14°

Arte-Cultura

Il San Quirino ritrovato

Il San Quirino ritrovato
Ricevi gratis le news
0

di Renato Cutri

L’ex oratorio di San Quirino, piccolo gioiello del primo Settecento, ha riaperto le sue porte dopo decenni di chiusura e di usi impropri. Il Comune lo ha affidato a un’associazione culturale per aprire anche a Parma un Urban Center. Questa sera, alle 21,30  nell’ex oratorio,  Carlo Mambriani -  professore associato di Storia dell’architettura presso l’Università di Parma e tra i fondatori del Puc - terrà una lezione con immagini  dal titolo «L’oratorio di San Quirino, vicende di un oratorio confraternale dal Basso Medioevo a oggi». Seguirà  una visita guidata alla mostra «Parma 2020» da parte dei curatori Francesco Manfredi, Dario Costi, Luca Boccacci e Michele Zazzi.

Professor  Mambriani, quali furono  le origini dell'Oratorio?

«La struttura attuale fu consacrata nel 1734, ma la storia del luogo di culto è ben più antica. La fondazione del primo oratorio risale a quasi settecento anni fa. Allora la città era più piccola e questo luogo era quasi in periferia, tra una delle porte della città e il torrente. Qui era sorto un ponte, detto dei Salari, difeso da un torrione e qualcuno, forse soldati tedeschi, dipinse un’immagine di San Quirino, che presto fu venerata come miracolosa. A fianco del più antico oratorio, proprietà dei vicini padri Carmelintani, ne sorse un altro, officiato da una confraternita di laici. Per secoli essi rimasero contemporaneamente in uso, ma nel 1718 i confratelli decisero di sfruttare entrambe le aree e costruire un tempio più vasto».

A chi si deve il progetto dell’edificio attuale?

«Ci fu una specie di concorso, cui parteciparono Abbondio Bolla, un capomastro, Edelberto dalla Nave, figlio di un funzionario del Comune, e il conte Del Becco, dilettante di architettura. Dopo molte traversie e incomprensioni prevalse il disegno di Dalla Nave, che è ancora conservato tra le carte della Confraternita in Archivio di Stato. Forse durante l’esecuzione ci furono ripensamenti, dovuti ai soliti problemi finanziari e al crollo parziale della sagrestia, per colpa di una paurosa piena nel 1732. Così, alla fine, la facciata fu realizzata seguendo un’idea meno costosa. Ma l’interno è conformato in maniera piuttosto fedele all’idea originaria».

Nonostante il degrado dovuto a tanti anni d’incuria, le decorazioni visibili sembrano pregevoli...

«Gli affreschi, anche se molto ridipinti nell’Ottocento, si devono a Giovanni Bolla, pittore attivissimo e celebre del primo Settecento parmense, gli stucchi a Pietro Reti, discendente dalla celebre stirpe di stuccatori lombardi che lasciarono tante opere nella nostra città. C’erano anche quadri di Clemente Ruta e Pietro Righini, due dei quali sono oggi conservati in Comune...».

Si deve al fatto che la proprietà dell’edificio è comunale?

«Sì, dal 1912, quando molte confraternite laicali furono soppresse e il loro patrimonio espropriato a fini pubblici: è la stessa ragione per cui il Comune possiede anche l’oratorio di Santa Maria delle Grazie, in Via Farnese, e la chiesa di San Vitale, in Strada della Repubblica. Dopo una lunga serie di usi impropri e disattenzione, l’Amministrazione ha deciso che la struttura doveva essere recuperata. Abbiamo condiviso la proposta di riaprirla al pubblico, e farne un Urban Center per la nostra città».

Di cosa si tratta?

«Come in molte città grandi e medie del mondo occidentale, anche Parma disporrà di un luogo destinato a chi vuole informarsi sulle scelte pubbliche in fatto di architettura, di ambiente e di urbanistica. È uno spazio di comunicazione, confronto e dibattito su temi che sembrano molto tecnici, ma toccano nel profondo l’esistenza di ciascuno di noi. La nostra associazione nasce due anni fa dall’idea di alcuni giovani docenti delle Facoltà di Architettura e Ingegneria e di alcuni loro collaboratori: abbiamo molte iniziative da portare a compimento nei prossimi mesi e San Quirino, con la sua posizione centralissima, sarà una vetrina preziosa...».

Perché non è stato compiuto un restauro completo degli interni?

«Vogliamo essere chiari su questo punto: l’edificio non è stato restaurato, ma semplicemente ripulito e ripristinato nelle coperture e negli impianti. Un restauro completo comporterebbe una cifra ingente, molto difficile da racimolare. Questa però non poteva essere una scusa per ritardare ancora la riappropriazione da parte della città di questo spazio affascinante. Per ora abbiamo accettato il suo stato quasi di “rovina archeologica”, con una sensibilità del tutto contemporanea, che è stata apprezzata anche dai colleghi francesi, architetti e storici dell’arte della Sorbona, che hanno visitato il cantiere in anteprima a metà giugno. L’unica aggiunta è un perimetro trasparente in cristallo, funzionale sia per proteggere e valorizzare l’architettura storica, sia per applicare su speciali pellicole adesive i materiali delle nostre mostre. Siamo fieri di aver lavorato gratuitamente a ogni aspetto del progetto e dell’allestimento, consegnando, in collaborazione con il Comune e la Soprintendenza, un nuovo spazio culturale in soli cinque mesi».

Quando cittadini e turisti potranno ammirare l’interno del monumento?

«La prima mostra ha inaugurato nei giorni scorsi scorsa ed è aperta a ingresso libero da martedì a venerdì dalle 10 alle 12,30, e dalle 17 alle 19,30, mentre il sabato l’orario è continuato dalle 10 alle 18. Questa sera, alle 21,30, apertura notturna con immagini proprio sulla storia dell’oratorio. È una richiesta dell’Assessore Manfredi alla quale abbiamo aderito con piacere. Nell’occasione, chi lo vorrà, potrà anche visitare l’esposizione sul PSC, il nuovo strumento urbanistico in corso di elaborazione, arricchita dai primi risultati di ricerche già avviate in città, da parte della nostra associazione e degli ordini degli Architetti e degli Ingegneri».


 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è tanto ritmo al Jamaica

FESTE PGN

C'è tanto ritmo al Jamaica Foto

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

TELEVISIONE

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

Foto con Romina, Lecciso lascia Al Bano, lo rivela 'Oggi'

gossip

La Lecciso lascia Al Bano. Colpa di Romina

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Striscia torna a Parma,  i musulmani:  "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

"crociata al contrario"

Striscia torna a Parma, i musulmani: "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

i nuovi arrivati

Faggiano: "Mercato per fare il salto: ora solo uscite" Il videocommento di Piovani - Ciciretti, i gol (video)

mercato

Parma, ultimo colpo: preso il centrocampista Anastasio

sabato

In treno (e pullman) a Cremona: quando la trasferta (e la rivalità) è vintage Tutte le info

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

anteprima gazzetta

Smartphone alla guida: incivile e...pericoloso Video

1commento

politica

Elezioni, domenica sera la lista dei partiti in lizza per il Parlamento Video

CARABINIERI

In casa con l'arsenale: arrestato

In manette un tunisino 48enne

1commento

SORBOLO

Auto fuori strada a Enzano: un ferito

gazzareporter

Via Doberdò, dove la segnaletica stradale viene ignorata: pericolo e poca disciplina Gallery

5commenti

lutto

Addio Bruno, spirito guerriero e animo gentile: aveva 49 anni

L'INCHIESTA

Alluvione, il pm: «Pizzarotti non lanciò mai l'allarme, nemmeno dopo il crollo del ponte della Navetta»

2commenti

MEDICINA

Uno spray imita lo smog e porta i farmaci al cuore: scoperta (anche) parmigiana

5 STELLE

Parlamentarie: la rabbia degli esclusi di Parma Video

3commenti

PARMA

Tabaccaio prende una mazza e mette in fuga il rapinatore 

TECNOLOGIA

Custom, fatturato oltre 130 milioni

Acquisito il 52% di power2Retail

UNIVERSITÀ

Andrei: «Nuovo corso di laurea dedicato al food»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I richiami dell'Europa e le condizioni italiane

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

milano

Torna casa il "caracat" sequestrato dai carabinieri

FUORIPROGRAMMA

Il Papa sposa in volo una hostess e uno steward cileni

SPORT

SERIE B

Anticipi e posticipi: "ritocchi" anche al calendario del Parma in febbraio

FORMULA 1

La Ferrari e... il fattore ex. Perché ha vinto Hamilton

SOCIETA'

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

GAZZAFUN

Occhio al trabocchetto, è un quiz per secchioni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

moto

Yamaha MT-09 SP: la prova