-1°

12°

l'intervista

Sepúlveda vince l'«Hemingway»

Luis Sepúlveda

Luis Sepúlveda

0

Con quel suo italiano stropicciato che confonde un po’ verbi e aggettivi, ma che forse proprio per questo è fortemente incisivo e simpatico, lo scrittore cileno Luis Sepúlveda si racconta con grande umiltà: «Sono profondamente intuitivo e lontano dalla mentalità di quegli scrittori che hanno precise intenzioni intellettuali, perché la mia più grande passione è raccontare bene una storia. Lavoro sempre senza nessuna teoria letteraria perché so che la vita è ricca di spontaneità, e tutte le storie che ho scritto le ho raccontate solo dopo aver guardato la vita e atteso le sue decantazioni finché un’idea si trasformava in scrittura letteraria, romanzo o favola che fosse». Vincitore della XXXII edizione del premio Hemingway Lignano Sabbiadoro nella sezione letteratura (una sorta di premio alla carriera e non per un libro in particolare), il 60enne Luis Sepúlveda, attivo politicamente sin da giovanissimo nel movimento popolare che portò Salvador Allende alla presidenza, ed esule poi in varie parti del mondo dopo il colpo di stato del 1973 e l’instaurazione della dittatura cilena, ha fatto della letteratura - oltre alla Spagna dove risiede stabilmente-, la sua vera patria. Ha scritto oltre venti libri, alcuni di successo internazionale come «Il vecchio che leggeva romanzi d’amore» e «Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare» (tutti i libri di Sepúlveda in Italia sono pubblicati da Guanda). «Anche la favola - spiega – seppure un po’ diversa dal romanzo, acquista dimensioni reali quando si conferiscono caratteristiche umane agli animali. Con la favola capisco meglio il comportamento umano e lo narro con più precisione».
Sepúlveda, in questo momento, a che cosa sta lavorando, e quando uscirà il suo prossimo libro?
Sto completando un lungo romanzo in cui racconto una storia che comincia nel 1917 in Russia, quando fu fondata l’Unione Sovietica. E' un romanzo che mescola storia e fantasia e dovrebbe uscire a fine anno. Nel 2005, arrivò in Cile una delegazione ucraina per negoziare col governo la liberazione di un assassino, un ex militare che stava in galera condannato per i suoi crimini contro i diritti umani. Quest’uomo - che durante la dittatura era diventato uno dei più terribili torturatori, era giunto ragazzo nel Cile dove si era formato militarmente -, aveva un nonno che fu uno degli ultimi atamani, valoroso capo cosacco morto in Russia dopo la seconda guerra mondiale.
Perché gli ucraini volevano la sua liberazione?
Perché era diventato lui l’ultimo atamano della loro gente e in occasione di un revival delle forze armate volevano «consacrarlo» per dare nuovo impeto al leggendario popolo cosacco. Qui finisce la storia vera. Con tutti questi elementi ho pensato di scrivere un romanzo che in parte mi riguarda, e per questo si tratta di un libro molto personale: non biografico, anche se il protagonista cui ho dato tantissimo di me, è l’unico che può evitare la liberazione dell’assassino. E il criminale non fu liberato.
Il Cile di oggi è avviato verso una reale esistenza democratica?
Il Cile di oggi è un Paese profondamente scosso dalla frustrazione. Dopo la dittatura è arrivata una specie di democrazia con al governo gli stessi uomini del regime, e ancora oggi nell’anno 2016, la Costituzione politica dello Stato cileno all’art. 1 non dice: «Tutti gli uomini sono uguali nei confronti della legge»; l’articolo 1 invece dice: «Il modello economico del Cile è intoccabile». E ciò è inconcepibile.
La letteratura può promuovere prese di posizione significative o può dare solo indicazioni parziali sui fatti, sulla storia?
La letteratura non ha un ruolo salvifico: l’umanità si salva e la società si cambia solamente se lo fanno i cittadini. Non credo perciò nel potere onnipotente della letteratura e degli scrittori: l’unico potere vero è quello dei cittadini. La letteratura può aiutare a prendere coscienza della realtà partecipando all’azione attiva e dà gli elementi per fare forte la propria coscienza, ma nessuno diventa cosciente se il mondo va male.
Come valuta il futuro dell’Europea dopo l’uscita dell’Inghilterra dell’Unione?
Ho la stessa preoccupazione di tutti i cittadini europei che speravano nel bellissimo sogno di un’Unione Europea che non fosse solo un grande accordo commerciale ma soprattutto una grande alleanza fra i popoli e una garanzia per la pace nel Continente. L’uscita della Gran Bretagna vuol dire che qualcosa non va bene nella comunità, che è in mano a un gruppo di burocrati. Il pensiero preminente per i governanti europei non è mai stato quello politico, ma quello commerciale. In Europa si devono ripensare tantissime cose perché tutti i giorni i cittadini sono esclusi da ogni decisione e perdono potere: il loro grande sogno europeo non esiste più. Se non si arriva a dare importanza e valore all’opinione dei cittadini, finisce male.
A che punto è secondo lei la difesa ambientale del pianeta di cui lei è instancabile paladino?
Tanti anni fa numerosi governi pensavano che la questione ambientale fosse un’invenzione, frutto dell’immaginazione di ecologisti febbricitanti fino a quando l’Unione Europea con il protocollo di Kioto non ha posto limiti alle emissioni di CO2. Ma quando è arrivata la corporazione dei paesi emergenti al dominio dell’economia (Cina, India, Brasile) il protocollo di Kioto è scomparso. Nessuno s’è ricordato che c’era un contratto internazionale per ridurre le emissioni inquinanti nell’atmosfera. Un mostro incontenibile pari all’un per cento della popolazione mondiale possiede il 99% della ricchezza della terra. Democrazia significa partecipazione dei cittadini al controllo sistematico del potere. Se non si fa questo le cose finiranno male.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I 100 anni di Kirk Douglas

Youtube

I 100 anni di Kirk Douglas Video

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Il 10 giugno

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Parma 1913: D'Aversa per la panchina, Sensibile-Faggioni ballottaggio ds

LEGA PRO

D'Aversa per la panchina, ballottaggio Sensibile-Faggioni per il ds. E' questione di ore Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

4commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

Anteprima Gazzetta

Terremoto: l'aiuto di Parma

Domani si parla anche di San Leonardo, di coca a Sorbolo, di un incredibile furto a un asilo

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

9commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

2commenti

Sorbolo

Addio a Roberta Petrolini, la voce della Cri

cantieri e eventi

Come cambia la viabilità a Parma in settimana 

Aemilia

I pm fanno appello contro il proscioglimento di Bernini

Il reato dell'ex assessore parmigiano era stato giudicato prescritto. Appello anche per il consigliere comunale di Reggio Emilia Pagliani.

prato

Sparita l'ultima lettera di Verdi: è giallo

1commento

Tg Parma

Verso il voto: primarie per Dall'Olio, nessuna alleanza per Alfieri

gazzareporter

Rifiuti e cartoni in Galleria Santa Croce Gallery

1commento

polizia

Lite al parco Falcone e Borsellino: recuperate tre bici rubate

5commenti

EMILIA ROMAGNA

Nuovi orari ferroviari sulle linee regionali dall’11 dicembre

tribunale

Botte e insulti alla moglie: due anni ad un 47enne romeno

Mezzani

300 grammi di cocaina scoperti dai carabinieri

Arrestato 32enne albanese

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

LETTERE AL DIRETTORE

Una piccola storia nobile

2commenti

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery