10°

Arte-Cultura

La buona tavola di «Babet»

0

 A  250 anni della scomparsa di Luisa Elisabetta di Borbone, figlia primogenita di Luigi XV di Francia e moglie di don Filippo, la sua «tavola» è tornata d’attualità nella conferenza di Alessandro Malinverni, dottorando in storia del'arte all’Università di Milano, tenuta a Palazzo Bossi Bocchi. Al centro dell’interesse il tema dell’effimero eternato nel caso delle feste parigine per il matrimonio del 1739 con uno scorcio riservato alla corte di Parma ed ai cibi prediletti da Babet, com'era affettuosamente chiamata Luisa Elisabetta dal padre, ed alle sue abitudini. La corte di Luisa Elisabetta e di don Filippo rispecchiava quella di Versailles. Lo confermava anche il ministro napoletano Tanucci, nel febbraio del 1751: «A Parma... tutto continua alla francese, e vestiti, e lingua, e costumi, e maniere».

 Luisa Elisabetta (suo padre la chiamava affettuosamente Babet) aiutata dall’intendente Du Tillot e dall’agente parigino Bonnet, stava infatti importando nel suo nuovo stato mobili, quadri, porcellane, arazzi, vestiti, libri, gioielli, cavalli, cani, servitori, artisti e artigiani, senza dimenticare la cucina francese. Tutto, per ricreare un angolo di Francia a Parma, città da lei definita senza mezzi termini una «cloaque», a causa del caldo soffocante dei mesi estivi e delle viuzze strette e maleodoranti. I rinfreschi documentati alla corte parmense presentano una scelta di cibi sostanzialmente uguale a quella francese. 
Nel maggio del 1764 il rinfresco offerto al duca di York, ospite di don Filippo, fu preparato a base di sorbetti di cioccolata e di latte, limonate, biscotti, arance intere e cioccolata calda, e ancora per le quattro feste date nel teatro in tale occasione, di cui si conservano i pagamenti per i cibi, si possono leggere: confetture varie, canditi, frutti, biscotteria diversa, limoni per l’acqua e i sorbetti, arance di Portogallo, zucchero e ghiaccio per limonate, orzate e sorbetti. Persino il cerimoniale, compreso quello della tavola, fu regolato sulla falsariga di quello di Versailles. 
Durante i numerosi viaggi Babet portava sempre con sé un cuoco francese, e quando si trovava nel regno d’origine era accompagnata e servita, ovviamente a spese del padre, da un distaccamento della Bouche du Roi . D’altronde a metà Settecento la cucina d’Oltralpe aveva raggiunto livelli raffinati, come dimostra la fortuna dei ricettari a stampa pubblicati a Parigi, tra i quali i tre volumi del cuoco preferito di Madame de Pompadour. E se francesi erano i cuochi e le ricette, francesi erano pure gli splendidi servizi da tavola di Chantilly, di Vincennes, ma soprattutto di Sèvres, come quello all’ultima moda chiamato bleu turquoise e il servizio vert pomme.
La taglia forte della duchessa suggerisce che fosse un’amante della buona tavola: ed è proprio così come dimostrano i documenti. Nel 1740, a Madrid, non riuscì a seguire la dieta prescrittale dai medici per risolvere una fastidiosa dermatite. Il cardinale di Fleury, di fatto primo ministro di Francia, non se ne stupì, sapendola golosa di cioccolato, pasticcini e caffè. Oggi si penserebbe ad un vuoto d’affetto. Certo la corte spagnola era meno divertente di quella francese, e di lì a poco, messa al mondo la figlia Isabella a soli 14 anni, sarebbe stata abbandonata dal marito don Filippo, costretto a guerreggiare, senza troppa convinzione, sui campi di battaglia alla ricerca di un trono per sé e per la moglie. Giunta a Parma, Luisa Elisabetta ordinò decine e decine di casse di vini di Borgogna e di champagne, ma soprattutto di cioccolato del Piemonte e di cacao. 
La sua forma peggiorò al punto che nel 1757 la sorella Adelaide, che non la vedeva da quattro anni, se ne meravigliò col cognato: «L'Infanta è arrivata l’altro ieri (alla corte francese) in buona salute mio caro Pippo, ma l’ho trovata furiosamente ingrassata, cosa che mi ha fatto molta pena, (ma è) sempre bella come il Sole di cui porta il nome». Non bisogna però farsi trarre in inganno dal debole di Babet per il cibo: donna forte, concreta, volitiva, formatasi alla scuola della suocera Elisabetta Farnese quando dovette recarsi alla corte paterna, nel 1752, per piangere la morte della gemella, al fine di non gravare troppo sulle casse del padre che le pagava il viaggio e d’arrivare prima, scrisse alla contessa di Tolosa che la sera si sarebbe accontentata di una semplice zuppa calda. 
Nelle sue vene scorreva però il sangue del re Sole, così a Versailles, davanti alla corte accalcata per farle i complimenti, pranzò secondo la più stretta etichetta, servita dalla nobildonna di più alto del suo seguito: la marchesa di Leyda. Certo doveva fidarsi di questa dama, in seguito accusata di aver avvelenato Monsieur de Maulevrier, rappresentante francese a Parma, colpevole di aver criticato le sue folli spese. La marchesa di Leyda rimase a Versailles, nel 1753, sostituita dalla principessa Trivulzio, ed utilizzata da Babet come acquirente di suppellettili per le residenze parmensi. Alla duchessa bisogna, poi, riconoscere un alto merito, quello di aver diffuso il «brand Parma». 
Infatti fece apprezzare alla corte paterna il formaggio parmesan o lodesan, inviandone innumerevoli forme a Versailles, dirette ai più illustri personaggi: la regina sua madre, le sorelle, il fratello, la zia contessa di Tolosa e tali spedizioni, molto gradite, continuarono anche negli anni successivi la sua scomparsa.
STEFANIA PROVINCIALI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Duc, si lavora per riaprirlo

Il caso

Duc, si lavora per riaprirlo

CRIMINALITA'

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

agenda

Weekend a Parma e in provincia: protagonista il Carnevale

CALCIO

Parma, i conti tornano

Lutto

Franco Scarica, addio alla fisarmonica da Oscar

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

AL CAMPUS

Elio e le Storie Tese in forma per l'Europa

Collecchio

E' morto a 51 anni Massimiliano Ori

RUGBY

Zebre, altro mesto rinvio

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: donna incastrata, 5 feriti Foto Video

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

4commenti

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

anteprima gazzetta

Ranieri esonerato: "Pro e contro", tra sport e costume

maltempo

Allerta meteo Protezione civile: forti temporali in Emilia Romagna

Allerta arancione per il rischio idrogeologico

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

IL CASO

Troppo sport fa male al desiderio

1commento

svezia

Sesso in pausa pranzo: proposta choc in un comune artico

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia