19°

Arte-Cultura

Sciascia, non solo romanzi

Sciascia, non solo romanzi
0

 Se fossi un insegnante dotato di una certa autorevolezza presso i miei studenti, imporrei loro di leggere ad alta voce più e più volte il racconto «I tedeschi in Sicilia» di Leonardo Sciascia, che uscì su Palatina dell'aprile-giugno '65, quando la rivista parmigiana volgeva il proprio sguardo critico anche allo strutturalismo con un saggio di Starobinski  su De Saussure e uno di Cusatelli sul realismo di Roth. L'affascinante racconto torna ora nel volume «Il fuoco nel mare» che Adelphi pubblica a cura di Paolo Squillacioti, raccogliendo racconti dispersi tra il 1947 e il '75. L'avventura narrativa di Leonardo Sciascia, che ha fortemente inciso nelle strutture portanti della nostra prosa di metà e fine Novecento, è una di quelle che non possono venir liquidate con un capitolo o un capitoletto di passaggio. Ma, in verità, Sciascia stesso provvide acutamente a segnalare il fatto che le sue «cronache e cronachette» intendevano essere da una parte brevi e compiuti romanzi, e, dall'altra segmenti utili alla formulazione di una più vasta e articolata storia degli uomini, dei paesi e delle vicende della sua isola nel contesto di quella vita che caratterizzò e diede colore e sostanza a tutta la prima parte del secolo scorso in Italia.  Usciti su giornali e riviste di varia importanza (Sicilia, Quartiere, Corriere  mercantile, Galleria, Il Caffè,  Avanti!, La Fiera Letteraria, Amica, l'Unità, il Corriere della Sera) e in volumi antologici, i racconti di Sciascia oltre a denunciare la precarietà della sua attività di narratore   costretto ad un enorme lavoro per ottenere una qualche visibilità nel sempre volubile mondo della letteratura, dimostrano anche quale semplice ma forte vocazione egli sapesse alimentare traendo dalle cronache e dalle storie le più impensabili sollecitazioni. Un realismo non di maniera, poi, lega tutti questi brani, i loro luoghi e i personaggi che vi agiscono con una eccezionale e magistrale struttura concentrica, tanto da far pensare che ciascuna di queste vicende avrebbe potuto dare materia ad un intenso romanzo.   «Il fuoco nel mare» comprende ventitré racconti più due in appendice dei quali uno «Il signor T protegge il paese», scritto nel '47 all'età di ventisei anni, resta senz'altro tra le prime migliori prove di quel giovane maestro siciliano che si sarebbe avventurato in seguito nel gran mare del «giallo» e del relativo naturalismo sociologico con la sperimentata acribia di un lucido e implacabile giudice pur consapevole di non essere mai in grado di pronunciare sentenze definitive. Nei racconti, tale consapevolezza è ancora inespressa, ma già vi si individuano le ragioni. Il realismo è detto senza trucchi, la mistificazione è dichiarata, i personaggi rivestono subito una simbologia di verghiana precisione, e l'intera struttura dei fatti contiene quella moralità di fondo che fornirà poi  a Sciascia, quello del «Giorno della civetta» ('61), di «A ciascuno il suo» ('66), di «Todo modo» ('74) e de «Il contesto» ('72) la dimensione etica, politica e di costume  di un fare letteratura che si muove tra il grottesco e un impegno radicale di intransigenza ironicamente morale. L'inimitabile Sciascia, insomma. Come in questi racconti che, composti nel primo dopoguerra e negli anni del cosiddetto benessere economico, giungono a proporre, ad esempio ne «La laurea» del '70, una realtà paradossale, costruita come in certi racconti di Gogol, tra sarcasmo e disperazione. Scriveva Pedullà in un suo saggio dell'89 che «la corda che suona meglio in Sciascia è quella civile. Uno scrittore civile, uno dei maggiori del dopoguerra, uno di quelli che hanno aiutato a pensare, a interrogarsi, a dare risposte tempestive, molto spesso nel senso più giusto». Esatta osservazione, questa, che nasce proprio dalla natura di questi racconti che spesso lo scrittore assicura che sono «veri», che posseggono, cioè, per la storia una loro identità e un loro possibile riscontro alla luce dei fatti, quasi temesse d'aver dato troppo spazio all'invenzione e alla fantasia. In questo senso «Il fuoco nel mare» ci ritorna come se fosse un libro nuovo; ne siamo sicuri dopo aver letto in particolare un racconto come «Il lascito» del '64, che in cinque pagine nette ed essenziali traccia la vita e la morte di Calcedonio Fiumara («in confidenza con nessuno») e del suo testamento. Nulla di più moderno davvero. Pagine di questo nitore e rigore dovrebbero leggere non pochi giovani scrittori italiani di oggi prima d'intraprendere la stesura delle loro patetiche e strampalate fantasie, piene d'infelici immagini e  di trasandatezze grammaticali. 

Il fuoco nel mare
Adelphi, pag. 210, 18,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

3commenti

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Gli amici sotto choc per la morte di Andrea: "Endurista dal cuore generoso"

INCIDENTE

Gli amici sotto choc per la morte di Andrea: "Endurista dal cuore generoso"

lega pro

Parma, basta scherzi: a Teramo bisogna svoltare Probabili formazioni

Diretta Tv Parma (17.30) e il live sul nostro sito

politica

Primarie Pd: in Emilia alle 12 avevano votano in 100.450. Parma: le foto dai seggi

musica e cultura

A Parma l'opera scende in piazza (per riqualificare l'Oltretorrente)

L'idea di una soprano islandese

roccabianca

Ritrovato il 50enne scomparso: era al Pronto soccorso

sorbolo

Filmate le gare in scooter a mezzanotte. Il sindaco: "Ora convochiamo i genitori" Video

1commento

elezioni

Ecco la nuova squadra di Pizzarotti

2commenti

Via Volturno

Nuova spaccata in una panetteria

l'agenda

Una domenica tra castelli, Cantamaggio e golosità on the road

Laminam

Incontro tra cittadini e Comitato «L'aria del Borgo»

gazzareporter

Borgo Guazzo, cronache dalla discarica.....

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

1commento

parma

Primarie del Pd: istruzioni per poter votare

Dalle 8 alle 20

1commento

Ragazzola

Un comitato per «proteggere» il ponte sul Po

Lutto

Addio a Corradi, il «biciclettaio» di via D'Azeglio

controlli

Autovelox e autodetector: la "mappa" della settimana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Perché ci sono sempre meno preti

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

3commenti

ITALIA/MONDO

BOLZANO

Alpinismo: Ueli Steck muore sull'Everest

Economia

Chiusa un'impresa su due nei primi 5 anni Video

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

motori

F1: in Russia vince la Mercedes di Bottas. Ferrari 2a con Vettel

storie di ex

Ancelotti Re d'Europa: scudetto anche in Germania (col Bayern)

MOTORI

Economia

E' Fiesta l'auto piu' venduta d'Europa Video

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento