Cultura

Dario Fo: «In cielo a veder Correggio»

Dall'archivio della Gazzetta di Parma (12 giugno 2016) - Il più rappresentato degli autori viventi racconta il pittore. Come lui solo sa fare

Dario Fo

Dario Fo

0

Addio a Dario Fo. Il premio Nobel per la Letteratura tornò a Parma nel 2010 con uno spettacolo sul Correggio. Riproponiamo l'intervista di Mara Pedrabissi pubblicata il 12 giugno 2010. 

Mara Pedrabissi

L'uomo che parlava il “grammelot” racconta l'uomo che dipingeva appeso in cielo. Ovvero Dario Fo da Sangiano (Varese), classe 1926, narra di Antonio Allegri da Correggio, classe 1489. Così è, se vi pare, quando il genio incontra il genio e insieme si mettono a parlare il linguaggio senza tempo e senza età della poesia. Debutta nella nostra città (poteva essere differente?) «Correggio che dipingeva appeso in cielo», spettacolo della Compagnia teatrale Fo-Rame, di e con Dario Fo, per la regia multimediale di Felice Cappa. Due date - il 23 e 24 giugno - che brillano come stelle nel firmamento di «Sotto il cielo di Parma - Al Parco Ducale» organizzato per il Comune di Parma dall'Assessorato alla cultura di Luca Sommi.
Dario, ci siamo incontrati l'ultima volta a Parma nello scrigno del Teatro Farnese e ora torna con uno spettacolo tutto nuovo sul Correggio
«Sì, credo sia il primo spettacolo didattico-scientifico sul Correggio che viene messo in scena. Ma prima di tutto voglio dire che mi dà grande onore ritrovarmi in una kermesse con cantori di rilevanza mondiale come Bob Dylan e Paolo Conte che mi precedono»
L'idea è venuta visitando la mostra di Parma?
«Ci sono stati testi importanti sul Correggio ma, essendo legati alla categoria degli studiosi del settore, non sono stati divulgati. Me ne sono reso conto quando sono venuto a vedere quella splendida mostra, salendo fino a 18 metri d'altezza nella Cattedrale per ammirare le Cupole. Lì ho condotto un'inchiesta e ho capito che intorno al Correggio e alla storia di quell'epoca vi è una conoscenza limitata».
Da dove muove il canovaccio dello spettacolo dunque?
«Inizio raccontando di questo pittore rimasto praticamente sconosciuto fino alla prima metà del Novecento, tanto che le opere che gli venivano attribuite erano poche e tra le meno importanti. La parte più pregiata della sua produzione, come L'educazione di Cupido o Il ratto di Ganimede, era stata smembrata e affibbiata a grandissimi come Tiziano o Raffaello. E questo perchè le pitture di Correggio, specie quelle “erotiche” sugli amori degli Dei, erano troppo raffinate per essere congeniali a un contadino, figlio di un venditore ambulante. Ecco, qui sta la chiave di lettura dello spettacolo: mostrare come questo pittore, nato da umile famiglia, ad un certo punto abbia imboccato la via della svolta grazie alla frequentazione di persone di cultura, esponenti della vita universitaria del tempo, da Parma a Bologna. Le sue conoscenze sono poi state esaltate dall'incontro con i Monaci Benedettini di Parma, allora i più avanzati nella conoscenza».
Facciamo un salto di un po' di secoli e il messaggio resta di uguale efficacia oggi: la cultura ci riscatta, l'ignoranza ci fa perdere.
«Infatti ci sono molte allusioni dirette alla società attuale. Ci sono dei momenti in cui il pubblico, che è scaltro, capirà l'ironia proiettata da quel tempo al nostro tempo»
A proposito di cultura, vincendo il Nobel nel 1997, ci ha donato un'emozione forte, con quell'annuncio arrivato in tv, mentre faceva una trasmissione...
«Adesso la tv non c'è più. Questo spettacolo lo abbiamo proposto per la tv, veniva praticamente a costo zero. Non l'hanno voluto. Ma lo faremo noi, a nostre spese: diventerà un dvd. Tra l'altro la collezione dei dvd con i vecchi spettacoli nostri sta andando benissimo nelle edicole»
Dei teatranti, nel senso più nobile del termine, che si ispirano a Fo, cioè Paolini, Baliani, Ascanio Celestini, Paolo Rossi chi considera il suo l'erede... Paolo Rossi?
«Noooo (risata fortissima, ndr), anche gli altri. Quando ci incontriamo, alcuni mi chiamano “papà”».
Bellissimo, davvero. Però Dario Fo è anche papà nella vita (di Jacopo, figlio di Franca Rame, ndr). Che padre è?
«Mah, spero di essere civile, moderno, partecipe dei problemi di mio figlio. Adesso sono da lui, abbiamo instaurato un buon rapporto. Poi ha delle figliole bellissime, intelligenti e una è già madre. Così sono bisnonno, di Matilde. Si chiama come la vostra Matilde di Canossa, su cui ho fatto anche uno spettacolo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gara a Bologna, "Scrivi un film per Ambra Angiolini"

cinema

Gara a Bologna: "Scrivi un film per Ambra Angiolini" Video

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

feste

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

parma-bassano

Traversa di Ricci, occasione gol con Nocciolini: il Parma inizia in avanti Diretta

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

6commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

3commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

3commenti

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

6commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

4commenti

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

bologna

Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

dopo il furto

Ritrovato il cancello del campo di concentramento di Dachau

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

1commento

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery