-3°

Arte-Cultura

Quando si mieteva in Cittadella

Quando si mieteva in Cittadella
0

di Lorenzo Sartorio

Piste in terra battuta per podisti o appassionati di footing, un vistoso cartellone luminoso che indica i tempi di percorrenza dell’anello superiore,  un antico bastione con i suoi «percorsi da guerra» riportati alla luce, ciclisti che si rincorrono sotto l'ombra di secolari platani e pioppi, anziani accoccolati sulle panchine a leggersi il giornale, tanti cani che in questo polmone verde sfogano la loro vivacità  finalmente lontani dalla prigionia degli appartamenti per non parlare dei bambini che continuano a sognare sulle  giostre e altri giochi. 

Questa, è la Cittadella del terzo millennio e cioè un parco cittadino, fra i più antichi e amati dai parmigiani, che assolve in pieno al proprio compito di accogliere la gente per trascorrere momenti di svago e relax. Ma l’antica fortezza farnesiana, dopo essere stata caserma, nell’immediato dopoguerra,  quando i militari la abbandonarono, una volta dismesse uniformi e stellette, non fu aperta al pubblico  perché doveva essere bonificata da eventuali residuati bellici. Però la terra di cui disponeva doveva essere sfruttata al meglio in tempi in cui,  anche se il Ventennio si era tragicamente  concluso, la gente aveva ancor ben presenti  le varie «battaglie del grano» che vedevano «lui», il Duce, a torso nudo mietere il frumento per testimoniare le sue origini contadine e nazional popolari. 
Così,  anche la Cittadella dell’immediato dopoguerra,  era una sorta di appendice dei  campi che circondavano Parma. «La gestione degli spazi verdi fu assegnata ad un agricoltore,  tale Ziveri - così ricorda  lo storico “sceriffo” della fortezza Adriano Catelli - il quale seminava erba medica e frumento, oltre disporre di un bel frutteto». Ed era proprio giugno il clou  per la mietitura in Cittadella che si effettuava  ovviamente a mano   con la «misóra»,  una sorta di falcetto appositamente concepito per mietere. 
Lo Ziveri, per il rito della mietitura, assoldava  sei o sette persone che, in un paio di giorni, mietevano i  due bastioni coltivati a frumento. Si trattava del bastione  che, ora messo a nudo, mostra i vari camminamenti militari e l’altro dove sorge la Palazzina San Giorgio  e che, un tempo, ospitava  anche un discreto frutteto.  All’ora del pasto, quando la campana «d’la Cèza dal Bambén» delle Carmelitane di Barriera  Farini suonava il tocco, i lavoranti e le lavoranti,  deponevano  la falce e consumavano un frugale pasto sotto l’ombra amica delle piante secolari mentre dagli orti circostanti salivano  profumi di verdure fresche e di mangiari robusti che provenivano dalle casupole degli ortolani. 
Si andava avanti fino a sera quando il sole, che era spuntato di buon mattino  dietro al «Tardini», si inabissava alle spalle  di viale Solferino. Dopo essersi ristorati sotto  la fontana,  i lavoranti facevano ritorno a casa scortati da voli di lucciole che, proprio durante il  raccolto, vivevano i loro giorni più belli arabescando con leggiadre  danze le notti padane. Al termine dei due o tre giorni di mietitura  i covoni,  assiepati ordinatamente ai bordi dei campi, venivano caricati su un traballante carro e portati in un’aia per la trebbiatura mentre, ai lavoranti, oltre  a quei quattro soldi che si erano sudati,  veniva concesso di  raccogliere le spighe rimaste sul campo. 
Con quelle rimanenze stipate  dentro un sacco, il mugnaio  avrebbe dato in cambio un mezzo sacco di farina preziosissima  per fare il pane finalmente bianco, la sfoglia  e le torte. E così,  dopo la mietitura, proseguiva, sonnolente,  la calda e autarchica estate della Cittadella  la cui colonna sonora era costituita dal cinguettio degli uccelli, dal garrire delle rondini e dal frinire delle cicale  alle quali davano il cambio i grilli quando la luna sciabolava d’argento  le torride notti parmigiane. 
                 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

E' morto il musicista Greg Lake

Greg Lake

MUSICA

Addio al grande Greg Lake, la voce di Elp e King Crimson

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Abusava della nipote e della cugina, due bambine: condannato a sei anni e sei mesi

Torrile

Abusava della cuginetta di 9 anni e della nipote di 13: condannato

1commento

WEEKEND

Presepi, street food, spongate: tutti gli appuntamenti

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

3commenti

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Comune

Bilancio: ecco tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

3commenti

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

1commento

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

tg parma

Risorse alle province, allarme dopo il no alla riforma e la finanziaria

gazzareporter

Sacchi della spazzatura in piazzale Santa Rita Fotogallery

LIBRO

Sopra Le Aspettative, la vita oltre la Sla

CAVALCAVIA

Via Mantova, presto un nuovo guard rail

4commenti

PEDEMONTANA

Allarme povertà, sussidi per 150 famiglie

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

roma

Trovato il corpo della studentessa scomparsa: investita mentre inseguiva i ladri

1commento

SPAZIO

Usa, è morto l'astronauta John Glenn

SOCIETA'

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

STRAJE'

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

SERIE A

Roma, accolto il ricorso: tolta la qualifica a Strootman

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

in pillole

Ford Kuga:
il facelift