12°

Arte-Cultura

Cattedrale ancora più antica

Cattedrale ancora più antica
0

Le origini della Cattedrale di Parma, prezioso scrigno di arte e di storia, continuano ad essere oggetto di studi che talvolta mettono in seria discussione quanto è stato scritto in precedenza, sovvertendo anche tesi a lungo e autorevolmente sostenute. E’ il caso dell’ultima approfondita ricerca del tedesco Manfred Luchterhandt pubblicata nel volume «Die Kathedrale von Parma», che verrà presentato - per iniziativa del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università e della Curia - domani alle  17 nel salone del Vescovo del Palazzo Vescovile da monsignor Giulio Ranieri e da Roberto Greci,  Saverio Lomartire e Carlo Tosco che dialogheranno con l’autore; moderatore Arturo Calzona: un confronto di notevole interesse per l’alta competenza dei protagonisti. Il medievista tedesco, infatti, riparte da zero e ripropone, sulla base di raffronti stilistici, un «nuovo» percorso costruttivo del Duomo il cui inizio viene fatto risalire al periodo del vescovo Ugo (1027-1044) diversamente dalla maggioranza degli studiosi che fa riferimento all’episcopato di Cadalo (1044-1072) e, recentemente, anche all’ultimo decennio del secolo; solo Alfredo Bianchi e Mario Mazza nel terzo volume della «Basilica Cattedrale di Parma» ne avevano posto l’inizio nella prima metà dell’XI secolo. Secondo Luchterhandt, osservando le monofore tamponate che si trovano nella parte inferiore delle absidi, si nota come queste presentino una decorazione che difficilmente può essere ascritta al XII secolo: a questa ultima datazione si oppongono altri particolari elementi quali la strana forma quasi a croce dei pilastri che sostengono il coro e i capitelli, sia quelli della cripta che quelli reimpiegati nei pilastri orientali della navata. Questi capitelli corinzi, caratterizzati da foglie appuntite, inoltre, non trovano riscontro nella produzione scultorea del XII secolo ma «sono molto simili a quelli che vengono scolpiti in Veneto nell’XI secolo, e sono addirittura identici a quelli che si possono vedere nel Duomo di Caorle. Infatti è identico il disegno delle foglie appuntite, disposte su due livelli, identico il sistema del doppio caulicolo al culmine del capitello». E una documentazione attendibile lega il Duomo di Caorle al 1038. Da questi elementi Luchterhandt trae la conclusione che la Cattedrale di Parma è stata costruita nei primi decenni dell’XI secolo: era a tre navate coi matronei e il presbiterio, sopra la cripta, doveva avere la stessa dimensione dell’attuale; non era coperta da volte ma da capriate a vista. Poiché il vescovo Ugo era cancelliere imperiale e Parma stava dalla parte ghibellina, i modelli architettonici di riferimento nell’edificazione della chiesa sono stati quelli delle grandi cattedrali imperiali come quella di Spira, di Limburg an der Haardt, di Harsfeld e soprattutto di Goslar, anche nelle imponenti dimensioni. Del primitivo edificio sarebbero rimasti solo pochi elementi in quanto distrutto dal terribile terremoto del 1117, come riportato dal «Chronicon Parmense»: «Maxima pars Sanctae Mariae dirupta fuit». Ma gli storici sono divisi sull'entità dei danni: recentemente, dopo un’accurata indagine delle strutture murarie da parte della Facoltà d’Ingegneria, si è ipotizzato che siano crollate solo una parte del tetto e alcune parti superiori dei muri longitudinali. Secondo diversi studiosi nel 1106 all’arrivo del vescovo Bernardo degli Uberti (in concomitanza con la dedicazione della chiesa officiata da Pasquale II) era stata costruita solo la parte absidale del duomo, come dimostrerebbe l’iconografia filo-imperiale dei capitelli. Il vescovo avrebbe fatto proseguire in modo diverso la costruzione (e l’iconografia dei capitelli diventava filo-papale) affidando il completamento dell’edificio a  Nicolò, che si era formato nella bottega di Wiligelmo nel cantiere del Duomo di Modena. Lo storico tedesco, invece, seguendo il «Chronicon», ritiene che la chiesa per le sue grandi dimensioni sia crollata come «un castello di carte». Tolte le macerie e liberate le superstiti basi delle absidi, la ricostruzione dopo il 1117 veniva affidata dal vescovo Bernardo a un architetto lombardo, forse milanese, per i parallelismi con importanti chiese lombarde quali Sant'Ambrogio di Milano e San Michele di Pavia; la cattedrale parmigiana non avrebbe quindi alcun rapporto con la cultura mediopadana di quella modenese. Anche l’attività degli scultori operanti nel cantiere del Duomo di Parma è stata minuziosamente riesaminata e rapportata a quella di scultori attivi in altre chiese del territorio come Badia Cavana e la Pieve di Sasso, ma anche fuori come Sant'Andrea di Carrara e il Duomo di Bergamo; da quest’ultimo sarebbe giunto a Parma tra il 1140-50 il cosiddetto «Maestro dei mesi», autore del ciclo dei mesi che vediamo nel protiro. La nuova cattedrale quindi sarebbe stata praticamente terminata durante l’episcopato di Lanfranco (1136-1172) ad eccezione delle parti alte della facciata, che comunque sarebbero state completate entro il 1196, data d’inizio della costruzione del Battistero. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Il sexy allenamento ai glutei di Jessica Immobile fa il boom di clic Video

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Mattinata di incidenti: diversi feriti in città e in provincia

Parma

Mattinata di incidenti: diversi feriti in città e in provincia Foto

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

Il fenomeno dilaga

Bocconi al veleno, allarme anche a San Leonardo

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

7commenti

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery