21°

35°

Arte-Cultura

Quando si mieteva in Cittadella

Quando si mieteva in Cittadella
Ricevi gratis le news
0

di Lorenzo Sartorio

Piste in terra battuta per podisti o appassionati di footing, un vistoso cartellone luminoso che indica i tempi di percorrenza dell’anello superiore,  un antico bastione con i suoi «percorsi da guerra» riportati alla luce, ciclisti che si rincorrono sotto l'ombra di secolari platani e pioppi, anziani accoccolati sulle panchine a leggersi il giornale, tanti cani che in questo polmone verde sfogano la loro vivacità  finalmente lontani dalla prigionia degli appartamenti per non parlare dei bambini che continuano a sognare sulle  giostre e altri giochi. 

Questa, è la Cittadella del terzo millennio e cioè un parco cittadino, fra i più antichi e amati dai parmigiani, che assolve in pieno al proprio compito di accogliere la gente per trascorrere momenti di svago e relax. Ma l’antica fortezza farnesiana, dopo essere stata caserma, nell’immediato dopoguerra,  quando i militari la abbandonarono, una volta dismesse uniformi e stellette, non fu aperta al pubblico  perché doveva essere bonificata da eventuali residuati bellici. Però la terra di cui disponeva doveva essere sfruttata al meglio in tempi in cui,  anche se il Ventennio si era tragicamente  concluso, la gente aveva ancor ben presenti  le varie «battaglie del grano» che vedevano «lui», il Duce, a torso nudo mietere il frumento per testimoniare le sue origini contadine e nazional popolari. 
Così,  anche la Cittadella dell’immediato dopoguerra,  era una sorta di appendice dei  campi che circondavano Parma. «La gestione degli spazi verdi fu assegnata ad un agricoltore,  tale Ziveri - così ricorda  lo storico “sceriffo” della fortezza Adriano Catelli - il quale seminava erba medica e frumento, oltre disporre di un bel frutteto». Ed era proprio giugno il clou  per la mietitura in Cittadella che si effettuava  ovviamente a mano   con la «misóra»,  una sorta di falcetto appositamente concepito per mietere. 
Lo Ziveri, per il rito della mietitura, assoldava  sei o sette persone che, in un paio di giorni, mietevano i  due bastioni coltivati a frumento. Si trattava del bastione  che, ora messo a nudo, mostra i vari camminamenti militari e l’altro dove sorge la Palazzina San Giorgio  e che, un tempo, ospitava  anche un discreto frutteto.  All’ora del pasto, quando la campana «d’la Cèza dal Bambén» delle Carmelitane di Barriera  Farini suonava il tocco, i lavoranti e le lavoranti,  deponevano  la falce e consumavano un frugale pasto sotto l’ombra amica delle piante secolari mentre dagli orti circostanti salivano  profumi di verdure fresche e di mangiari robusti che provenivano dalle casupole degli ortolani. 
Si andava avanti fino a sera quando il sole, che era spuntato di buon mattino  dietro al «Tardini», si inabissava alle spalle  di viale Solferino. Dopo essersi ristorati sotto  la fontana,  i lavoranti facevano ritorno a casa scortati da voli di lucciole che, proprio durante il  raccolto, vivevano i loro giorni più belli arabescando con leggiadre  danze le notti padane. Al termine dei due o tre giorni di mietitura  i covoni,  assiepati ordinatamente ai bordi dei campi, venivano caricati su un traballante carro e portati in un’aia per la trebbiatura mentre, ai lavoranti, oltre  a quei quattro soldi che si erano sudati,  veniva concesso di  raccogliere le spighe rimaste sul campo. 
Con quelle rimanenze stipate  dentro un sacco, il mugnaio  avrebbe dato in cambio un mezzo sacco di farina preziosissima  per fare il pane finalmente bianco, la sfoglia  e le torte. E così,  dopo la mietitura, proseguiva, sonnolente,  la calda e autarchica estate della Cittadella  la cui colonna sonora era costituita dal cinguettio degli uccelli, dal garrire delle rondini e dal frinire delle cicale  alle quali davano il cambio i grilli quando la luna sciabolava d’argento  le torride notti parmigiane. 
                 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

NEW YORK

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

Torino

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Abbraccio tra il padre e Solomon

Delitto San Leonardo

Abbraccio tra il padre e Solomon

Accoglienza

Ecco la giornata dei profughi

Varsi

Colto da malore, grave il sindaco Aramini

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

CAMPIONI

Emanuele, Filippo e Matteo, i ragazzini d'oro

Personaggi

Dal Crazy Horse alla laurea

Felino

Soldi nelle slot invece che ai figli: condannato

Scurano

Il camionista: «Così ho evitato una tragedia»

Lesignano

Migranti nell'ex caseificio a Mulazzano: il sindaco minaccia le dimissioni

Giorgio Cavatorta ha scritto al ministro dell'Interno

Tg Parma

Delitto di via San Leonardo: Solomon a Parma incontra il padre Video

Delitto

Papà Fred si racconta: tra il dolore infinito e la forza dell'amore

6commenti

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

ANTEPRIMA GAZZETTA

Fred Nyantakyi resterà a vivere in città: "Parma non lo lasci solo" Video

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

ParmENSE

In arrivo il caldo record, fiume Po sempre più in basso Video

Guardia di Finanza

Fa sparire 135mila euro destinati ai creditori: nei guai imprenditore parmense

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

GIALLO

Molotov contro centro migranti a Modena

VENEZIA

L'incendio di Londra: mille persone al funerale di Marco, morto assieme a Gloria

SPORT

PARMA CALCIO

Luca Siligardi, nuovo bomber: "Bel gruppo. La serie B? Imprevedibile" Video

TOUR

Sull'Izoard vince Barguil, Aru in difficoltà: scivola al quinto posto

SOCIETA'

l'emendamento

Cellulare alla guida: ritiro immediato della patente fino a 6 mesi

10commenti

telefono azzurro

Telefono e social, i bambini "inchiodano" gli adulti Video

MOTORI

TOYOTA

Yaris GRMN, dal Nurburgring la Yaris più potente di sempre

DAIMLER

Mercedes, "richiamo" volontario per 3 milioni di motori diesel