-2°

Arte-Cultura

Le alte parole dei Nobel

Le alte parole dei Nobel
Ricevi gratis le news
0

Francesca Avanzini

Disse Iosif Brodskij nel suo discorso per il conferimento del Nobel del 1987: «... per uno che ha letto molto Dickens sparare su un proprio simile in nome di una qualche idea, è impresa un tantino più problematica che per uno che Dickens non l’ha letto mai».  Mai, nelle parole di chi ha ricevuto il Nobel, c'è incitamento alla violenza. Alla giustizia, magari, alla responsabilità e alla resistenza contro la tirannide - perché, come dice Herta Müller, Nobel 2009, «più parole possiamo prenderci, più siamo liberi» - ma mai alla violenza. Parole come correttivo alle paure di qualsivoglia tipo che attanagliano la civiltà occidentale, come sprone al coraggio. Parole che spingono persone comuni, come voi e me, a trovare il fegato di testimoniare, facendole uscire, queste parole, «clandestinamente dalle prigioni, su frammenti di carta, mettendo a repentaglio la propria vita». La citazione è di Nadine Gordimer, che ricorda anche, nel suo discorso per il Nobel del 1991, come le parole siano antidoto all’egoismo: «Lo scrittore comincia a saper entrare in altre vite. Il processo di distacco e di coinvolgimento è iniziato». La democrazia, quindi, che spinge verso gli altri, lontano dal campanile e dal familismo autoprotettivo, è uguale a più libertà e più parole. E viceversa. È meritorio da parte di Daniela Padoan aver raccolto i discorsi dei premi Nobel dal 1921 fino ad oggi, con particolare attenzione a quelli che, come spiega la curatrice stessa nell’appassionata introduzione, «sembrano privilegiare un sentimento di responsabilità verso gli uomini».  Il titolo del libro «Tra scrittura e libertà», è già una dichiarazione di intenti, e fa piacere notare che dal 1921 al 2009 sono poche le date che mancano.
Il Nobel, quasi come ammortizzo e deterrenza, fu istituito nel 1901 dalla stessa persona che aveva inventato la dinamite. Non prevedeva all’inizio, per chi lo riceveva, che un breve discorso di ringraziamento, il Discorso del Banchetto. Solo nel 1921, con W.B. Yeats, invalse l’uso della lecture. In questi discorsi di accettazione, alcuni autori preferiscono parlare della propria poetica - mai avulsa dalle condizioni storiche e politiche in cui vivono - altri, come Thomas Mann nel 1929, dedicano l’onorificenza tout court al proprio paese lacerato, perché «allontanarsi dall’individuale è sempre cosa buona». Comunque li si leggano, i discorsi dei Nobel sono nutrienti, offrono spunti immediati per cambiare la propria esistenza - «che cos'è la poesia che non salva i popoli né le persone», si chiede C. Milosz - ed è convinzione diffusa da Paz a Soyinka a Mahfouz, che la letteratura, più ancora della religione e delle varie filosofie, offra risposte. Secondo Nadine Gordimer, «non esiste altra via per raggiungere la comprensione dell’essere». Sono parole alte, vertiginose, queste dei Nobel, ma mai inamidate, e se una differenza si deve cogliere, è, curiosamente, quella tra uomini e donne. Dove gli uomini tendono a essere non formali ma timidi, quasi impacciati od oberati dal peso dell’onorificenza, le donne sono concrete, parlano di cose, tirano subito dentro il discorso con esempi pratici: il fazzoletto di Herta Müller, la vecchia cieca di Toni Morrison, la ragazza assetata di Doris Lessing che legge Anna Karenina nel deserto. Tutti i premiati sono troppo intelligenti per fare discorsi d’occasione - anche perché il Nobel non viene conferito a chi eccelle formalmente, ma a chi «apporta benefici all’umanità» - e tutti, tutti ci ricordano che la cultura non è il superfluo ma l’imprescindibile. «È vivo o morto, il linguaggio?» è la domanda di Nadine Gordimer. La scrittrice sa che il «suicidio linguistico... è comune tra gli infantili capi di stato e i mercanti di potere... pronto a sollecitare la reverenza degli scolari... a evocare nel pubblico falsi ricordi di stabilità e armonia... Che sia l’oscurante linguaggio di stato o il linguaggio fantoccio di media dementi; che sia l’orgoglioso ma calcificato linguaggio dell’accademia o il linguaggio della scienza guidato dal mercato..., è il linguaggio che beve sangue... che nasconde i suoi stivali fascisti sotto crinoline di rispettabilità e patriottismo mentre avanza inesorabile verso la linea di fondo e le menti che hanno toccato il fondo. Linguaggio sessista, linguaggio razzista, linguaggio teistico: fanno tutti parte dei linguaggi della politica del dominio e non possono, e non intendono, permettere una nuova sapienza, né incoraggiare il reciproco scambio di idee». 

Tra scrittura e libertà
Editrice S.Raffaele, pag. 463,  € 21,00 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat