17°

32°

cultura

Quattro amici al bar, l'ironia corre tra i sogni

Storie di vita vissuta illustrate dai disegni di Leo Ortolani

Quattro amici al bar, l'ironia corre tra i sogni
Ricevi gratis le news
0
 

Non ci vuole un trattato di sociologia per descrivere umori, sogni e debolezze di un adolescente che cresce in provincia. Basta leggere «I miei ragguardevoli sabati sera» (Panini Books, 312 pagine, 19 euro), libro di racconti (dei sabati sera, appunto) scritti a quattro mani dai nocetani Michele Ampollini e Marcello Cavalli. Redatto in forma di diario, narra le avventure, divise in quarantacinque brevi e gustosissimi capitoli, di quattro affiatati amici diciassettenni di Noceto; non esistono nomi e cognomi, ma solo i soprannomi dei protagonisti, proprio come succede in tutte le compagnie di ragazzi. A chi scrive in prima persona, si aggiungono gli amici di sempre: il Quaddu, il Bertoz e il Mei, nella loro vita di paese, in competizione con le altre compagnie, sfuggendo alla noia, in sella al Fifty, alla caccia, irrimediabilmente vana, di ragazze (che nel libro sono le «polle»). Ampollini e Cavalli, nocetani doc, teen a cavallo degli anni Novanta, raccontano di una giovinezza immutata, e forse immutabile, ieri come oggi, attraverso tutti i cliché dell’età: gli approcci con le fanciulle, le serate in compagnia, le sbronze incontrollate a forza di alzare boccali di birra, le «arlìe» con i paesi vicini. Personaggi forse da non imitare, ma sicuramente ai quali affezionarsi. Il lettore ride, e tanto; e chi ha avuto quell’adolescenza non può far altro che riconoscersi nei protagonisti e rivivere i ricordi della gioventù, vicina o lontana che sia, perché ne «I miei ragguardevoli sabati sera» il tempo si mescola, con riferimenti all’attualità accostati ad elementi di quasi trent’anni fa. Le interminabili partite ai coin-op, con Street Fighter su tutti, convivono con le dinamiche sociali dettate da Facebook; il Fifty che va a miscela è di un’altra epoca rispetto al calciatore Giorgio Chiellini. Guai, però, a considerare questa lettura frivola e superficiale, anche a fronte di una scrittura sgangherata, sgrammaticata e con una sintassi che va per i fatti suoi. Tutto è voluto, per riprodurre, in maniera intenzionalmente macchiettistica ed esagerata, il modo di esprimersi e lo slang dei giovani, di oggi come di trent’anni fa. C’è la critica, sicuramente, ad una ricerca del divertimento a tutti i costi, ma anche il riconoscimento di una ingenuità dettata dall’età e dal contesto, chiuso, a cui talvolta può condannare il vivere in provincia. C’è un pensiero di uno dei ragazzi protagonisti dei racconti che riassume il loro essere. Si parla di stranieri a Noceto e uno di loro dice: «A me uno mi ha rubato un lavoro sicuro in fonderia solo perché io non lo volevo fare!”. Ecco, è tutto filtrato da ironia e intelligenza, che ad Ampollini e Cavalli certamente non mancano. Quelle maturate in una carriera fondata sul genio creativo di entrambi. Al di là dei successi ottenuti individualmente, insieme gli autori si sono cimentati soprattutto sul fronte televisivo: prima il cartoon «Rat-Man» per Rai 2, poi le serie «Camera Cafè» per Mediaset e «Piloti» per Rai, per la quale firmano anche il cartone animato «Ronaldinho Gaucho’s Team». Ma gli autori, amici e cugini, danno vita, dopo i primi fumetti e scritti satirici elaborati nel garage della casa dei nonni, a «I miei ragguardevoli sabati sera», pubblicati sul giornalino della Pro Loco. A notarli è Paolo Nori: penna parmigiana, che della destrutturazione della sintassi ha fatto uno stile personale, riconoscibile, interessantissimo. Li segnala a Leo Ortolani, fumettista, parmigiano adottivo, creatore di Rat-Man, che dal 2002 ospita «I miei ragguardevoli sabati sera» su Rat-Man Collection. Così, ora che ne è stato ricavato un libro (con cinque inediti), sono Ampollini e Cavalli ad ospitare Rat-Man: ogni racconto, infatti, è corredato da una divertente illustrazione con protagonista il topo di Ortolani. Alla fine di ogni racconto, la trovata geniale, il Bertozzi-Mei: un vocabolario, il cui nome parafrasa quello del più autorevole Devoto-Oli, che contiene la spiegazione di parole tipiche del gergo giovanile in generale e nocetano in particolare. Alcuni esempi. «Gosini»: «I gosini è il nome scientifico nocetano dei maiali. Il gosino è molto simile al maiale normale ma ha la caratteristica genetica che puzza di più. Del gosino non si butta via niente e si mangia tutto o stagionato, o macinato, o macinato e poi stagionato. Non il contrario». Oppure «Pes»: «Quando dici una cosa e poi ‘pes’ vuol dire che la cosa che hai detto prima non è mica vera. Ad esempio, “il Bertoz è magro, pes!”. O ancora, «Frank Focaccia»: «Attenzione, questa è pubblicità. Esso è un locale che fa le focacce e dove ci vive la spietata regola di Frank Focaccia: un panino è poco, e due sono troppi. Tre sei il Bertoz».

I miei ragguardevoli sabati sera di Michele Ampollini e Marcello Cavalli - Panini Books, pag. 312, euro 19,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Le parole del giovane parmigiano

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

di Mara Varoli

1commento

Lealtrenotizie

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

Il caso Turco

«Il suicidio? Impossibile prevederlo»

IL PERSONAGGIO

Torrechiara, Alberto Angela «gira» nel castello

IL CASO

Colorno, «portoghesi» del bagno in piscina. Ora le denunce

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lutto

La morte di Igino Lemoigne, una vita nelle assicurazioni

L'intervista

Insinna: «Vi racconto la verità sui fuori-onda»

Fidenza

Roslyn, campionessa di nuoto a 74 anni

BORGOTARO

La medicina del Santa Maria, tutti i dati del 2016

delitto s.prospero

Omicidio all' "Angelica club": Samuele Turco suicida in carcere Video

1commento

seconda amichevole

Calaiò inarrestabile, 5 gol; tripletta Iacoponi: Parma-Settaurense 12-0

via Anselmi

Fiamme in una palazzina: grave una 60enne - Video: dentro l'appartamento distrutto

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

4commenti

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

22commenti

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

1commento

economia

Pomodoro, oltre 1000 assunti per la campagna Mutti

Nei 3 stabilimenti di Parma, Collecchio e Salerno, oltre ai fissi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

22commenti

ITALIA/MONDO

operazione

Milano, stazione Centrale invasa dai migranti: nuovo blitz della polizia

politica

Vitalizi si cambia, primo sì della Camera all'abolizione Video

SPORT

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

nuoto

Italia show ai mondiali: Detti oro e Paltrinieri bronzo negli 800 sl

SOCIETA'

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

MOTORI

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita