12°

Arte-Cultura

"Darwin? Non tutto oro"

"Darwin? Non tutto oro"
0

Secondo la teoria darwiniana, l’evoluzione delle specie è spinta avanti da tre forze: la selezione naturale, la deriva genetica, ossia il fatto che le popolazioni sono piccole, e la migrazione, ossia il fatto che le popolazioni si mescolano. E’ di recente apparso, in traduzione italiana, uno studio che sostiene che l’evoluzione va avanti non per selezione naturale ma perché ci sono dei limiti fisici, intrinseci, tra le componenti degli organi, cioè quelle che si chiamano condizioni al contorno. Ad elaborare tale teoria due scienziati: Massimo Piattelli Palmarini, professore di Scienza cognitiva alla University of Arizona, e Jerry Fodor, professore di Filosofia del linguaggio alla Rutgers University, nel volume «Gli errori di Darwin» (Feltrinelli, pagine 363, euro 25). Essi non negano l’esistenza dell’evoluzione e neppure negano che vi sia similarità generica tra le specie, ciò che invece mettono in discussione è il ruolo centrale della selezione naturale. Il perché lo chiedo al professor Piattelli Palmarini. «Per due ordini di ragioni - risponde - biologiche e filosofiche. La biologia attuale mostra che la selezione naturale è un processo marginale nell’evoluzione. La comparsa di specie nuove non è spiegabile con la selezione naturale. In qualche caso, con molte particolarità diverse da caso a caso, la selezione naturale spiega la diversificazione di sotto-specie, ma non più di questo. La critica filosofica riguarda il concetto di selezione-per. La spiegazione neo-darwinista non può fare a meno di usare questa nozione. Il tale tratto, in tale specie, in tale ambiente, è stato selezionato per tale funzione, o per tale vantaggio. Noi mostriamo che questo tipo di spiegazione è incoerente. Non sono i tratti ad essere selezionati in natura, ma gli organismi che li portano, e gli organismi portano una immensa quantità e qualità di tratti, invariabilmente presentati insieme. La natura seleziona gli organismi, non può selezionare un tratto isolatamente considerato per il vantaggio adattativo che rappresenta. Solo gli allevatori umani possono operare tali distinzioni e solo i biologi, a posteriori, mediante esperimenti a volte complessi e ragionamenti a volte malcerti, possono ipotizzare post hoc spiegazioni adattative. Esse, quando sono plausibili, sono come le spiegazioni di fatti storici, piene di dettagli molto particolari, non l’applicazione di una legge generale della selezione naturale».
Darwin notava che i figli somigliano ai genitori anche se tra loro c'è variabilità. Ciò vale anche per gli animali. Ad esempio, se un cane ha certi tratti morfologici diversi da quelli del resto della cucciolata, in un certo ambiente, questi tratti possono far sì che egli diventi più grosso dei suoi fratelli e quindi lasci più cuccioli (con tratti che gli somigliano) alla generazione successiva. Questa, semplificando al massimo, è la selezione naturale. Non crede che questo dato sia inattaccabile indipendentemente dal fatto che la storia sia più complicata?
Non è un fatto, ma una congerie di fatti diversi, variabili di volta in volta. Il problema non è che sia complicato, in scienze spesso le cose sono complicate, ma che sia estremamente variabile. L’azione della selezione naturale ha avuto effetti di un tipo, per esempio, per i fringuelli delle Galapagos, ma la storia evolutiva delle lucertole nell’isolotto di Pod Marcaru nell’Adriatico (importanti cambiamenti in appena 20 anni) è assai diversa da quella delle lucertole in Martinica (nessuna sub-speciazione per 8 milioni di anni, quando c'erano 4 isole distinte) e questa a sua volta è diversa dalla storia dei fringuelli delle Galapagos. Le spiegazioni basate sulla selezione naturale sono tante, non una sola.
La sintesi moderna della teoria della evoluzione che unisce genetica e teoria darwiniana sostiene che, vicino alla selezione naturale, si pongono delle altre forze quali l’importanza della dimensione della popolazione. Un esempio. I gatti catturano i topi; in un ambiente naturale quello che è più bravo a catturare i topi è il gatto che ha magari le unghie più lunghe, lascia più figli e mangia più topi che non quello che è meno bravo. Ma se un gatto si trova, putacaso, in un condominio o in un’isola, in cui non c'è nessun altro gatto, anche se non ha le unghie e magari i topi li prende con la coda, o per esaurimento, si può affermare lo stesso. Quale importanza date nella vostra proposta a queste forze dell’evoluzione?
Queste sono vicende particolari, come narrare quelle di un certo battaglione nelle campagne napoleoniche e quelle dei nostri alpini in Russia. Sono storie che si possono ricostruire, una alla volta, ma non esiste una scienza della battagliologia con principi generali. E’ una banalità che chi si riproduce meglio lascia più eredi e che questi, tra una grande varietà di tratti ereditabili, sono portatori di qualche tratto che correla con una migliore riproduzione, finché qualche altro tratto non interferisce e produce effetti diversi di vario genere. Sono riflessioni di senso comune.
Vi è chi sostiene che il vostro approccio non lede la sostanza della teoria darwiniana e che la spiegazione che voi proponete possa essere un aspetto particolare delle diverse forze dell’evoluzione. Che cosa risponde?
Sarebbe come dire che l’effetto di psicofarmaci mirati non lede la sostanza della teoria freudiana. Quando si allarga una teoria fino a questi punti, la si abbandona senza ammetterlo. Crediamo che proprio questo stia avvenendo, anno dopo anno, con il neo-darwinismo. Alcuni biologi sono espliciti nel confessare che lo stanno abbandonando, molti altri lo negano, ma lo stanno facendo implicitamente.
Gli errori di Darwin - Feltrinelli, pag. 363, 25,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen Give Teen A Guitar Lesson On Stage

australia

15enne suona sul palco con Springsteen, con tanto di lezione Video

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

4commenti

presidente samb

Fedeli: "Parma più simpatico, proveremo a fermare il Venezia"

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

5commenti

autobus

Via Farini, da domani modifica temporanea del percorso del 15

Parma

Ancora animali avvelenati: l'allarme resta alto

La polizia municipale, su Twitter, invita a fare attenzione

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

berceto

La bandiera dei Lakota sventola in municipio

Gazzareporter

Parcheggio "selvaggio" in via Marchesi

Rugby

Al Molino Grassi un super-derby Foto

Al fotofinish grazie alla mischia i gialloblù trovano la meta e superano i «cugini» dell'Amatori

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

5commenti

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

2commenti

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

Novara

Auto sui binari travolta da un treno: il conducente riesce a salvarsi

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

LA PEPPA

La ricetta: Whoopies arlecchino per il carnevale dei piccoli

SPORT

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv