Arte-Cultura

Ugo e i suoi amati pittori

Ugo e i suoi amati pittori
Ricevi gratis le news
0

In una bella palazzina liberty su uno dei viali della città ha aperto, a Viareggio, il Centro Matteucci per l’Arte Modena con una mostra dedicata ai capolavori della collezione Ojetti.
Questo primo appuntamento è stato considerato il manifesto programmatico dell’attività della nuova associazione culturale, fondata e voluta da Giuliano Matteucci, conoscitore della pittura italiana dell’Ottocento. L’idea di base si prefigge di indagare, documentare e presentare nel tempo l’arte moderna, con occhio al periodo che va dall’Unità d’Italia agli inizi del nuovo secolo, valorizzando il collezionismo d’epoca. Un progetto ambizioso che ha trovato interessante conferma in questa proposta inaugurale: «Da Fattori a Casorati. Capolavori della collezione Ojetti». Due i «momenti» particolari che si possono individuare nell’esposizione. Da un lato la volontà di ricostruire uno spaccato il più possibile rappresentativo di quanto il collezionista aveva riunito nella magnifica villa Il Salviatino, sui colli fiorentini di Settignano e dall’altro un’indagine attraverso le scelte fatte di una nota personalità, quella dello scrittore e critico, per trent'anni responsabile delle pagine culturali del Corriere della Sera. Compito non facile il primo poiché, già all’indomani della morte di Ojetti, avvenuta nel 1946, il patrimonio fu oggetto di una dispersione. La villa stessa, arredi, opere d’arte e il grande archivio, vennero ceduti in momenti e ad acquirenti diversi, rendendo difficile per i posteri risalire all’intero complesso artistico-documentario. Oggi, con un allestimento che riporta all’idea della casa museo, il percorso espositivo si presenta ricco di suggestioni in quanto per la prima volta a distanza di quasi mezzo secolo, si possono vedere riuniti i pezzi più rappresentativi del corpus moderno - e dunque essenziale - della collezione. Inoltre i risultati della lunga ricerca effettuata negli archivi privati consentono di tracciare la fisionomia di un’esperienza collezionistica unica, non solo perché puntuale riflesso di quei principi di un classicismo neo-tradizionalista che guidavano la disposizione critica di Ojetti, ma soprattutto perché proiezione del suo rapporto elettivo con gli artisti prediletti, conseguenza di una nuova concezione del ruolo del critico d’arte. In mostra un buon numero di opere di Fattori, dalle tavolette macchiaiole degli anni Sessanta ai paesaggi più tardi, che contribuiscono a mettere in evidenza una passione per l’Ottocento libero ormai dalle convenzioni dell’Accademia e tutto teso a riconquistare la luce del vero, la modernità dei temi e la libertà d’espressione del sentimento attraverso una pittura rivolta sì all’ordine nella forma ma senza discapito per la natura e la forza comunicativa dell’immagine. Elementi che ben si delineano anche in alcune altre opere di Boldini, Zandomeneghi, De Nittis, Telemaco Signorini. Accanto «La passeggiata al Muro Torto» di Puccinelli, il «Ritratto della signora Comino» di Domenico Morelli o «Eleonora Tommasi» di Silvestro Lega, «Il Prato dello Strozzino» di Abbati, «Mietitura» di Borrani, «Marina con barche e pescatori», di Cabianca, fino a quel Novecento «classico» che Ojetti sostenne e promosse, e che è testimoniato in mostra con nomi che sono stati protagonisti del tempo: Antonio Donghi, di cui si sono ritrovate due opere che si credevano disperse, «Il Pappagallo» e «La Massaia», Ubaldo Oppi con lo splendido ritratto della moglie, una natura morta inedita di Cipriano Efisio Oppo, fino alle sculture di Libero Andreotti - il gesso raffigurante il ritratto di Fernanda Ojetti (1915), moglie del collezionista, accoglie il visitatore - ed Antonio Berti. Da citare ed ammirare un capolavoro di Felice Casorati quale «Daphne», il primo dipinto che l’artista dedica all’allieva inglese divenuta, poi, sua moglie. Scelte tutte che accompagnano una passione per l’arte destinata a trovare ampi riferimenti nella rappresentazione di Ojetti da parte degli artisti e degli artisti stessi da parte di Ojetti che ne dà immagini «visive» con la sua celebre penna.
Un aspetto quest’ultimo che va ricordato per l’amore che il critico, scrittore, collezionista ed appassionato ideatore di mostre ha impresso al proprio lavoro al di là del nucleo centrale della sua collezione. Un’impronta suggerita dall’allestimento, dalle immagini che offrono gli artisti dell’uomo, in ritratti come Ugo Ojetti nello studio, di Oscar Ghiglia, che svela, oltre al probabile, sapiente indirizzo dato dal critico al giovane autore, anche un piccolo dramma di lagnanze da parte dei committenti destinate a fare del dipinto uno splendido incompiuto. Questo e molto altro svela la mostra visibile fino al 12 settembre, promossa dal Centro Matteucci per l’Arte Moderna con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, del Comune di Viareggio, in coproduzione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, che la ospiterà  presso la Pinacoteca della Fondazione dal 25 settembre al 28 novembre. Accompagna l’esposizione, a cura di Giovanna De Lorenzi, un ampio catalogo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

calcio

Il Parma s'accontenta

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande