Arte-Cultura

Avanguardia e impegno: è morto Sanguineti

Avanguardia e impegno: è morto Sanguineti
1

 di Giuseppe Marchetti

Addio «Gatto lupesco, e laido e lieto». Addio improvvisamente a Edoardo Sanguineti, morto ieri a 79 anni a Genova dopo essere stato urgentemente operato per un aneurisma toraco-addominale. E' stato uomo di punta della nostra letteratura novecentesca; poeta, narratore, docente, giornalista critico, lettore appassionato dagli anni quasi mitici del «verri» 1961 e poi, via via che se ne ponevano le basi, di tutte le altre avventure d'avanguardia della nostra cultura, e anche più recentemente amico e maestro del Parma Poesia Festival e prezioso consigliere per tanti incontri durante i quali mai si ripeteva la sua drammatica e ironica azione d'infaticabile esploratore.  Edoardo Sanguineti ha attraversato, con straordinaria e suggestiva ansia di libertà, tutti i secoli della Letteratura italiana, da quel suo «Interpretazione di Malebolge» ('61) a «Il realismo di Dante» ('66), da «Tra liberty e crepuscolarismo» ('61) a «Ideologia e linguaggio» (2001) accompagnando gli studi critici e le cure editoriali sui classici del teatro greco e sino all'Ariosto, con una attività di narratore e di poeta che lo colloca tra le voci più autentiche del rinnovamento culturale italiano, e non solo. Ma, per dirla più semplicemente ancora, ecco la sua amicizia, il suo parlar libero, l'assenza in lui di preconcetti  e di venature ideologiche da rispettare o da salvare ad ogni costo: il suo esser persona, insomma, così dentro alla Letteratura da poterla sbeffeggiare e amare sino alla commozione nel medesimo tempo. Ecco «il gatto lupesco, e laido, e lieto», come si definiva a perenne confusione di  chi voleva trascinarlo sulle rive della dottrina pura e sui pendii scivolosi delle ideologie, che pure aveva frequentato con quei suoi occhi furbeschi, mobilissimi, che si aprivano e s'illuminavano quando parlava della sua diletta Genova. Un continuo narrare, il suo, anche, e sino dai tempi del Gruppo '63, anima sua, sua creatura, una sorta di segnalibro come lui stesso diceva, trenta e quarant'anni di poesia dai Novissimi in poi,  e naturalmente le crisi, i ripensamenti, le suggestioni, i timori d'aver sbagliato tutto o fatto tutto così bene che non ci fosse più niente da aggiungere. Mai arrivare a questo punto, confessava, perché allora non si è altro che «turpi topi» che rovistano tra le rovine. In realtà, l'esempio di Sanguineti, il suo «saper leggere» è stato, ed è, una delle lezioni più alte dei nostri studi, anche quando non siamo andati d'accordo con lui, e ci sentivamo trascinati sul terreno di una forzatura «politica» (il ruolo dell'intellettuale, il suo suonare il «piffero», come diceva Vittorini) lontana  o contraria alle nostre convinzioni. Ma sempre, comunque, un contrasto utile, una sferzata di necessità, un costringerci a chiederci tanti perché. Il suo grande libro della poesia italiana, l'antologia einaudiana del '69, monumento e storia del secolo che s'avviava a concludersi (altro che secolo breve!) rimane il solco ben profondo e non incerto di una dimensione aperta a tutti i problemi di quegli anni e alla memoria stessa dell'impegno civile che anche la poesia trascina in primo piano.  Ma il gran rischio di Sanguineti da «Capriccio italiano» ('63) a «Smorfie» ('07) è stato il romanzo: il romanzo prima accettato, poi fatto deflagrare, poi ricostruito, poi sminuzzato in una scintillante frattura di schegge, e infine ridotto appunto a smorfia «narrazioni brevi», quasi appunti di diario per una sorta di «patto autobiografico» con quel «tradimento che è sempre il cuore messo a nudo». Anche dal lato della psicanalisi che cominciava a farsi storia in «Laborintus» del '56, un libro d'intrecci spaventosi dentro il quale s'aggrovigliano i «purgatori» e gli «inferni» della tradizione con le «poesie cartolina» dai mille travestimenti, dai classici ai contemporanei, dall'esperienza dei sensi e dei sentimenti alla interpretazione del mondo quale totalità che si può raccontare danzandoci sopra tra rimbombi di parole, metafore, frasi, immagini, non-sense e altre «frombolate» d'istinto e di piacere come nella «Ballata dell'automa» che racconta l'impossibile: «che cosa è l'uomo? dove cerchi i suoi segni? / è il barometro, l'architettura barocca, il fazzoletto / non c'era il pane, nemmeno, una volta, / né i tarocchi, né i fotoromanzi, né il letto: / che cosa è l'uomo? dove sta la sua storia? / è la cornice, il cavallo a dondolo, la radio: / è la sua vita tutte queste cose, / il calendario, l'agopuntura, la radio: che cosa è l'uomo? dove poi te lo trovi?».  
Restiamo con questa ossessiva interrogazione. Le risposte non ci sono, ci tornano indietro solo altre domande, ma l'ansia, il destino con il suo mistero e le nostre curiosità rimangono. Come in un viaggio circolare che sprofonda e riemerge, Sanguineti ci ha accompagnato a visitare il senso della realtà e quello ancora più grande e segreto dell'immaginazione, che non vuol dire fantasia, ma «Divina commedia», ma «Orlando furioso», ma «Le baccanti» e «Le Troiane» al di là del tempo: unica certezza che ci rimane e perenne avanguardia per il nostro esprimerci ed essere. Non molto o non poco, ma solo essere, che è già tanto. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Monica Cribari

    19 Maggio @ 16.27

    Mi dispiace tantissimo per la morte di Edoardo Sanguineti, grande scrittore e grande poeta... Insegno lettere alla Scuola Media e amo profondamente la poesia, la letteratura, l'arte e ogni espressione della bellezza dell'animo umano... Approfondirò la conoscenza di questo nostro grande poeta... Monica Cribari

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

4commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

referendum

seggi

Referendum, urne aperte e discreta affluenza. Istruzioni per l'uso

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

1commento

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

5commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

COMMENTO

Un post per i posteri

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti