15°

Arte-Cultura

Avanguardia e impegno: è morto Sanguineti

Avanguardia e impegno: è morto Sanguineti
1

 di Giuseppe Marchetti

Addio «Gatto lupesco, e laido e lieto». Addio improvvisamente a Edoardo Sanguineti, morto ieri a 79 anni a Genova dopo essere stato urgentemente operato per un aneurisma toraco-addominale. E' stato uomo di punta della nostra letteratura novecentesca; poeta, narratore, docente, giornalista critico, lettore appassionato dagli anni quasi mitici del «verri» 1961 e poi, via via che se ne ponevano le basi, di tutte le altre avventure d'avanguardia della nostra cultura, e anche più recentemente amico e maestro del Parma Poesia Festival e prezioso consigliere per tanti incontri durante i quali mai si ripeteva la sua drammatica e ironica azione d'infaticabile esploratore.  Edoardo Sanguineti ha attraversato, con straordinaria e suggestiva ansia di libertà, tutti i secoli della Letteratura italiana, da quel suo «Interpretazione di Malebolge» ('61) a «Il realismo di Dante» ('66), da «Tra liberty e crepuscolarismo» ('61) a «Ideologia e linguaggio» (2001) accompagnando gli studi critici e le cure editoriali sui classici del teatro greco e sino all'Ariosto, con una attività di narratore e di poeta che lo colloca tra le voci più autentiche del rinnovamento culturale italiano, e non solo. Ma, per dirla più semplicemente ancora, ecco la sua amicizia, il suo parlar libero, l'assenza in lui di preconcetti  e di venature ideologiche da rispettare o da salvare ad ogni costo: il suo esser persona, insomma, così dentro alla Letteratura da poterla sbeffeggiare e amare sino alla commozione nel medesimo tempo. Ecco «il gatto lupesco, e laido, e lieto», come si definiva a perenne confusione di  chi voleva trascinarlo sulle rive della dottrina pura e sui pendii scivolosi delle ideologie, che pure aveva frequentato con quei suoi occhi furbeschi, mobilissimi, che si aprivano e s'illuminavano quando parlava della sua diletta Genova. Un continuo narrare, il suo, anche, e sino dai tempi del Gruppo '63, anima sua, sua creatura, una sorta di segnalibro come lui stesso diceva, trenta e quarant'anni di poesia dai Novissimi in poi,  e naturalmente le crisi, i ripensamenti, le suggestioni, i timori d'aver sbagliato tutto o fatto tutto così bene che non ci fosse più niente da aggiungere. Mai arrivare a questo punto, confessava, perché allora non si è altro che «turpi topi» che rovistano tra le rovine. In realtà, l'esempio di Sanguineti, il suo «saper leggere» è stato, ed è, una delle lezioni più alte dei nostri studi, anche quando non siamo andati d'accordo con lui, e ci sentivamo trascinati sul terreno di una forzatura «politica» (il ruolo dell'intellettuale, il suo suonare il «piffero», come diceva Vittorini) lontana  o contraria alle nostre convinzioni. Ma sempre, comunque, un contrasto utile, una sferzata di necessità, un costringerci a chiederci tanti perché. Il suo grande libro della poesia italiana, l'antologia einaudiana del '69, monumento e storia del secolo che s'avviava a concludersi (altro che secolo breve!) rimane il solco ben profondo e non incerto di una dimensione aperta a tutti i problemi di quegli anni e alla memoria stessa dell'impegno civile che anche la poesia trascina in primo piano.  Ma il gran rischio di Sanguineti da «Capriccio italiano» ('63) a «Smorfie» ('07) è stato il romanzo: il romanzo prima accettato, poi fatto deflagrare, poi ricostruito, poi sminuzzato in una scintillante frattura di schegge, e infine ridotto appunto a smorfia «narrazioni brevi», quasi appunti di diario per una sorta di «patto autobiografico» con quel «tradimento che è sempre il cuore messo a nudo». Anche dal lato della psicanalisi che cominciava a farsi storia in «Laborintus» del '56, un libro d'intrecci spaventosi dentro il quale s'aggrovigliano i «purgatori» e gli «inferni» della tradizione con le «poesie cartolina» dai mille travestimenti, dai classici ai contemporanei, dall'esperienza dei sensi e dei sentimenti alla interpretazione del mondo quale totalità che si può raccontare danzandoci sopra tra rimbombi di parole, metafore, frasi, immagini, non-sense e altre «frombolate» d'istinto e di piacere come nella «Ballata dell'automa» che racconta l'impossibile: «che cosa è l'uomo? dove cerchi i suoi segni? / è il barometro, l'architettura barocca, il fazzoletto / non c'era il pane, nemmeno, una volta, / né i tarocchi, né i fotoromanzi, né il letto: / che cosa è l'uomo? dove sta la sua storia? / è la cornice, il cavallo a dondolo, la radio: / è la sua vita tutte queste cose, / il calendario, l'agopuntura, la radio: che cosa è l'uomo? dove poi te lo trovi?».  
Restiamo con questa ossessiva interrogazione. Le risposte non ci sono, ci tornano indietro solo altre domande, ma l'ansia, il destino con il suo mistero e le nostre curiosità rimangono. Come in un viaggio circolare che sprofonda e riemerge, Sanguineti ci ha accompagnato a visitare il senso della realtà e quello ancora più grande e segreto dell'immaginazione, che non vuol dire fantasia, ma «Divina commedia», ma «Orlando furioso», ma «Le baccanti» e «Le Troiane» al di là del tempo: unica certezza che ci rimane e perenne avanguardia per il nostro esprimerci ed essere. Non molto o non poco, ma solo essere, che è già tanto. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Monica Cribari

    19 Maggio @ 16.27

    Mi dispiace tantissimo per la morte di Edoardo Sanguineti, grande scrittore e grande poeta... Insegno lettere alla Scuola Media e amo profondamente la poesia, la letteratura, l'arte e ogni espressione della bellezza dell'animo umano... Approfondirò la conoscenza di questo nostro grande poeta... Monica Cribari

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa