-4°

Arte-Cultura

Giambattista tra maghi e serpenti

Giambattista tra maghi e serpenti
0

 di Pier Paolo Mendogni

A Udine Giambattista Tiepolo (1696-1770) è di casa. Lo ritroviamo nelle stupende scene bibliche che decorano il Palazzo Vescovile, nei quadri con la Trinità e i santi patroni Ermagora e Fortunato in Duomo, nei dipinti allegorici e rappresentativi del Museo. Così il Comune sta portando avanti un progetto, denominato le «Giornate del Tiepolo», che quest’anno è dedicato ad una attività molto particolare dell’artista veneziano, quella delle acqueforti con soggetti criptici sconcertanti e cariche di misteriose tensioni. «Giambattista Tiepolo tra scherzo e capriccio» «Disegni e incisioni di spiritoso e saporitissimo gusto» si intitola la rassegna allestita (fino all’11 ottobre) nel Castello, a cura di Cristina Donazzolo Cristante e Vania Gransinigh alle quali si deve pure il catalogo Electa. Sulla data di esecuzione dei «Capricci» e degli «Scherzi di Fantasia» gli studiosi sono da lungo tempo divisi; la scoperta di alcuni documenti ha portato ultimamente a fissare l'incisione dei Capricci intorno al 1733 e quella degli Scherzi intorno al 1750. L’abilità di disegnatore e di incisore del Tiepolo era nota e molto apprezzata, tanto che in un’asta del 1775, poco dopo la sua morte, sono stati acquistati ben 190 esemplari per il «Cabinet du Roi», ossia la collezione del Re di Francia. Rodolfo Pallucchini, sommo esperto dell’arte veneta, ha sottolineato come Giambattista fosse uno di quegli artisti incisori che utilizzavano il mezzo calcografico come linguaggio espressivo personale, pienamente autonomo e alternativo a quello pittorico. Tiepolo, scriveva, «fu un disegnatore fecondissimo: un continuo assillo lo spinse ad esprimersi col carboncino o colla sanguigna, sia per impadronirsi d’ogni segreto della forma, sia per abbandonarsi liberamente ad una necessità di canto. Anche la sua attività incisoria corrisponde a tale esigenza intima, inafferrabile, estremamente spirituale: l’esigenza d’espressione poetica». Capricci e Scherzi sono trentatrè racconti di un’infiammante fantasia che ancora oggi restano avvolti nel mistero, per cui spesso sono stati liquidati come semplici divertimenti, pur riconoscendone l’altissima qualità grafica, come ricorda Hind nella sua «History of Engraving and Etching»: «la loro composizione equilibrata di impianto triangolare, la leggerezza del tocco e della fantasia danno un’idea veritiera del genio di Tiepolo per la combinazione decorativa». Le dieci stampe dei Capricci, pubblicate per la prima volta nel 1743 da Anton Maria Zanetti, non hanno un tema comune. Ecco, ad esempio, un giovane soldato con la spada seduto vicino ad un antico vaso istoriato (di cui è esposto anche il disegno) che ci osserva un po' inquieto, con alle spalle una donna dal seno scoperto che si volta a guardare tre anziani su uno sfondo di rovine. Diversi fogli hanno come soggetto giovani militari con spade, bandiere, insieme a donne in vari atteggiamenti come quella nobile figura in piedi, dallo sguardo ieratico, che posa la mano su un vaso ignorando la presenza dei militari. Alla mitologia pastorale sembra alludere la donna seduta per terra (una satiressa) che con una mano accarezza il piccolo satiro dormiente e con l’altra sostiene uno specchio mentre dietro di lei si sta allontanando un caprone; suscita angoscia lo scheletro che seduto per terra con un libro aperto guarda un gruppo di persone che l’osservano come ipnotizzate, temendo la chiamata della morte. E' un periodo questo in cui a Venezia si discute di stregoneria e magia, anche se il riformismo illuminato attacca la superstizione in nome della ragione, ma la conoscenza dei libri magici era molto diffusa da tempo creando inquietudini occulte. Con gli «Scherzi» Tiepolo ha raggiunto il massimo della fama come incisore per inventiva e virtuosismo. Le scene da lui realizzate colpiscono per il loro fascino ermetico accentuato da richiami allegorici ma anche per le superfici luminose, come la sua pittura, emergenti dalla delicatezza dei segni fitti e sottili. Le stampe sono state eseguite in più riprese come dimostra anche il mutamento dei soggetti. Un gruppo, ad esempio, è costituito da famiglie di satiri piuttosto allegri e un forte rilievo plastico viene dato al satiro stretto fra una baccante e una ninfa. La scena con una donna seduta ai piedi di un albero con un bimbo in braccio e un vecchio alle spalle potrebbe far pensare alla Sacra Famiglia, ma la presenza di una faretra coi dardi e di un gufo le conferisce uno spiazzante significato enigmatico come la scena in cui un giovane, deposte le armi, osserva un anziano seduto che tiene con una catena una scimmia; splendido è il disegno che può apparire preparatorio così come quello della folla che guarda stupefatta i serpenti arrotolati intorno ai bastoni o uscenti dai vasi: il serpente è un motivo usato spesso. In diverse scene i personaggi indossano copricapi e costumi orientali e col loro atteggiamento fanno pensare a esoteriche pratiche di magia che affascinano e intrigano. 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

DATI

Collecchio, boom di nascite

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

25commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery