-2°

Cultura

Dario Fo: «In cielo a veder Correggio»

Dall'archivio della Gazzetta di Parma (12 giugno 2016) - Il più rappresentato degli autori viventi racconta il pittore. Come lui solo sa fare

Dario Fo

Dario Fo

Ricevi gratis le news
0

Addio a Dario Fo. Il premio Nobel per la Letteratura tornò a Parma nel 2010 con uno spettacolo sul Correggio. Riproponiamo l'intervista di Mara Pedrabissi pubblicata il 12 giugno 2010. 

Mara Pedrabissi

L'uomo che parlava il “grammelot” racconta l'uomo che dipingeva appeso in cielo. Ovvero Dario Fo da Sangiano (Varese), classe 1926, narra di Antonio Allegri da Correggio, classe 1489. Così è, se vi pare, quando il genio incontra il genio e insieme si mettono a parlare il linguaggio senza tempo e senza età della poesia. Debutta nella nostra città (poteva essere differente?) «Correggio che dipingeva appeso in cielo», spettacolo della Compagnia teatrale Fo-Rame, di e con Dario Fo, per la regia multimediale di Felice Cappa. Due date - il 23 e 24 giugno - che brillano come stelle nel firmamento di «Sotto il cielo di Parma - Al Parco Ducale» organizzato per il Comune di Parma dall'Assessorato alla cultura di Luca Sommi.
Dario, ci siamo incontrati l'ultima volta a Parma nello scrigno del Teatro Farnese e ora torna con uno spettacolo tutto nuovo sul Correggio
«Sì, credo sia il primo spettacolo didattico-scientifico sul Correggio che viene messo in scena. Ma prima di tutto voglio dire che mi dà grande onore ritrovarmi in una kermesse con cantori di rilevanza mondiale come Bob Dylan e Paolo Conte che mi precedono»
L'idea è venuta visitando la mostra di Parma?
«Ci sono stati testi importanti sul Correggio ma, essendo legati alla categoria degli studiosi del settore, non sono stati divulgati. Me ne sono reso conto quando sono venuto a vedere quella splendida mostra, salendo fino a 18 metri d'altezza nella Cattedrale per ammirare le Cupole. Lì ho condotto un'inchiesta e ho capito che intorno al Correggio e alla storia di quell'epoca vi è una conoscenza limitata».
Da dove muove il canovaccio dello spettacolo dunque?
«Inizio raccontando di questo pittore rimasto praticamente sconosciuto fino alla prima metà del Novecento, tanto che le opere che gli venivano attribuite erano poche e tra le meno importanti. La parte più pregiata della sua produzione, come L'educazione di Cupido o Il ratto di Ganimede, era stata smembrata e affibbiata a grandissimi come Tiziano o Raffaello. E questo perchè le pitture di Correggio, specie quelle “erotiche” sugli amori degli Dei, erano troppo raffinate per essere congeniali a un contadino, figlio di un venditore ambulante. Ecco, qui sta la chiave di lettura dello spettacolo: mostrare come questo pittore, nato da umile famiglia, ad un certo punto abbia imboccato la via della svolta grazie alla frequentazione di persone di cultura, esponenti della vita universitaria del tempo, da Parma a Bologna. Le sue conoscenze sono poi state esaltate dall'incontro con i Monaci Benedettini di Parma, allora i più avanzati nella conoscenza».
Facciamo un salto di un po' di secoli e il messaggio resta di uguale efficacia oggi: la cultura ci riscatta, l'ignoranza ci fa perdere.
«Infatti ci sono molte allusioni dirette alla società attuale. Ci sono dei momenti in cui il pubblico, che è scaltro, capirà l'ironia proiettata da quel tempo al nostro tempo»
A proposito di cultura, vincendo il Nobel nel 1997, ci ha donato un'emozione forte, con quell'annuncio arrivato in tv, mentre faceva una trasmissione...
«Adesso la tv non c'è più. Questo spettacolo lo abbiamo proposto per la tv, veniva praticamente a costo zero. Non l'hanno voluto. Ma lo faremo noi, a nostre spese: diventerà un dvd. Tra l'altro la collezione dei dvd con i vecchi spettacoli nostri sta andando benissimo nelle edicole»
Dei teatranti, nel senso più nobile del termine, che si ispirano a Fo, cioè Paolini, Baliani, Ascanio Celestini, Paolo Rossi chi considera il suo l'erede... Paolo Rossi?
«Noooo (risata fortissima, ndr), anche gli altri. Quando ci incontriamo, alcuni mi chiamano “papà”».
Bellissimo, davvero. Però Dario Fo è anche papà nella vita (di Jacopo, figlio di Franca Rame, ndr). Che padre è?
«Mah, spero di essere civile, moderno, partecipe dei problemi di mio figlio. Adesso sono da lui, abbiamo instaurato un buon rapporto. Poi ha delle figliole bellissime, intelligenti e una è già madre. Così sono bisnonno, di Matilde. Si chiama come la vostra Matilde di Canossa, su cui ho fatto anche uno spettacolo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi in centro: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere fuori servizio

1commento

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

20commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa