19°

30°

Arte-Cultura

Cattedrale ancora più antica

Cattedrale ancora più antica
0

Le origini della Cattedrale di Parma, prezioso scrigno di arte e di storia, continuano ad essere oggetto di studi che talvolta mettono in seria discussione quanto è stato scritto in precedenza, sovvertendo anche tesi a lungo e autorevolmente sostenute. E’ il caso dell’ultima approfondita ricerca del tedesco Manfred Luchterhandt pubblicata nel volume «Die Kathedrale von Parma», che verrà presentato - per iniziativa del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università e della Curia - domani alle  17 nel salone del Vescovo del Palazzo Vescovile da monsignor Giulio Ranieri e da Roberto Greci,  Saverio Lomartire e Carlo Tosco che dialogheranno con l’autore; moderatore Arturo Calzona: un confronto di notevole interesse per l’alta competenza dei protagonisti. Il medievista tedesco, infatti, riparte da zero e ripropone, sulla base di raffronti stilistici, un «nuovo» percorso costruttivo del Duomo il cui inizio viene fatto risalire al periodo del vescovo Ugo (1027-1044) diversamente dalla maggioranza degli studiosi che fa riferimento all’episcopato di Cadalo (1044-1072) e, recentemente, anche all’ultimo decennio del secolo; solo Alfredo Bianchi e Mario Mazza nel terzo volume della «Basilica Cattedrale di Parma» ne avevano posto l’inizio nella prima metà dell’XI secolo. Secondo Luchterhandt, osservando le monofore tamponate che si trovano nella parte inferiore delle absidi, si nota come queste presentino una decorazione che difficilmente può essere ascritta al XII secolo: a questa ultima datazione si oppongono altri particolari elementi quali la strana forma quasi a croce dei pilastri che sostengono il coro e i capitelli, sia quelli della cripta che quelli reimpiegati nei pilastri orientali della navata. Questi capitelli corinzi, caratterizzati da foglie appuntite, inoltre, non trovano riscontro nella produzione scultorea del XII secolo ma «sono molto simili a quelli che vengono scolpiti in Veneto nell’XI secolo, e sono addirittura identici a quelli che si possono vedere nel Duomo di Caorle. Infatti è identico il disegno delle foglie appuntite, disposte su due livelli, identico il sistema del doppio caulicolo al culmine del capitello». E una documentazione attendibile lega il Duomo di Caorle al 1038. Da questi elementi Luchterhandt trae la conclusione che la Cattedrale di Parma è stata costruita nei primi decenni dell’XI secolo: era a tre navate coi matronei e il presbiterio, sopra la cripta, doveva avere la stessa dimensione dell’attuale; non era coperta da volte ma da capriate a vista. Poiché il vescovo Ugo era cancelliere imperiale e Parma stava dalla parte ghibellina, i modelli architettonici di riferimento nell’edificazione della chiesa sono stati quelli delle grandi cattedrali imperiali come quella di Spira, di Limburg an der Haardt, di Harsfeld e soprattutto di Goslar, anche nelle imponenti dimensioni. Del primitivo edificio sarebbero rimasti solo pochi elementi in quanto distrutto dal terribile terremoto del 1117, come riportato dal «Chronicon Parmense»: «Maxima pars Sanctae Mariae dirupta fuit». Ma gli storici sono divisi sull'entità dei danni: recentemente, dopo un’accurata indagine delle strutture murarie da parte della Facoltà d’Ingegneria, si è ipotizzato che siano crollate solo una parte del tetto e alcune parti superiori dei muri longitudinali. Secondo diversi studiosi nel 1106 all’arrivo del vescovo Bernardo degli Uberti (in concomitanza con la dedicazione della chiesa officiata da Pasquale II) era stata costruita solo la parte absidale del duomo, come dimostrerebbe l’iconografia filo-imperiale dei capitelli. Il vescovo avrebbe fatto proseguire in modo diverso la costruzione (e l’iconografia dei capitelli diventava filo-papale) affidando il completamento dell’edificio a  Nicolò, che si era formato nella bottega di Wiligelmo nel cantiere del Duomo di Modena. Lo storico tedesco, invece, seguendo il «Chronicon», ritiene che la chiesa per le sue grandi dimensioni sia crollata come «un castello di carte». Tolte le macerie e liberate le superstiti basi delle absidi, la ricostruzione dopo il 1117 veniva affidata dal vescovo Bernardo a un architetto lombardo, forse milanese, per i parallelismi con importanti chiese lombarde quali Sant'Ambrogio di Milano e San Michele di Pavia; la cattedrale parmigiana non avrebbe quindi alcun rapporto con la cultura mediopadana di quella modenese. Anche l’attività degli scultori operanti nel cantiere del Duomo di Parma è stata minuziosamente riesaminata e rapportata a quella di scultori attivi in altre chiese del territorio come Badia Cavana e la Pieve di Sasso, ma anche fuori come Sant'Andrea di Carrara e il Duomo di Bergamo; da quest’ultimo sarebbe giunto a Parma tra il 1140-50 il cosiddetto «Maestro dei mesi», autore del ciclo dei mesi che vediamo nel protiro. La nuova cattedrale quindi sarebbe stata praticamente terminata durante l’episcopato di Lanfranco (1136-1172) ad eccezione delle parti alte della facciata, che comunque sarebbero state completate entro il 1196, data d’inizio della costruzione del Battistero. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

Silvia Olari

musica

Torna Silvia Olari con il nuovo singolo: "Fuori di Testa"

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Incidente

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: grave una donna

1commento

Assemblea Upi

Figna: "Bene l'economia di Parma, fiducia delle imprese ai massimi"  Diretta TvParma

L'ospite di quest'anno è il ministro Graziano Delrio

meteo

Caldo: (la prossima settimana) ancora temporali al Nord

tg parma

Sicurezza e scuole fra le priorità di Pizzarotti: video-intervista

Nascerà un partito dei sindaci? Pizzarotti è concentrato su Parma ma da Napoli arrivano gli elogi di de Magistris

3commenti

Lo sconfitto

Scarpa: "Il Pd ha adottato Pizzarotti, trattandolo come enfant prodige"

Il Pd regionale: "Impariamo dalle sconfitte in Emilia-Romagna"

12commenti

Elezioni 2017

Federico Pizzarotti rieletto sindaco con il 57,87% dei voti La festa (foto)

Ecco come sarà il nuovo Consiglio

46commenti

Poggio S.Ilario

E' ancora grave la figlia dell'ivoriano che ha appiccato il fuoco alla camera Video

Medesano

Picchia e violenta la ex moglie: 30enne in carcere

2commenti

polizia

Blitz dei ladri nella notte al Palacampus

parma

Furto da "Amor di Patata", all'ombra del duomo: è sparita la cassa

1commento

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

2commenti

Asessuali

Vivere senza sesso: il documentario della parmigiana Soresini

3commenti

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

scuola

Maturità: oggi la terza e ultima prova scritta

Lutto

Laurano dice addio a «Ester» la centenaria

Poggio di Sant'Ilario

Dà fuoco alla stanza e ustiona moglie e figlia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Cinque anni fa vinse Grillo. Questa volta ha vinto lui

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

archeologia

Scoperta una piccola Pompei sotto la metro di Roma Gallery Video

festeggiamenti

La Polfer compie 110 anni: fu voluta da Giolitti

SOCIETA'

colombia

La nave barcolla poi affonda: 6 morti

LA PEPPA

Budino di due colori

SPORT

Moto

Viñales rongrazia Dovizioso: "Grazie per avermi evitato"

Promozione

Apolloni: «Felice per questa B»

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande