-2°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica: "L'amara spugna del silenzio"

0

L'amara spugna del silenzio  - Marta Silvi Bergamaschi

–Sai, disse Lia, il gianduiotto a volte mi rende nervosa: cacao, latte, farina e zucchero-.

–E allora?- chiese Mirca.

–E allora una variante la si potrebbe inventare. Sono una noia infinita queste vacanze così provvisorie: la crisi, il mare, che forse odora di petrolio: Obama, povero Obama, perseguitato da chi ha speculato (ma si può estrarre il petrolio a millecinquecento metri sotto il mare?): “Distratto, assente, esitante, incompetente” e chi più ne ha, più ne metta. Non gli è mai stato perdonato di essere diventato Presidente. Che colpa ne ha lui se la Natura si ribella alla violenza dell’uomo?-

-Sai che sei molto strana, rispose pensosa Mirca, inizi la conversazione partendo da un banale gianduiotto che oltretutto gustiamo, qui, sul mare Adriatico, in Europa, dico, e, improvvisamente, mi fai un salto da Obama. Qui il petrolio non è arrivato. Maledettissimo petrolio, causa di innumerevoli guai!-

Il mare, quasi sotto il balcone, pareva ascoltare. Piccoli ricci di onde nel silenzio dell’alba, bianche e soffici come teste di anziane signore, salutavano sommesse la lunga spiaggia deserta. Ancora i bagnini non erano arrivati per pulire la sabbia e aprire gli ombrelloni. Erano le sei meno venti; verso Bellaria già si scorgeva salire dall’orizzonte il fiato rosa del sole: fra poco si sarebbe vista la testa rotonda uscire rossa dall’acqua. E il giorno iniziava. Giorno per nulla allegro, nonostante si annunciasse splendido, con eleganti voli di gabbiani, le tamerici rosa che danzavano alla brezza e la spiaggia fosse già macchiata da sagome in tuta che cercavano vongole. Così pensava Lia, in disaccordo con se stessa, con il mondo; confusa e preoccupata.

–Si può sapere che cosa ti tormenta?- chiese Mirca. Due vedove al mare, nel grazioso appartamento di Lia. Problemi? Come ogni persona: un piccolo fardello sulle spalle o una volgare mano che stringe lo stomaco.

–Mi tormenta, rispose Lia, l’incertezza che ci danza attorno, coperta di stracci come una strega. Penso ai giovani senza lavoro, senza futuro: è comodo chiamarli bamboccioni, eh! Penso agli immigrati che nel meridione percepivano poco più di due euro all’ora per lavorare i campi. Schiavi. Corsi e ricorsi: la storia inevitabilmente si ripete?-

-Certo che la storia si ripete. Il progresso, la tecnologia, il mondo è cambiato moltissimo: è l’uomo che rimane sempre se stesso. “L’uomo massa”: avido, bugiardo, impreparato, innamorato dell’apparenza: ma è sempre l’uomo protagonista della storia-.

–Basta Mirca, è faticoso anche parlare-. –Andiamocene al molo: sono quasi le sette, stanno arrivando i pescatori con cassette ricolme di pesce. E’ bellissimo comprare il pesce direttamente da chi lo pesca-. La spiaggia era deserta. I bagnini le salutavano con sorrisi ambigui: -Buona fortuna, signore belle!-

-I romagnoli aperti, laboriosi, ospitali hanno in testa il chiodo fisso del sesso. Pare che, finita la stagione, nei pochi bar che restano aperti, raccontino, con cesellato realismo, le loro avventure estive. Una cosa odiosa,- disse Lia. Ecco il porto, ecco le cassette colorate nelle quali saltellavano sarde, alici, triglie, piccole argentee sogliole. Navigava nel cielo puro una grande virgola scompigliata che metteva allegria. Disse Mirca: -Guarda, le nuvole sono disegni infantili: mia nonna diceva: li fanno gli angeli.- Risero, mentre riempivano la sporta di pesce vario: -Se ne intendono le signore, ruggirono i pescatori, sarà un fritto misto con i fiocchi-. Tornarono a casa lungo la spiaggia: il sole alto graffiava come un gatto arrabbiato. Era davvero poco simpatico pulire il pesce, tra le dita si muoveva, scappava, «sguègn», come dicono in Romagna, ossia era scivoloso come l’anguilla: -Si ribella alle nostre torture naziste,- disse Lia. Era vivo, appena rubato alla limpida immensità del mare. Alla libertà di vivere. Saltellava anche nell’olio bollente, balli diabolici, il taglio della bocca all’ingiù, un ghigno, assolutamente non voleva morire. Eppure, pensò Lia, l’unica nostra e vostra certezza è la morte. La frittura mista era splendida sul grande piatto di maiolica: dorata, croccante. La mangiarono senza appetito, rigide e immobili, sudate come un muro umido. Terminarono il pomeriggio afferrate dalla trama oscura di un ragno enorme terribilmente aggressivo: si chiamava «indigestione». S’abbandonarono all’amara spugna del silenzio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Arrivano i carabinieri: ladri in fuga

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

1commento

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

Domani, al Tardini (14.30) il Teramo. Le altre partite del Girone B

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

11commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

"Veterani dello sport"

A Malori il premio Atleta dell'anno

Per il 2015: a febbraio non aveva potuto ritirarlo per l'incidente

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Il «Galà dell'anolino» diventa un reality show Video

Una giuria formata da grandi esperti sceglierà il miglior galleggiante

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

13commenti

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

1commento

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Fanno la saltare cassa ma bruciano i soldi e rompono l'auto per la fuga

Brescia

Neonata abbandonata in strada

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti