-2°

Arte-Cultura

Pomodoro, storia italiana

Pomodoro, storia italiana
0

 di Andrea Grignaffini
Strano ma vero, ci sono voluti ben trecento anni per fare innamorare gli italiani del pomodoro. È difficile credere che il legame tra la nostra penisola e il pomodoro, oggi simbolo per eccellenza della nostra cultura gastronomica e del modello alimentare che esportiamo come vincente, la «dieta mediterranea», ci abbia messo così tanto tempo per maturare e consolidarsi. È’ David Gentilcore, classe 1961, canadese di nascita, ordinario di storia moderna alla University of Leicester in Inghilterra, dove insegna anche storia della medicina, a parlarne nel libro edito da Garzanti (13 euro), intitolato «La purpurea meraviglia –Storia del pomodoro in Italia», volume che appartiene a un progetto di ricerca, finanziato dalla Leverhulme Trust, sull’accoglienza in Italia delle piante provenienti dal Nuovo Mondo. In sette capitoli, cui fa séguito l’epilogo, viene descritta la particolare odissea affrontata dal pomodoro, per affermarsi sulle tavole italiane diventandone l’emblema all’estero. Odissea non a caso, perché si tratta di una storia lunga e in certi momenti intricata, complessa e confusa (talora le fonti sono sporadiche) col rischio, talvolta non superato brillantemente, di improvvisi salti temporali, in avanti e all’indietro, che impongono al lettore un’attenzione massima e costante, pena una comprensione poco chiara e lineare dello sviluppo della vicenda. Il fatto è che sin dall’arrivo del pomodoro in Italia, probabilmente dalla Spagna, dopo aver conquistato il Messico (Nuova Spagna), 1519-1521, c’erano molti dubbi sulla natura di questa pianta. Fu inserito nella famiglia delle solani, la stessa cui appartenevano le melanzane in virtù della credenza di allora secondo cui nulla del mondo poteva essere sconosciuto ai tempi della Bibbia e perciò, tutto ciò che di nuovo si scopriva, doveva essere messo a integrazione di categorie già conosciute. Il povero pomodoro, oltretutto, ancora nel Seicento veniva confuso con il «tomatillo» azteco, frutto tondo, di colore giallo-verdino racchiuso da un involucro diviso in due. Partendo dalla grande diffidenza che avvolge per secoli il nostro pomodoro, ridotto a pianta ornamentale, da giardino, con timori sulla possibilità di mangiarne i frutti, il libro ne cerca le cause e propone spiegazioni. Poi i passi avanti: con l’evoluzione della medicina, nella seconda metà del Seicento si concede che il pomodoro, se cotto, non faccia male. A fine secolo il pomodoro inizia a comparire in alcune ricette per poi entrare con maggior peso in cucina, nel Settecento. Pensiamo alle ricette del Corrado che gli dà «centralità» con preparazioni ad hoc tenendolo in altissima considerazione: «Varie gustosissime vivande si possono fare dei pomidoro; ed infinite conditure col sugo loro si prestano alle carni, ai pesci, all’uova, alle paste, ed all’erbe; onde con ragione da un eccellente cuoco furon il pomidoro chiamati gustosi bocconi, e salsa universale. Quelli pomi non solo dan gusto al palato, ma a un sentimento de’ fisici facilitano molto con il loro sugo acido la digestione, particolarmente nella loro stagione estiva, che per soverchio calore l’uomo ha lo stomaco rilasciato e nauseante. Sono i pomidoro rotondi, di color zafferano, ed hanno una pellicola, la quale per toglierla bisogna rotolarli sulla brace, o pure attuffarle nell’acqua bollente. Per una buca che si farà dalla parte del gambo, o pure divise in due parti si caveranno li semi per poterli preparare con più delicatezza, e piacere». Nell’Ottocento lo si coltiva al Sud e grazie a Maria Luigia, anche a Parma (dove poi fiorirà un’importante industria legata alla trasformazione del pomodoro), si mantiene durante l’anno sottoforma di «conserva nera» (un concentrato per essiccazione del pomodoro passato) o in bottiglia, trattata con metodo Appert. A fine secolo, la pizza margherita, mentre già all’indomani dell’unità d’Italia, i Napoletani apprezzavano la pasta col pomodoro (piatto della festa più che quotidiano). L’accoppiata pasta-sugo di pomodoro fa rima con i ristoranti italo-americani, nati dopo la massiccia emigrazione italiana di fine Ottocento negli Stati Uniti. I primi del Novecento vedono ai massimi livelli l’esportazione di pelati e salsa di pomodoro all’estero; le difficoltà nel periodo autarchico del Fascismo vengono riscattate dal boom degli anni Cinquanta: il pomodoro dilaga in cucina, non solo nella pasta: è la pomodorizzazione, non senza risvolti amari come il chiedersi perché spesso i pomodori abbiano lo stesso sapore, piuttosto sbiadito. Cosa a dir poco contraddittoria per uno dei frutti della terra più complessi e golosi, in perenne bilico tra la dolcezza e l’acidità, parte carnosa e parte succosa, gusto e colore: purpurea meraviglia. 

La purpurea meraviglia

Garzanti, pag. 272,13,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Pizzarotti presenta la candidatura: "Una città dove le persone sono al centro" Diretta

Amministrative 2017

Pizzarotti presenta la candidatura: "Una città dove le persone sono al centro" Diretta

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

14commenti

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

2commenti

Piovani

"Cura D'Aversa efficace. E da confermare a Venezia" Video

Questa sera Bar Sport (Tv Parma 20.30): mercato, big match, Evacuo e tanto altro

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

sponsor tecnico

Nazionali di volley, un quadriennio olimpico con l'Erreà

L'azienda di Parma firmerà le nuove divise da gara e la linea di abbigliamento fino al 31 gennaio 2021

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

4commenti

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

Stati Uniti

Chelsea Clinton difende Barron, il figlio piccolo di Trump

SOCIETA'

Anniversari

Il frisbee compie sessant'anni

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

VENEZIA

Insulto razzista a un giocatore 13enne: rissa fra genitori sugli spalti

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)