-5°

Arte-Cultura

Mafia, cancrena del Bel Paese

Mafia, cancrena del Bel Paese
0
Francesca Carra
David Lane, inglese, trapiantato in Italia dal 1972, è il corrispondente del quotidiano «The Economist» e da oltre 30 anni si occupa di mafia. Ha girato in lungo e in largo il sud ripercorrendo i luoghi delle stragi, ma anche dei delitti «minori», ricostruendo meticolosamente i fatti, per narrare eventi tragici ma illuminanti di un intreccio inestricabile fra mafia, economia e politica italiana, per chiedersi alla fine se ci sia una speranza concreta di poter recidere quei legami e liberare il Mezzogiorno dalla causa principale della sua atavica arretratezza. 
Lane ci offre un libro-inchiesta, ricco di dati e testimonianze, sulla mafia degli ultimi decenni raccontata per località geografica. Si parte dalla mafia più potente e antica, Cosa Nostra di Sicilia, per arrivare alla 'Ndrangheta calabrese, la più feroce e imperscrutabile, transitando per la Puglia con la sua Sacra Corona Unita, la più debole perché meno ramificata, per finire con la Camorra campana, mafia di città, la meglio infiltrata nella politica e nell’economia, perchè flessibile e capace di adattarsi ai cambiamenti. Il risultato di tutto ciò è comunque sempre lo stesso: miliardi di euro che arrivano nelle tasche delle organizzazioni mafiose da estorsioni, commercio di droga, traffico di rifiuti, appalti pubblici, contrabbando. E che planano al nord per riciclarsi in attività «pulite». 
Il prezzo per il paese è altissimo: non si contano i morti di stragi, assassinii, regolamenti di conti. Vittime illustri: Giovanni Falcone, Piero Borsellino, Pio La Torre, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Piersanti Mattarella, Giorgio Ambrosoli, don Pino Puglisi (solo per citare alcuni dei tanti nomi riportati nel libro). Ma Lane cita anche parenti innocenti di pentiti, ammazzati perchè così usa fare la Camorra o sicari freddati in agguati senza scampo. Ma, soprattutto, la mafia sembra non conoscere crisi. E si chiede: come è possibile che una democrazia matura come la nostra non l’abbia ancora sconfitta?
 La risposta gliela offre l’arcivescovo di Messina Giovanni Marra: «l'influenza principale viene dalla società in cui la gente vive e dalle famiglie in cui crescono i bambini». C'è dunque bisogno di un cambiamento profondo, di cui ci sono in giro solo tracce, come le cooperative di giovani che lavorano i terreni confiscati alla mafia, ma che fanno fatica a vendere i loro prodotti perchè il resto del paese è indifferente. 
E con amarezza Lane si chiede che paese è mai questo, in cui si continuano a tributare onori a Giulio Andreotti dopo le molte traversie giudiziarie nelle quali è stato implicato e  - si chiede ancora Lane - nel cui Senato siedono Salvatore Cuffaro e Marcello Dell’Utri, condannati per i loro presunti favori all’onorata società. 
A chi credere? Al regista napoletano Francesco Rosi autore di tanti film sulla mafia, che dice che la lotta si può vincere o al giudice Scarpinato che indica il male oscuro dell’Italia nella collusione sistematica tra mafia e politica e nella «criminalità della sua classe governante»? 
C'è stato un momento in cui la mafia poteva essere sconfitta, dopo gli omicidi di Falcone e Borsellino, scrive Lane. Il paese sembrava li li per insorgere, ma prevalse la rassegnazione. Ed è rassegnato anche l’autore che chiude il suo libro chiedendosi come possa ancora sopravvivere la speranza in un cambiamento. 
Terre profanate
Laterza, pag. 33918,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

2commenti

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

Lega Pro

Parma tra novità e cerotti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

20commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

Cinema

Caschi made in Parma per «Alien»

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Francesca che dall'ospedale aspetta il suo Stefano

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto