Arte-Cultura

Un segno privato per i castelli di Barani

Un segno privato per i castelli di Barani
0

Tiziano Marcheselli

Quando mi è arrivato il bel cataloghino quadrato dell’amico Bruno Barani, architetto per conforma-
zione mentale, politico per ragioni geografiche e artista per colpa (o merito?) della foglia d’oro, ho pensato subito che i «castelli» del titolo fossero stati sognati dall’estroso Bruno durante mini-sonni magari nel corso di qualche noioso consiglio comunale, qualche trasferimento automobilistico o qualche lezione scolastica a ragazzotti che pensavano soltanto ai fatti loro (o, magari, a niente).
Mi sbagliavo, e non di poco. Intanto, i dipinti (o collage di idee, o fogli di carta antica come la strana sensibilità dell’uomo moderno e come la cultura dell’oro) sono tutti di formato centimetri settanta per settanta, e quindi non piccole tessere di un unico mosaico storico; poi, il viaggio a volo d’uccello su questa ricca fioritura di manieri, sorti nei secoli non alla rinfusa ma come tappe di vicende complesse e di evoluzioni di famiglie possenti, non è soltanto il riassunto della geografia di un territorio, ma costituisce un autentico e ponderoso tomo di una biblioteca senza confini e senza tempo.
Con la fantasia dell’ammirazione, potremmo definirli «progetti poetici» o «disegni spirituali che non diverranno mai realtà»: un po' perché realtà la sono già stata, e un po' perché i contorni di torri e merlature appaiono più come ferite indolori di lamette che come robuste balconate di pietra.
Ecco, questa, credo sia proprio la filosofia artistica di Bruno Barani, come - del resto - abbiamo recentemente constatato nella mini-mostra in uno studio di architettura in zona Centro Torri: allora erano ritratti, oggi sono castelli. ma sempre amati e familiari, a cominciare - ovviamente - dal maniero sotto casa di Montechiarugolo, visto, sognato e pensato in cinque contesti differenti; c'è il sole rosso come strappato al cielo, la torre gialla che sorge tra le quinte opache, la luce del perimetro illuminato dall’oro, i gialli familiari della luna che riscaldano una terra assopita color del cioccolato; fino al tocco estremo, essenziale: il bianco su bianco, la neve come annullamento, come silenzio del colore, come orma che sta sprofondando nella memoria di paesaggio.
Poi, le altre pagine di questo libro, antico e moderno al tempo stesso, raccontano, sempre in punta di piedi e con il pudore dell’innamorato in attesa di un cenno affettuoso, l’oro della sera a Torrechiara, con il castello giallo come la famosa «Camera d'oro» del Bembo; il trionfo della roccia vulcanica dentro e fuori Bardi, con le torri del castello che diventano prezioso gioiello; la montagna misteriosa sotto Compiano (antro di orsanti giramondo?, con il passato analizzato ai raggi X); l’antico Felino chiuso a riccio in se stesso, intorno a un intenso cortile carminio; la rocca di Sala Baganza, impaginata tra piazza e cielo; l’armonioso Fontanellato, tra i confini della acque e i disegni di un pittore paradisiaco; e le pagine volanti della principesca Soragna.
C'è tutta la storia della ricca provincia parmense, filtrata attraverso le geometrie spirituali di un architetto innamorato del segno: un segno che pian piano si è fatto alfabeto privato. Un segno come sogno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Salsomaggiore

Greta Ampollini, 13enne promessa del karate Video

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

ROGO

Fidenza, scoppia un incendio:

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti