-5°

teatro

Le tragedie del Bardo nelle produzioni parmigiane

Le tragedie del Bardo nelle produzioni parmigiane
0
 

Shakespeare è nostro contemporaneo. Ora e sempre. Ma con il compito di ricordare le innumerevoli rielaborazioni, riscritture, reinterpretazioni nate nella nostra città (e qui subito le scuse per inevitabili dimenticanze), diviene di speciale interesse la frase con cui Mario Praz chiude la limpida prefazione al libro di Jan Kott (prima edizione italiana 1964) - perché se l’opera shakspeariana svela «un significato vibrante di sensibilità moderna», gli spettacoli che ne derivano, carichi del presente in cui vengono realizzati, possono allora divenire anche «documento di storia del gusto per coloro che verranno dopo di noi». Solo una questione di stile?

Per Parma, e per alcune realizzazioni in particolare (e il primo pensiero va inevitabilmente alla trilogia del Collettivo, '79/'81, «Amleto», «Macbeth», «Enrico IV»), si potrebbero cogliere anche altri caratteri, politici per esempio, ed esistenziali, il teatro (Shakespeare!) come conoscenza del proprio tempo e del proprio pensiero.

Una dialettica perenne, ritraducendo, tagliando i testi, fondendoli tra loro, esaltandone alcuni aspetti, giocando su ogni linguaggio della scena, gli spazi, la vicinanza con il pubblico, i costumi... Tutto è possibile: questa l’assoluta fedeltà nel «tradimento», questo l’invito di Kott. Freud e la Storia, l’amore e il potere... Il mondo stesso è un palcoscenico, ricorda più volte, e sempre meravigliosamente, Shakespeare - e facendo teatro si moltiplicano emozioni sempre vere perché fuse insieme di persone (specie in tempi in cui l’attore partecipa direttamente alla creazione) e personaggi. «Shakespeare è il canone», scrive Harold Bloom che, in un’intervista, ricorda come l’autore principe che fissa il metro di misura della letteratura dia «cento personaggi principali e mille personaggi secondari, che hanno tutti voci proprie, e soprattutto voci che continuano a cambiare».

E’ su questa disponibilità ad essere continuamente altro, facendo nascere nuove immagini e situazioni, che, tra il 1992 e il 2001 vengono realizzati, da Bruno Stori e Letizia Quintavalla al Teatro al Parco, «Un bacio... un bacio ancor... un altro bacio» (da «Otello»), «Tempesta» e «Fango» (da «Macbeth»). Scelte coraggiose, i caratteri metateatrali spesso accresciuti, ampliati. E prima c’era stato anche un coinvolgente «Romeo e Giulietta» con i ruoli moltiplicati (un altro felice gioco di rispecchiamenti, essere uno e tanti).

Ecco, sì: ripensare ai tanti Shakespeare a Parma significa anche far riemergere le molte poetiche degli artisti che hanno lavorato, che vivono qui tra coerenze e cambiamenti. Non mancano i semplici allestimenti, le «messe in scena», dove il testo è magari solo alleggerito e si cerca soprattutto di valorizzare l’opera in sé, poche le sorprese (o forse più nascoste?).

Almeno una decina le produzioni di Teatro Due, doppio «Molto rumore per nulla» (regia prima di Gigi Dall’Aglio, poi di Le Moli), ma c’è anche «Amleto» con Elisabetta Pozzi nel ruolo del titolo, «Giulio Cesare», «La bisbetica domata», «La tempesta»... e - quasi un ritorno alla regia collettiva - un «Riccardo III» (2010). A cui si aggiunge l’esperienza di «Pocket Shakespeare», tante opere, ciascuna sintetizzata in mezz’ora, alcune di notevole interesse proprio per questo eccesso di compressione, con la necessità, per lo più, di scegliere un solo elemento dominante. La Compagnia dei Borghi realizza al Pezzani almeno una dozzina di spettacoli shakespearani, tra cui l’itinerante «Ombre» (2005). Con «Falstaff» tra teatro e opera lirica il ricordo di Luca Ambanelli e il suo Teatro del Tempo, un personaggio sentito come predestinato, ma anche - per esempio - al Teatro Regio, il «Gioco dell’Opera» con Veronica Ambrosini e «Imparolopera» con Bruno Stori. Ma Bruno Stori ha anche giocato con i se della storia per il «Processo a Giulio Cesare» ideato per «Spettacoli in Villa» da Mario Lanfranchi - che a sua volta, in alcune conferenze-spettacolo, si è cimentato, in forma ardita, con il più famoso dei monologhi, l’«Essere o non essere», riuscendo a scivolare, quasi con noncuranza, dai toni buffi, ilari, al dramma più intenso.

Ancora tanti i ricordi sparsi, per spunti e frammenti: al Teatro Europa un «R.3» per la regia di Umberto Fabi; «Un poco di Romeo, un poco di Giulietta», ideazione e regia di Carlo Ferrari; e «Pentagramma di Sogni 3.0», musiche di Patrizia Mattioli, canto di Alessia Galeotti, insieme per lo struggente dialogo finale di «Otello», con Desdemona (Sandra Soncini) che chiede altro tempo all’uomo tanto amato... Mentre per il Cerchio il nome del Moro di Venezia si rovescia, «Olleto (Otello al contrario)», (2014): nel gioco teatrale sarà anche possibile, tra occasioni di divertimento, il lieto fine!E per Lenz - che ha incontrato anche «Romeo and Juliet» e «Sogno di una notte di metà estate» - ancora non si è concluso il lungo viaggio con/ attraverso Amleto, rielaborato, riproposto in molte forme, in diversi spazi, indimenticabile Barbara Voghera, «attrice sensibile», che va ripetendo, così reso il «to be or not to be», in una sorta di smarrimento profondo, «Io qui, o io non qui»...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

Marche

SOCCORSO ALPINO         

Neve altissima sull'Appennino marchigiano

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

1commento

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli stuzzichini per aperitivo della Peppa

LA PEPPA

Ricette in video: gli stuzzichini per aperitivi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: domani il funerale a Langhirano Video

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

1commento

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

1commento

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

9commenti

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

EMERGENZA

Parma si mobilita per l'Italia centrale

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

15commenti

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

Il racconto

«Quando Roosevelt si insediò al Campidoglio»

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

2commenti

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

1commento

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

3commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

4commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

Stati Uniti

Oggi Donald Trump diventa presidente Video

SOCIETA'

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

4commenti

SPORT

sport

Tragedia al rally di Montecarlo, morto spettatore

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta