-3°

Arte-Cultura

De Chirico, realtà come enigma

De Chirico, realtà come enigma
Ricevi gratis le news
0

 di Edda Lavezzini Stagno

Centoquaranta opere per celebrare il maestro dell’arte contemporanea italiana, fondatore di uno dei movimenti culturali tra i più significativi e fecondi di tutto il Novecento, la Metafisica, che proprio quest’anno compie un secolo. «La natura secondo De Chirico» è il titolo della mostra di Roma al Palazzo delle Esposizioni, curata dal critico d’arte Achille Bonito Oliva e aperta fino all'11 luglio. Bonito Oliva non presenta la rassegna come una tradizionale retrospettiva, ma vuole offrire una nuova chiave per leggere le opere del padre della Metafisica, che permetta allo spettatore di cogliere lo sguardo del pittore sul mondo della Natura, nelle sue diverse fasi, e mettere a fuoco il rapporto dell’arte di de Chirico con la categoria fisica e filosofica del naturale. E’ una grande emozione ritrovarmi di fronte ai cavalli selvaggi, alle figure mitologiche, a quelle bibliche e storiche di Giorgio De Chirico. Ho conosciuto bene il Maestro e la straordinaria Isabella Pakszwer (poi Far), moglie attenta, e con me sempre gentile e ospitale quando andavo nella loro casa ai piedi di Trinità dei Monti. Molte delle opere del Pictor Optimus esposte oggi al Palazzo delle Esposizioni stavano nella casa dell’artista e nel suo studio, dove nulla è cambiato: i divani, i lumi. Tutto è rimasto al loro posto nella dimora diventata Fondazione Giorgio e Isa de Chirico. Alle pareti dell’appartamento, al numero 31 di Piazza di Spagna, erano appesi solo quadri del maestro; li guardavo con attenzione aiutata dalle descrizioni e dagli aneddoti che spesso mi raccontava l’artista. Raccontava, serissimo, le cose più semplici, con severità e con candore allo stesso tempo, rendendole abilmente spassose. De Chirico mi spiava mentre guardavo i suoi capolavori, soprattutto gli autoritratti, quelli giovanili, e li commentava di frequente con una punta di vanità, anticipando spesso le mie domande su piccoli dettagli. Ma torniamo alla mostra che conclude le celebrazioni dechirichiane 2008/2009. Le opere arrivano da collezioni private, dalla Fondazione e dai musei di tutto il mondo. I quadri, distribuiti in un itinerario ricco e suggestivo, sono divisi in sezioni, introdotte ognuna da un breve commento-saggio dell’artista, un aiuta per capire il suo rapporto artistico con la Natura. Il percorso inizia con Natura del mito. Nella «Lotta dei centauri» De Chirico sembra voglia  legare il tema alla sua Tessaglia: a Volos, vicino a quel mare che secondo la leggenda vide salpare la nave degli Argonauti, l’artista nasce il 10 luglio del 1988. Nel settore Natura dell’ombra sono esposte le famose Piazze d’Italia dove lo spazio urbano è determinato dai volumi architettonici, e dalle ombre rigide e irreali proiettate sul suolo. L’ombra dechirichiana, scrive Vincenzo Trione nel catalogo (24oreMottaCultura) è un tripudio di ambiguità. Solitaria. Affina, assottiglia, consuma i corpi, rendendoli simili a lame riposte in paesaggi sospesi. «La mia camera è un bellissimo vascello ove posso fare viaggi avventurosi degni di un esploratore testardo». Questa breve riflessione del Pictor Optimus introduce il visitatore alla Natura da camera. L’artista mescola le carte tra lo spazio naturale e quello costruito, con presenze inanimate ma famigliari della vita quotidiana: poltrone e armadi creano visioni inquietanti come quella di Ulisse che naviga sopra un tappeto trasformato in un lembo di mare. Anti-natura: l’ambivalenza tra naturale e artificiale si sposta da strutture inanimate alla figura umana attraverso i suoi celebri manichini. Bello quel «Figliuol prodigo» del 1922, e «Gli archeologi», tema ripetuto in una cinquantina di opere, dove due manichini seduti in poltrona in una claustrofobica stanza sono intenti a decifrare il messaggio inciso in caratteri cuneiformi su una piccola tavoletta. Natura delle cose continua a proporre interni metafisici: come in scatole cinesi ci sono stanze nelle stanze, quadri nei quadri. «Una volta mi trovavo in una casa ove il pavimento era stato molto lucidato con la cera. Guardai un signore che camminava davanti a me e le di cui gambe riflettevano nel pavimento. Ebbi l’impressione che egli potesse affondare in quel pavimento, come in una piscina, che vi potesse muoversi e anche nuotare. Così immaginai delle strane piscine con uomini immersi in quella specie di acqua-parquet, che stavano fermi, e si muovevano, ed a volte si fermavano per conversare con altri uomini che stavano fuori della piscina pavimento». 
Queste parole dell’artista introducono alla sezione riservata alla Natura aperta, per aiutare subito il visitatore a capire opere come I bagni misteriosi del 1935. La rassegna si chiude con Natura viva. Qui de Chirico affronta un tema a lui caro, quello dell’arte che «vivifica» la natura. Il genere pittorico tradizionalmente noto come «natura morta» viene ripreso, e nel mutare di nome in «vita silente» si carica della vitalità antica e misteriosa della natura. Si risveglia ed entrando in relazione dinamica con il paesaggio in cui è inserita, diventa soglia tra mondo reale e mondo metafisico. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Incassi esplosivi per Star Wars

CINEMA

Incassi esplosivi per Star Wars

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

carabinieri sera

GUASTALLA

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 24enne

Il giovane aveva un tasso alcolico di oltre 4 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

5commenti

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

2commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

FONTEVIVO

Furto di gasolio: romeno sorpreso e arrestato

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

AUTOSTRADA

Incidente in A1: code fra Parma e Reggio Emilia questa mattina

Problemi anche fra Lodi e Casalpusterlengo, a Modena e a Bologna

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Evasione di tasse in Olanda: l'Unione europea apre un'indagine su Ikea

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento