova Ferrari SF70H Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia