Arte-Cultura

Bevilacqua nei "Meridiani"

Bevilacqua nei "Meridiani"
0

Ecco il Meridiano Bevilacqua. Milleottocento pagine, i primi sette romanzi, cioè la radice, il nucleo di quella che potremmo definire l'eccezionale operosità dello scrittore, la sua vulcanica partecipazione alla vita. Alberto Bevilacqua e il Meridiano Mondadori non è il solito abbinamento dello scrittore noto e popolare con lo spazio e la pagina che merita, bensì il riconoscimento di una personalità che, devastando il territorio della propria nascita (quella del fonte battesimale e quella della letteratura) ne ha tratto l'epos e il concetto stesso di appartenenza a un secolo, a una civiltà, a un modo di scrivere e di esprimersi non comuni. Curato e introdotto da Alberto Bertoni, il Meridiano Bevilacqua «Romanzi» ci offre anche una cronologia redatta da Antonio Franchini, cronologia che è un vero e proprio racconto di un figlio del secolo. E pochi narratori nostri del Novecento possono, riteniamo, ambire a siffatto titolo.
Bevilacqua stesso ci raccontava tanto tempo fa delle «insidie» della «favola bella»  che Parma aveva rappresentato al tempo della sua gioventù. Ma son state insidie positive, o semmai le trappole evitate perché, alla fine (cioè all'inizio, per meglio dire!) la polvere, cioè il retaggio del tempo, cominciasse a depositarsi sull'erba verde, e il frutto del tempo, e dei tempi, iniziasse a irrobustirsi in quella vocazione al romanzo che lo scrittore ha sempre dimostrato, e qualche volta ostentato, staccandosi e ricongiungendosi incessantemente con la sua città culla, madre e radice di tutte le sue avventure. Che si sono trasformate, col tempo, anche in poesia, e che poesia dobbiamo dire! «La polvere sul'erba» (del '55, nella versione del 2008), «Una città in amore» ('62) qui  nella versione 1970, «La Califfa» ('64), «Questa specie d'amore» ('68), «L'occhio del gatto» ('60) qui nella versione del '90, «Una scandalosa giovinezza» ('78), «I sensi incantati» ('91). Dunque: le radici, come dicevamo, il capolavoro, costantemente rifornito di linfa e di occasioni, con i due libri imperdibili, «La Califfa» e «Una scandalosa giovinezza», forse il migliore romanzo di Bevilacqua, la narrazione nella quale la favola e le insidie si sono fuse in una stregata realtà. Tuttavia, il tracciato di questa operosa presenza resta lineare, e da vicino, quasi di dentro, appare così: «La Califfa» esamina il conflitto tra borghesia e proletariato. «L'occhio del gatto» con dieci anni di storia spiati dall'angolo della violenza e dell'ingranaggio tecnologico. «Questa specie d'amore» ripropone il dissidio tra Federico e Giovanna che si odiano e si amano  tra  pericoli e speranze. «Una scandalosa giovinezza» è ancora oggi il poema compiuto perché s'intride di estri, sanguigne passioni, piaghe nascoste, e, insomma «di quella cosa che chiamano vita. E che poi non si sa». Zelia è il più bel personaggio inventato da Bevilacqua, è il più antico e nuovo insieme, è personaggio di romanzo, di famiglia, di mistero e di virtù, anche quando incontra «gente senza storia, già condannata dalla storia del mondo». Ma Bevilacqua è così. Attorno ai suoi protagonisti avviluppa sempre un reticolo di segrete partecipazioni personali (la poesia ce ne dà piena  giustificazione) che non sono soltanto il suo grande Io, ma anche il tentativo di redigere un codice dell'indignazione e della sopportazione morale con le quali il narratore cerca di compiere un dovere, il suo dovere di testimone. I sette romanzi del Meridiano portano Parma al centro, sempre.
Alberto  o le sue controfigure vi arrivano, vi permangono, ne ripartono, vi ritornano (sposati, divorziati, separati, padri, figli che siano), colgono gli umori del tempo che filtrano tra le piazze e le case dell'Oltretorrente, nelle osterie, sui marciapiedi del centro, nei salotti borghesi dove l'umano spirito si purga e trama, e guadagna e si compromette.
A tratti, percepisci la lezione magica che fu di D'Annunzio; a tratti ti trovi invischiato nel solenne rituale realistico; in altri momenti avverti come un sottile, crepuscolare rimpianto, un addio sempre rimandato e il ritmo del «viaggio misterioso», tra vita e morte, che troverà poi in anni più recenti il funebre cordoglio della poesia alla madre, altro insuperato esempio di umanità e di «pietas». Ma quanto ancora adesso stupisce e incanta trovandosi i testi in sequenza cronologica fra gli anni Sessanta e Novanta (riscritture comprese) è la separatezza (ne accenna Bertoni, come già fece curando un Oscar poesia del nostro autore) piuttosto evidente che Bevilacqua vuole conservare tra sé e le mode letterarie, pur adeguandosi talvolta anche lui ad esse, specialmente nei temi cosiddetti «civili», e però disgregandoli subito nella crudeltà (altro termine che gli è caro) poiché, ha sostenuto, «La moda è facile. La verità, no». Ma - verrebbe da chiedere - quale verità ha raggiunto e posseduto davvero? In  realtà, nessuna, perché il termine verità resta assai vago e, per uno scrittore come lui, addirittura non determinante, volutamente non determinante.
Ciò che conta è semmai il conflitto che attraverso l'orditura narrativa lo porta e ci porta a dar conto della vita e degli «opposti poteri dell'acqua dolce e dell'acqua salata» nelle lanche del Po «dove la natura fa stranezze ed esistono provvidenza misteriose». Come è misterioso il sangue, com'è misterioso l'amore, come sono misteriosi e contraddittori gli affetti. Come rimane, in fondo, misteriosa anche la bellezza e la tenuta letteraria di questi romanzi.
Romanzi - Mondadori, pag. 1808, euro 52.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Vendono iPhone: ma è una truffa

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

Calcio

Brodino per il Parma

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti