Arte-Cultura

Rubens, la grandiosità

Rubens, la grandiosità
0
di Pier Paolo Mendogni
 
 
 Pieter Paul Rubens è sbarcato a Como nelle prestigiose sale della settecentesca Villa Olmo che ospita (fino al 25 luglio - catalogo Silvana Editoriale) questa sorprendente mostra dedicata a «Rubens e i fiamminghi», curata da Sergio Gaddi e da Renate Trnek, la direttrice della Gemaldegalerie dell’Accademia di Belle Arti di Vienna da cui proviene la maggior parte delle opere del maestro fiammingo, uno dei più straordinari interpreti del barocco europeo del quale vengono esposte ben venticinque tele, affiancate da altre quaranta di artisti della sua cerchia tra cui Van Dyck, Jordaens, Cornelis de Vos, David Teniers il giovane. Se c'è un artista che può impersonare il barocco nella sua grandiosità, nella sua sensualità naturalistica, questi è Rubens (1577-1640) esplosivo e rigoglioso com'è di carne e di vita, di accensioni spirituali e materiali rese con quella «furia del pennello» che ha appreso durante il suo soggiorno in Italia tra il 1600 e il 1608 e di cui qui abbiamo ragguardevoli esempi, iniziando dalle due tele preparatorie - eccitate di luci, di carni, di celesti sgambettii - di quei capolavori che sono la «Circoncisione di Cristo», eseguita nel 1605 per la nuova chiesa dei gesuiti genovesi, e la «Vergine in gloria adorata dagli angeli» (1608) dipinta per gli oratoriani di Santa Maria in Vallicella a Roma. Splendido per la ingenua espressione infantile e per la minuziosa, calligrafica riproduzione dei pizzi, dei gioielli (tra cui un «baboino di diaspro legato in argento adorato con reporti d’oro et gioie») e degli abiti con ricche bordure, il «Ritratto di Eleonora Gonzaga all’età di due anni», eseguito nel 1601 durante il soggiorno a Mantova. All’esperienza italiana, e soprattutto veneziana, si rifà il «Giudizio di Paride» immerso in un’atmosfera di vaporosa sensualità che avvolge i bianchi corpi nudi delle dee. E la sensualità si fa fiamma rovente nel robusto abbraccio rapinoso dell’alato Borea, signore dei venti del Nord, alla amata bionda Orizia, figlia del re di Atene Eretteo, portata in cielo nell’ondeggiamento fluttuante del rosso mantello tra putti che giocano con le palle di neve. Anche la forza dell’amore, però, ammonisce Rubens, si spegne se manca la passione. Ed ecco, sotto un cespuglio di rose, Venere pensosa che tenta di scaldarsi al fuocherello acceso dall’intraprendente Eros: «Sine Cerere et Bacco friget Venus», senza cibo e bevanda (in senso allegorico) non nasce l’amore. Se qui è il brano di paesaggio boscoso che sottolinea con squisita sensibilità lo stato d’animo della dea, nel «Baccanale» (eseguito con l’aiuto della bottega) l’atmosfera di questo eccesso di carnale esuberanza è rimarcato dalla opulente luccicante distesa di calici e vasellame in vetro, oro, argento; ma c'è pure una morale: la maschera sul capo della giovane menade che spreme l’uva nella coppa di Bacco simboleggia la doppia natura dell’uomo, la razionalità e l’istinto. Quando Rubens è tornato ad Anversa, dopo l’esperienza italiana,  è stato incaricato di decorare la cattedrale cittadina, dove realizzava una serie di quadri definiti da Federico Zeri «il suo capolavoro assoluto». Purtroppo nel 1718 la chiesa dei gesuiti veniva devastata da un incendio; del suo interno ci è rimasta una significativa immagine, esposta in mostra, realizza da Anton Ghering così come fortunatamente abbiamo ancora i bozzetti preparatori a olio di altissima qualità. Ester davanti ad Assuero brilla accesa di una luce interiore che la esalta nella prefigurazione di Maria incoronata regina del Cielo. Una baluginante luce notturna sottolinea con tenerezza la spontaneità dell’Adorazione dei realistici pastori al Bimbo neonato. Stupefacente l’Ascensione di Cristo che, avvolto in uno spumeggiante mantello rosso, squarcia l’oscurità delle tenebre in uno sfolgorio luminoso. Ben diversa è l’Assunzione della Vergine di Van Dyck giocata sull'incanto della levitazione leggera di Maria accompagnata dalla gestualità accorata degli apostoli immersi in una dimensione di rarefatta spiritualità. La sua eccelsa bravura di ritrattista risalta già nell’autoritratto di quindicenne dal volto roseo e dallo sguardo curioso e penetrante; la confermano poi l’altero generale dalla luccicante e raffinata corazza e il duca e la duchessa di Arundel indossanti abiti principeschi guarniti d’ermellino. Prima di giungere ai famosissimi protagonisti, la mostre offre una panoramica degli artisti della prima metà del Seicento particolarmente impegnati nella rappresentazione della natura e del paesaggio come il «bucolico» Jan Wildens, il realista Joos de Momper e il «cronista» Peter Snayers che descrive il saccheggio di un villaggio. L’ultima parte della rassegna, invece, è dedicata alla natura morta con alcuni eccezionali interpreti quali Jan Fyt con i festosi e rigogliosi cesti di frutta e scimmiette, i regali pavoni di Melchior d’Hondecoeter, le sontuose parate di ostriche, prosciutto, uva e meloni tra lussuosi e luccicanti oggetti di Jan Davidsz de Heem, gli strumenti musicali, tappeti, mappamondo e preziosissimi piatti sbalzati di Peter Bol: tutto all’insegna della rarità più stupefacente.
 
 
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

14commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti