-2°

RASSEGNA

Tutta la luce dei pittori dal divisionismo al futurismo

Tutta la luce dei pittori dal divisionismo al futurismo

Gino Severini, Le marchand d'oublies, 1909

Ricevi gratis le news
0
 

Dopo la prima tappa a Madrid, la mostra «I pittori della luce. Dal Divisionimo al Futurismo» prodotta da Mart di Rovereto e Fundación MAPFRE, approda nella sede del Mart, visibile fino al 9 ottobre. L’esposizione ruota attorno a un preciso periodo storico e ad un nucleo di importanti opere di artisti italiani che, tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, furono protagonisti del rivoluzionario cambiamento di mentalità che portò alla nascita delle avanguardie del ’900, in particolare il Futurismo. L’esposizione, curata da Beatrice Avanzi, Musée d’Orsay; Daniela Ferrari, Mart; Fernando Mazzocca, Università degli Studi di Milano, attinge alla collezione permanente del museo, alla quale si sommano importanti prestiti pubblici e privati, per indagare temi, tecniche ed esiti dei due movimenti attraverso un’ottantina di opere

Era il 1891 quando, alla Triennale di Brera, si assiste alla prima uscita “pubblica” di un gruppo di giovani pittori: Giovanni Segantini, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Angelo Morbelli, Emilio Longoni. L’opera di questi artisti, rappresentati in questo percorso espositivo con opere significative, a partire da «La raccolta del fieno» di Segantini, del 1891, sconvolge e divide la critica e il pubblico borghese, non solo per l’uso della tecnica divisa, ma anche per le inedite interpretazioni dei temi cari alla tradizione. E’ l’esordio del Divisionismo il cui centro geografico, fin da subito, è la città di Milano che offre occasioni espositive, un ambiente vivace e pronto al dibattito e un mercante-critico, Vittore Grubicy de Dragon, che appoggia il movimento e che per primo in Italia rivela le tecniche e i successi del pointillisme francese. Con il movimento d’oltralpe i Divisionisti italiani condividono l’utilizzo dei soli colori puri, non mescolati a impasto sulla tavolozza, ma applicati direttamente sulla tela a piccoli tocchi, che l’occhio dell’osservatore ricompone. Interpretano, però, la tecnica divisa come un mezzo e non un fine, sottoposto e adattato al contenuto e al messaggio dell’opera, in cui la ricerca di una maggiore luminosità affida alla luce un valore simbolico e va acquisendo una dimensione di unione tra l’uomo e la natura.

Il Divisionismo si configura così come una tendenza autonoma, che applica i principi della scomposizione del coloro a tematiche sociali e a contenuti simbolisti, di cui è massima espressione l’opera di Segantini. L’interesse poi per il mondo operaio e per tematiche d’interesse politico e sociali, evidenzia un cambiamento di gusto e un’attenzione alle condizioni delle classi più disagiate e alle disparità sociali senza precedenti che permette alla pittura di assumere una dimensione collettiva e politica lontana dal pietismo della pittura di genere dei decenni precedenti.

Dalla forza di questa nuova poetica e sulle sue basi tecniche prende vita, all’inizio del ’900, il Futurismo, intorno alle idee del poeta Filippo Tommaso Marinetti che nel febbraio 1909 irrompe sulla scena artistica con il Manifesto Futurista, pubblicato sulla prima pagina de “Le Figaro”.

All’appello aderiscono Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Carlo Carrà, Luigi Russolo e Gino Severini, le opere dei quali in mostra ne danno ampia visione. Nell’aprile dell’anno successivo firmano il Manifesto tecnico della pittura futurista, in cui proclamano che “non può sussistere pittura senza Divisionismo”, indicando nella comune formazione divisionista il substrato di partenza del movimento. La scomposizione della luce associata a quella della forma e a una vocazione alla rappresentazione del movimento e della velocità della vita moderna proiettano l’arte italiana nel cuore del dibattito artistico europeo.

Ecco allora, in mostra, «Le mani del violinista», 1912, di Giacomo Balla, uno dei capolavori del Futurismo in cui l’autore interpreta il dinamismo attraverso la rappresentazione di un’immagine in sequenza, ovvero la ripetizione della mano del violinista impegnato a suonare con il suo archetto. Balla ma anche Boccioni, artisti fondamentali a delineare quel passaggio storico, quando entrambe le correnti contribuirono in maniera significativa alla genesi della pittura moderna in Italia lungo un excursus ampio ed appassionante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Oggi speciale su cani, gatti & Co. con la Gazzetta di Parma

Lealtrenotizie

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

Viabilità

Colorno, verifiche ai ponti dopo la piena

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

2commenti

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

anteprima gazzetta

60 anni della legge Merlin, cosa è cambiato nella prostituzione (a Parma)

tg parma

Edicola in stazione ultimo giorno: da oggi saracinesca chiusa Video

METEO

Perturbazione in arrivo: previste piogge e neve fra collina e montagna

Sarà colpito prima il centro-sud, poi anche il nord Italia (Emilia-Romagna compresa)

gazzareporter

I cinghiali attraversano la strada a Tabiano Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

salute

Infertilità maschile, la prima causa è l'inquinamento

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto