Arte-Cultura

Le alte parole dei Nobel

Le alte parole dei Nobel
0

Francesca Avanzini

Disse Iosif Brodskij nel suo discorso per il conferimento del Nobel del 1987: «... per uno che ha letto molto Dickens sparare su un proprio simile in nome di una qualche idea, è impresa un tantino più problematica che per uno che Dickens non l’ha letto mai».  Mai, nelle parole di chi ha ricevuto il Nobel, c'è incitamento alla violenza. Alla giustizia, magari, alla responsabilità e alla resistenza contro la tirannide - perché, come dice Herta Müller, Nobel 2009, «più parole possiamo prenderci, più siamo liberi» - ma mai alla violenza. Parole come correttivo alle paure di qualsivoglia tipo che attanagliano la civiltà occidentale, come sprone al coraggio. Parole che spingono persone comuni, come voi e me, a trovare il fegato di testimoniare, facendole uscire, queste parole, «clandestinamente dalle prigioni, su frammenti di carta, mettendo a repentaglio la propria vita». La citazione è di Nadine Gordimer, che ricorda anche, nel suo discorso per il Nobel del 1991, come le parole siano antidoto all’egoismo: «Lo scrittore comincia a saper entrare in altre vite. Il processo di distacco e di coinvolgimento è iniziato». La democrazia, quindi, che spinge verso gli altri, lontano dal campanile e dal familismo autoprotettivo, è uguale a più libertà e più parole. E viceversa. È meritorio da parte di Daniela Padoan aver raccolto i discorsi dei premi Nobel dal 1921 fino ad oggi, con particolare attenzione a quelli che, come spiega la curatrice stessa nell’appassionata introduzione, «sembrano privilegiare un sentimento di responsabilità verso gli uomini».  Il titolo del libro «Tra scrittura e libertà», è già una dichiarazione di intenti, e fa piacere notare che dal 1921 al 2009 sono poche le date che mancano.
Il Nobel, quasi come ammortizzo e deterrenza, fu istituito nel 1901 dalla stessa persona che aveva inventato la dinamite. Non prevedeva all’inizio, per chi lo riceveva, che un breve discorso di ringraziamento, il Discorso del Banchetto. Solo nel 1921, con W.B. Yeats, invalse l’uso della lecture. In questi discorsi di accettazione, alcuni autori preferiscono parlare della propria poetica - mai avulsa dalle condizioni storiche e politiche in cui vivono - altri, come Thomas Mann nel 1929, dedicano l’onorificenza tout court al proprio paese lacerato, perché «allontanarsi dall’individuale è sempre cosa buona». Comunque li si leggano, i discorsi dei Nobel sono nutrienti, offrono spunti immediati per cambiare la propria esistenza - «che cos'è la poesia che non salva i popoli né le persone», si chiede C. Milosz - ed è convinzione diffusa da Paz a Soyinka a Mahfouz, che la letteratura, più ancora della religione e delle varie filosofie, offra risposte. Secondo Nadine Gordimer, «non esiste altra via per raggiungere la comprensione dell’essere». Sono parole alte, vertiginose, queste dei Nobel, ma mai inamidate, e se una differenza si deve cogliere, è, curiosamente, quella tra uomini e donne. Dove gli uomini tendono a essere non formali ma timidi, quasi impacciati od oberati dal peso dell’onorificenza, le donne sono concrete, parlano di cose, tirano subito dentro il discorso con esempi pratici: il fazzoletto di Herta Müller, la vecchia cieca di Toni Morrison, la ragazza assetata di Doris Lessing che legge Anna Karenina nel deserto. Tutti i premiati sono troppo intelligenti per fare discorsi d’occasione - anche perché il Nobel non viene conferito a chi eccelle formalmente, ma a chi «apporta benefici all’umanità» - e tutti, tutti ci ricordano che la cultura non è il superfluo ma l’imprescindibile. «È vivo o morto, il linguaggio?» è la domanda di Nadine Gordimer. La scrittrice sa che il «suicidio linguistico... è comune tra gli infantili capi di stato e i mercanti di potere... pronto a sollecitare la reverenza degli scolari... a evocare nel pubblico falsi ricordi di stabilità e armonia... Che sia l’oscurante linguaggio di stato o il linguaggio fantoccio di media dementi; che sia l’orgoglioso ma calcificato linguaggio dell’accademia o il linguaggio della scienza guidato dal mercato..., è il linguaggio che beve sangue... che nasconde i suoi stivali fascisti sotto crinoline di rispettabilità e patriottismo mentre avanza inesorabile verso la linea di fondo e le menti che hanno toccato il fondo. Linguaggio sessista, linguaggio razzista, linguaggio teistico: fanno tutti parte dei linguaggi della politica del dominio e non possono, e non intendono, permettere una nuova sapienza, né incoraggiare il reciproco scambio di idee». 

Tra scrittura e libertà
Editrice S.Raffaele, pag. 463,  € 21,00 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

14commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti