-2°

teatro

Le tragedie del Bardo nelle produzioni parmigiane

Le tragedie del Bardo nelle produzioni parmigiane
0
 

Shakespeare è nostro contemporaneo. Ora e sempre. Ma con il compito di ricordare le innumerevoli rielaborazioni, riscritture, reinterpretazioni nate nella nostra città (e qui subito le scuse per inevitabili dimenticanze), diviene di speciale interesse la frase con cui Mario Praz chiude la limpida prefazione al libro di Jan Kott (prima edizione italiana 1964) - perché se l’opera shakspeariana svela «un significato vibrante di sensibilità moderna», gli spettacoli che ne derivano, carichi del presente in cui vengono realizzati, possono allora divenire anche «documento di storia del gusto per coloro che verranno dopo di noi». Solo una questione di stile?

Per Parma, e per alcune realizzazioni in particolare (e il primo pensiero va inevitabilmente alla trilogia del Collettivo, '79/'81, «Amleto», «Macbeth», «Enrico IV»), si potrebbero cogliere anche altri caratteri, politici per esempio, ed esistenziali, il teatro (Shakespeare!) come conoscenza del proprio tempo e del proprio pensiero.

Una dialettica perenne, ritraducendo, tagliando i testi, fondendoli tra loro, esaltandone alcuni aspetti, giocando su ogni linguaggio della scena, gli spazi, la vicinanza con il pubblico, i costumi... Tutto è possibile: questa l’assoluta fedeltà nel «tradimento», questo l’invito di Kott. Freud e la Storia, l’amore e il potere... Il mondo stesso è un palcoscenico, ricorda più volte, e sempre meravigliosamente, Shakespeare - e facendo teatro si moltiplicano emozioni sempre vere perché fuse insieme di persone (specie in tempi in cui l’attore partecipa direttamente alla creazione) e personaggi. «Shakespeare è il canone», scrive Harold Bloom che, in un’intervista, ricorda come l’autore principe che fissa il metro di misura della letteratura dia «cento personaggi principali e mille personaggi secondari, che hanno tutti voci proprie, e soprattutto voci che continuano a cambiare».

E’ su questa disponibilità ad essere continuamente altro, facendo nascere nuove immagini e situazioni, che, tra il 1992 e il 2001 vengono realizzati, da Bruno Stori e Letizia Quintavalla al Teatro al Parco, «Un bacio... un bacio ancor... un altro bacio» (da «Otello»), «Tempesta» e «Fango» (da «Macbeth»). Scelte coraggiose, i caratteri metateatrali spesso accresciuti, ampliati. E prima c’era stato anche un coinvolgente «Romeo e Giulietta» con i ruoli moltiplicati (un altro felice gioco di rispecchiamenti, essere uno e tanti).

Ecco, sì: ripensare ai tanti Shakespeare a Parma significa anche far riemergere le molte poetiche degli artisti che hanno lavorato, che vivono qui tra coerenze e cambiamenti. Non mancano i semplici allestimenti, le «messe in scena», dove il testo è magari solo alleggerito e si cerca soprattutto di valorizzare l’opera in sé, poche le sorprese (o forse più nascoste?).

Almeno una decina le produzioni di Teatro Due, doppio «Molto rumore per nulla» (regia prima di Gigi Dall’Aglio, poi di Le Moli), ma c’è anche «Amleto» con Elisabetta Pozzi nel ruolo del titolo, «Giulio Cesare», «La bisbetica domata», «La tempesta»... e - quasi un ritorno alla regia collettiva - un «Riccardo III» (2010). A cui si aggiunge l’esperienza di «Pocket Shakespeare», tante opere, ciascuna sintetizzata in mezz’ora, alcune di notevole interesse proprio per questo eccesso di compressione, con la necessità, per lo più, di scegliere un solo elemento dominante. La Compagnia dei Borghi realizza al Pezzani almeno una dozzina di spettacoli shakespearani, tra cui l’itinerante «Ombre» (2005). Con «Falstaff» tra teatro e opera lirica il ricordo di Luca Ambanelli e il suo Teatro del Tempo, un personaggio sentito come predestinato, ma anche - per esempio - al Teatro Regio, il «Gioco dell’Opera» con Veronica Ambrosini e «Imparolopera» con Bruno Stori. Ma Bruno Stori ha anche giocato con i se della storia per il «Processo a Giulio Cesare» ideato per «Spettacoli in Villa» da Mario Lanfranchi - che a sua volta, in alcune conferenze-spettacolo, si è cimentato, in forma ardita, con il più famoso dei monologhi, l’«Essere o non essere», riuscendo a scivolare, quasi con noncuranza, dai toni buffi, ilari, al dramma più intenso.

Ancora tanti i ricordi sparsi, per spunti e frammenti: al Teatro Europa un «R.3» per la regia di Umberto Fabi; «Un poco di Romeo, un poco di Giulietta», ideazione e regia di Carlo Ferrari; e «Pentagramma di Sogni 3.0», musiche di Patrizia Mattioli, canto di Alessia Galeotti, insieme per lo struggente dialogo finale di «Otello», con Desdemona (Sandra Soncini) che chiede altro tempo all’uomo tanto amato... Mentre per il Cerchio il nome del Moro di Venezia si rovescia, «Olleto (Otello al contrario)», (2014): nel gioco teatrale sarà anche possibile, tra occasioni di divertimento, il lieto fine!E per Lenz - che ha incontrato anche «Romeo and Juliet» e «Sogno di una notte di metà estate» - ancora non si è concluso il lungo viaggio con/ attraverso Amleto, rielaborato, riproposto in molte forme, in diversi spazi, indimenticabile Barbara Voghera, «attrice sensibile», che va ripetendo, così reso il «to be or not to be», in una sorta di smarrimento profondo, «Io qui, o io non qui»...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

1commento

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

4commenti

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Traffico

Pericolo nebbia questa mattina nel Parmense Traffico in tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

7commenti

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

6commenti

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

cinema

Il DomAtoRe di RaNe al cinema Astra

La proiezione del documentario su Lorenzo Dondi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti