19°

30°

Arte-Cultura

«Bornisa»: innocente o colpevole?

«Bornisa»: innocente o colpevole?
Ricevi gratis le news
1

Anna Ceruti Burgio

In questi giorni vari processi appassionano l’opinione pubblica che si divide tra innocentisti e colpevolisti; anche nel passato si ricordano casi analoghi, in cui si affacciò il sospetto che fosse condannato un innocente. Un caso interessante fu quello di Pietro Cavalli, detto «Bornisa» dal nome di un’osteria che pare gli fosse appartenuta (altri lo definiscono un calzolaio), accusato e condannato, dopo un processo che fece scalpore, per l’uccisione del consigliere della prefettura Gaspare Bolla invenuta nel 1874.
Ma andiamo per ordine: Aldo Emanuelli, nel suo libro sulle «Osterie parmigiane» (Parma, 1931), scrive che aveva una bettola nell’Oltretorrente in Via del Quartiere, di fronte alla chiesa di Santa Maria del Quartiere; è probabile che in questa osteria si tramasse contro il potere, preparando il terreno per un malcontento che portò all’uccisione di Gaspare Bolla. In questo periodo, infatti, dopo il passaggio al Regno d’Italia ci furono problemi a livello nazionale e locale; molti restarono insoddisfatti del modo in cui si era giunti all’unità.
Già in precedenza si erano verificati a Parma efferati episodi di ribellione, come l’uccisione di Carlo III o l’assassinio di Anviti; il malumore serpeggiava nelle classi popolari, che si riunivano a discutere in particolare nelle osterie. La tassa sul macinato provocò scontento e sommosse in Italia: dal 1868 i disordini si diffusero anche in Emilia, a Bologna, Reggio e Parma.
Un fatto molto grave fu l’assassinio di Gaspare Bolla: la sera del 5 giugno 1874 il consigliere della Prefettura fu raggiunto da un colpo di affilatissimo trincetto in via Farini, mentre si recava alla propria abitazione in casa Mazza-Poldi. Molto probabilmente gli assassini l’avevano atteso sotto la Volta Politi, nei pressi, come dice l’Emanuelli, dell’osteria della Bella Villana (poi dei Bersaglieri e in seguito del Tribunale), dandosi poi alla fuga per strade malfamate, della Vite e Marmirolo, nei pressi di Piazzale del Carmine. Al ferito, portato dai soccorritori nella vicina Farmacia Mazza, furono prodigate, ma inutilmente, le cure del caso: si constatò che aveva un profondo buco da taglio, sotto le costole presso l’ombelico. La vicenda fece scalpore, e, come detto, si avanzarono diverse ipotesi: la prima fu quella che l’assassino fosse un romagnolo, perché da lì si era trasferito il Bolla; un’altra che fossero stati gli operai della fluitazione della legna nell’Enza; altri attribuirono il fatto alla chiusura del Circolo Repubblicano da lui imposta; inoltre, una delegazione di popolani e operai che si era recata in Prefettura per lamentarsi dell’aumento del prezzo del pane, era stata ricevuta in modo sprezzante da Gaspare Bolla.
Egli già da tempo si era reso inviso alla popolazione, tanto che al suo passaggio mormoravano , mostrandolo a dito: «Ecco là Carlén trì», paragonandolo all’odiato Carlo III di Borbone, a sua volta assassinato. Si pensò a una congiura, si attuarono diversi arresti, ma i presunti colpevoli furono subito rilasciati; una persona fece il nome di Pietro Cavalli, il quale due giorni dopo si trovava a Casalmaggiore presso il conte Fadigati, che lo aveva chiamato come consulente per la vendita di bozzoli. Qui lo avvertirono di essere ricercato, per cui andò spontaneamente a costituirsi alla polizia.
Portato in carcere in San Francesco, uno stratagemma lo indusse a confessare: infatti gli inviarono una falsa lettera, firmata «gli amici», che gli faceva domande. Abboccato all’amo, rispose facendo nomi e cognomi e prospettando un tentativo di evasione. Così il 10 luglio, di primo mattino, poliziotti fiancheggiati da una compagnia di bersaglieri, si recarono in Oltretorrente per procedere all’arresto di numerose persone. Tra gli arrestati, anche il sensale Luigi Alfieri, detto «Vigiót»; undici furono prosciolti, mentre furono deferiti alla giustizia il Cavalli come esecutore del delitto, Angelo Chierici, detto «Marinär», Ottavio Azzoni e Alessandro Bevilacqua come complici, Antonio Bocchi, Ferdinando Gardelli e Luigi Alfieri come istigatori e mandanti.
Non risultò nulla di certo, sebbene si scavasse nel passato di ognuno cercando anche nell’appartenenza a associazioni come «l'Internazionale dei lavoratori». Il processo si svolse nel 1875 fra la grande attenzione della cittadinanza, che non credeva colpevole «Bornisa»; vi partecipò la vedova del cavalier Bolla, Pia Marchi, che commosse tutto il pubblico con la sua deposizione patetica in gramaglie. Benché difeso da un collegio di valenti avvocati, Leonida Busi del foro di Bologna e Luigi Priario del foro Genovese, con numerosi altri (Enrico Arisi, Luigi Mora, Gustavo Gelati, Luigi Caprari e Italo Bianchedi) e nonostante le loro appassionate arringhe, il Cavalli fu condannato ai lavori forzati; come complice fu condannato a 15 anni lo stalliere Ottavio Azzoni, mentre gli altri furono assolti.
Il processo si svolse tra lo spasmodico interesse dell’opinione pubblica: la «Gazzetta di Parma» coi resoconti processuali ebbe un’enorme tiratura, così come l'altro giornale «Il Presente». «Bornisa», alla lettura della sentenza, esclamò: «Giuro su Iddio che voi condannate un innocente!», ma fu ugualmente tradotto al carcere di Turi di Bari, da cui uscì dopo 37 anni di patimenti («una vita orribile che non auguro neppure ai cani»), avendo ottenuto la grazia dal Re. Quando morì, nel 1913, lo commemorò con commosse parole il giornale «L'Internazionale», che scrisse. «Povero vecchio! Noi conoscemmo quell'animo di generoso che per il bene dei suoi fratelli, votò, innocente, la sua giovane vita alla reclusione». Il suo funerale fu seguito da molti, tra cui i garibaldini che avevano partecipato con lui alla campagna del 1859-60. Presso l’osteria di borgo Catena si organizzò una colletta per acquistargli una tomba alla Villetta, sulla quale fu collocata una croce marmorea.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • maria luisa tozzi

    11 Maggio @ 08.28

    Brava, Burgio! A lei il merito del rigore storico, anche attraverso l'aneddotica, e quello di aprire nuove finestre sulla quotidianità del passato. Leggo qui, ad esempio, degli "operai della fluitazione del legno"; del funerale del Bornisa, cui parteciparono i compagni garibaldini e altro.Bel quadro storico, dipinto da chi ha materia prima in mano, che mi dà un positivo inizio di giornata. Grazie

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

America si infuria con Phelps, gara squalo 'truffa'

il caso

L'America s'infuria con Phelps: la gara con lo squalo è una "truffa" Video

Una corona per Miss Parma: chi sarà la più bella del reame?

concorso

Una corona per Miss Parma: chi sarà la più bella del reame?

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William e Harry: "Quell'ultima telefonata con mamma Diana" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Lascia la figlia addormentata in auto sotto il sole: denunciato

parma

Lascia la figlia addormentata in auto sotto il sole: denunciato

Il padre accusato di abbandono di minore

DELITTO DI VIA SIDOLI

«Elisa voleva andare a un concerto, io ho perso la testa»

Nuove rivelazioni dell'ex fidanzato

3commenti

anteprima gazzetta

Pusher, la città adesso chiede risposte

3commenti

MERCATO

Dezi e Insigne jr, doppio colpo del Parma

1commento

tg parma

Rapina un'anziana sul treno durante la sosta a Parma: arrestato Video

Aveva anche molestato altri viaggiatori e spaventato tutti azionando il freno d'emergenza

3commenti

langhirano

Un "dolce" Festival del Prosciutto: arriva Ernst Knam Foto

L'INCHIESTA

Viale Vittoria, è sempre emergenza spaccio

46commenti

Fraore

Black-out programmato. Ma nessuno lo sapeva

1commento

SALA

E' morta la Milla, regina della torta fritta

fontevivo

Schianto tra furgone e bicicletta: un ferito

UN MACEDONE

Ricercato per condanna a Parma, arrestato al confine a Trieste

INTERVISTA

Bonatti, utili triplicati e maxi-commessa in Egitto

Intervista al presidente Paolo Ghirelli: il 90% dei ricavi (saliti a 800 milioni) all'estero. E il portafoglioordini sale a 1,4 miliardi di euro

tortiano

Vede scappare i ladri sull'auto della cliente. Ora il lieto fine

Incredibile

Straordinaria scoperta nel Po: trovata la mandibola di un leone

8commenti

Traversetolo

Escluso dai servizi scolastici chi non paga

2commenti

RUGBY

Ufficiale: le Zebre tornano «federali»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

2commenti

AMARCORD/1

Quando c'era "Un disco per l'estate" Video

di Vanni Buttasi

ITALIA/MONDO

LONDRA

I genitori di Charlie si arrendono, "Vai con gli angeli" Video

torino

Assalti ai bancomat, presi i banditi mascherati da Trump Video

1commento

SPORT

Calciomercato

Cassano: "Mia moglie ha sbagliato, mi ritiro"

PARMA CALCIO

Open Day femminile il 2 agosto

SOCIETA'

FRANCIA

Il leader degli U2 Bono ricevuto da Macron Video

il caso

Bibbia in ebraico, Verde respinge le accuse di Klaus Davi

MOTORI

BMW

Serie 2 Coupé e Cabrio, debutta il restyling

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori