Arte-Cultura

Il racconto della domenica - L'amore del cercatore di spugne

0

Anna Maria Dadomo

Gli sposi vengono nel parco per le fotografie. Le prime volte guardavo con curiosità queste coppie che si offrivano sorridenti ai baci, agli abbracci , al lancio del riso. Le spiavo con sofferenza e desiderio. Immaginavo lei e me, moglie e marito, in posa vicino alla fontana: lei che si appoggia al mio braccio, io che le sollevo il velo e la bacio con trasporto di fronte a tutti. Adesso mi infastidiscono quelle risa, quel chiasso. I bambini si spingono fino a questo angolo nascosto, mi sorprendono. - C’è un uomo – gridano. - C’è un barbone - e tornano indietro di corsa. Non sono solo: ho i miei ricordi, e l’ossessione del suo corpo che spesso irrompe improvviso come un’allucinazione a risvegliare una sofferenza dei sensi. Quel corpo che non ho più avuto. L’odore della sua pelle che non ho più respirato, la sua risata che non ho più sentito.
- Cosa hai fatto per avere queste occhiaie? - le avevo detto passando leggero il dorso della mano sulla sua guancia. Un brivido da lei a me. Ci siamo riconosciuti Quello stesso giorno abbiamo fatto l’amore. Con furia e intensità inusuale. Nei giorni seguenti ci siamo cercati, uniti come non bastasse mai, come volessimo fonderci uno nell’altro, annullarci.
Un giorno eravamo al fiume, prendevamo il sole, appagati, tranquilli. Lei si è alzata, si è buttata in acqua. Mi spruzzava ridendo, mi incitava a raggiungerla. Non si era tolta le collane, sfilati i bracciali. Il corpo era nudo, snello, già abbronzato, i capelli bagnati aderenti alle spalle. Mi è apparsa come una dea, una dea pagana, inafferrabile. Mia? mi chiedevo con stupore. Non mi sembrava possibile. La forza primordiale di quella emozione, la tenerezza, lo slancio con cui l’ho raggiunta, l’ho presa tra le braccia e sono stato il suo cercatore di spugne tenero e violento nella luce immensa dell’estate, mi hanno segnato per sempre. A sera, mentre rientravamo in città, ho avuto la consapevolezza che mai più avrei rivissuto quel richiamo d’amore, i sussulti del desiderio in maniera altrettanto violenta e totale. A casa tornavo sempre più tardi. Non volevo distrarmi dal pensiero di lei, non volevo che niente si intromettesse tra me e il suo ricordo recente. Tutto era vivo nella mia testa, nel mio sangue. Da solo avrei risentito il suo profumo, il suo odore, il sapore della sua saliva. Con mia moglie non avevo più fatto l’amore. Il mio corpo si ribellava. Il corpo lo sa. Il corpo ha una saggezza che bisogna ascoltare, seguire. Scivolavo sotto le coperte. Mi coricavo al suo fianco. Speravo dormisse. Restavo immobile. Tra me e lei quello spazio esiguo si dilatava, diventava immenso, invalicabile. Il mio sonno era agitato, inquieto, guardingo, come di bestia che teme un’aggressione. Una notte mi si è mostrata abbigliata con biancheria provocante. Voleva sedurmi. Ho odiato quel corpo, il sesso che esibiva mi ripugnava, ne vedevo la povertà, il ridicolo. Ho provato disgusto. Ho raccolto poche cose e me ne sono andato per sempre. Ma anche il mio amore perseguito con dedizione estrema, costruito come un ardimentoso piano di vita, è stato distrutto dalla disaffezione della mia dea. Quando ancora mi illudevo che potesse tornare, amarmi, lo scopo del mio giorno era quello di visitare i bar, i ristoranti, gli alberghi, i giardini, che insieme avevamo frequentato, e in quei luoghi per me sacri ricordare i gesti le parole, gli abiti, il cibo, i colori. Un devoto, felice, pellegrinaggio amoroso il mio. Non è mai tornata. Non so più niente di lei. Non voglio sapere com’è oggi. Quella di oggi è un’altra. È per quella d’allora che sto morendo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Sanzionata una signora 78enne che non poteva portare fuori la spazzatura e si è affidata a un vicino

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

7commenti

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

13commenti

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

1commento

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

4commenti

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

9commenti

16 dicembre

Valter Mainetti professore ad honorem dell'Università di Parma

Il conferimento alle ore 11 nell’Aula Magna dell’Ateneo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

MILANO

Cadavere di donna avvolto in cellophane in cava dismessa

Cambridge

Trovata morta ricercatrice italiana: cause naturali

SOCIETA'

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

calcio e tragedia

L'omaggio agli "angeli-campioni": Coppa sudamericana alla Chapecoense

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)