21°

Arte-Cultura

Le alte parole dei Nobel

Le alte parole dei Nobel
0

Francesca Avanzini

Disse Iosif Brodskij nel suo discorso per il conferimento del Nobel del 1987: «... per uno che ha letto molto Dickens sparare su un proprio simile in nome di una qualche idea, è impresa un tantino più problematica che per uno che Dickens non l’ha letto mai».  Mai, nelle parole di chi ha ricevuto il Nobel, c'è incitamento alla violenza. Alla giustizia, magari, alla responsabilità e alla resistenza contro la tirannide - perché, come dice Herta Müller, Nobel 2009, «più parole possiamo prenderci, più siamo liberi» - ma mai alla violenza. Parole come correttivo alle paure di qualsivoglia tipo che attanagliano la civiltà occidentale, come sprone al coraggio. Parole che spingono persone comuni, come voi e me, a trovare il fegato di testimoniare, facendole uscire, queste parole, «clandestinamente dalle prigioni, su frammenti di carta, mettendo a repentaglio la propria vita». La citazione è di Nadine Gordimer, che ricorda anche, nel suo discorso per il Nobel del 1991, come le parole siano antidoto all’egoismo: «Lo scrittore comincia a saper entrare in altre vite. Il processo di distacco e di coinvolgimento è iniziato». La democrazia, quindi, che spinge verso gli altri, lontano dal campanile e dal familismo autoprotettivo, è uguale a più libertà e più parole. E viceversa. È meritorio da parte di Daniela Padoan aver raccolto i discorsi dei premi Nobel dal 1921 fino ad oggi, con particolare attenzione a quelli che, come spiega la curatrice stessa nell’appassionata introduzione, «sembrano privilegiare un sentimento di responsabilità verso gli uomini».  Il titolo del libro «Tra scrittura e libertà», è già una dichiarazione di intenti, e fa piacere notare che dal 1921 al 2009 sono poche le date che mancano.
Il Nobel, quasi come ammortizzo e deterrenza, fu istituito nel 1901 dalla stessa persona che aveva inventato la dinamite. Non prevedeva all’inizio, per chi lo riceveva, che un breve discorso di ringraziamento, il Discorso del Banchetto. Solo nel 1921, con W.B. Yeats, invalse l’uso della lecture. In questi discorsi di accettazione, alcuni autori preferiscono parlare della propria poetica - mai avulsa dalle condizioni storiche e politiche in cui vivono - altri, come Thomas Mann nel 1929, dedicano l’onorificenza tout court al proprio paese lacerato, perché «allontanarsi dall’individuale è sempre cosa buona». Comunque li si leggano, i discorsi dei Nobel sono nutrienti, offrono spunti immediati per cambiare la propria esistenza - «che cos'è la poesia che non salva i popoli né le persone», si chiede C. Milosz - ed è convinzione diffusa da Paz a Soyinka a Mahfouz, che la letteratura, più ancora della religione e delle varie filosofie, offra risposte. Secondo Nadine Gordimer, «non esiste altra via per raggiungere la comprensione dell’essere». Sono parole alte, vertiginose, queste dei Nobel, ma mai inamidate, e se una differenza si deve cogliere, è, curiosamente, quella tra uomini e donne. Dove gli uomini tendono a essere non formali ma timidi, quasi impacciati od oberati dal peso dell’onorificenza, le donne sono concrete, parlano di cose, tirano subito dentro il discorso con esempi pratici: il fazzoletto di Herta Müller, la vecchia cieca di Toni Morrison, la ragazza assetata di Doris Lessing che legge Anna Karenina nel deserto. Tutti i premiati sono troppo intelligenti per fare discorsi d’occasione - anche perché il Nobel non viene conferito a chi eccelle formalmente, ma a chi «apporta benefici all’umanità» - e tutti, tutti ci ricordano che la cultura non è il superfluo ma l’imprescindibile. «È vivo o morto, il linguaggio?» è la domanda di Nadine Gordimer. La scrittrice sa che il «suicidio linguistico... è comune tra gli infantili capi di stato e i mercanti di potere... pronto a sollecitare la reverenza degli scolari... a evocare nel pubblico falsi ricordi di stabilità e armonia... Che sia l’oscurante linguaggio di stato o il linguaggio fantoccio di media dementi; che sia l’orgoglioso ma calcificato linguaggio dell’accademia o il linguaggio della scienza guidato dal mercato..., è il linguaggio che beve sangue... che nasconde i suoi stivali fascisti sotto crinoline di rispettabilità e patriottismo mentre avanza inesorabile verso la linea di fondo e le menti che hanno toccato il fondo. Linguaggio sessista, linguaggio razzista, linguaggio teistico: fanno tutti parte dei linguaggi della politica del dominio e non possono, e non intendono, permettere una nuova sapienza, né incoraggiare il reciproco scambio di idee». 

Tra scrittura e libertà
Editrice S.Raffaele, pag. 463,  € 21,00 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino,speziato ed elegante

IL VINO

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino, speziato ed elegante

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

assemblea

Zebre rugby: Pagliarini si dimette, la Falavigna presidente

polizia municipale

Incidente tra tre auto a Chiozzola: due feriti

anteprima gazzetta

Arsenale in casa per la banda che voleva rubare la salma di Ferrari

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

6commenti

Personaggi

Francesco Canali: "Il mio messaggio di speranza ai malati di Sla"

Il “maratoneta in carrozzina”, ha scritto un articolo per la Gazzetta, per la “sua” Gazzetta

5commenti

32a giornata

Parma-Maceratese anticipata alle 18.30 (domenica 2 aprile)

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

12commenti

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

1commento

politica

Elezioni 2017, un gruppo solo in corsa per il simbolo M5S

Solo gli "Amici di Beppe Grillo" hanno presentato richiesta entro i termini

3commenti

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

2commenti

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

2commenti

sos animali

Bocconi avvelenati: nuovo allarme in via Capelluti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

L'ora della Brexit. Non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

studio

Cucina: i libri di ricette sono pieni di errori sulla temperatura di cottura

manchester

"Ingombri la strada", il ciclista s'infuria e reagisce Video

SPORT

argentina

Pesanti insulti al guardalinee(Video): 4 turni di squalifica a Messi

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

Motori

Il lusso? Oggi veste il made in Italy di Alcantara