11°

personaggi

Giovannino contro Giovannino

Le autocaricature di Guareschi: lezione di ironia delle più genuine

Giovannino contro Giovannino
Ricevi gratis le news
0
 

«Adesso vi racconto tutto di me». Così inizia lo straordinario risvolto di copertina di «Don Camillo e il suo gregge», secondo fortunatissimo volume della saga più popolare del ‘900 italiano. E così potrebbe cominciare anche il racconto della lunga serie di autocaricature che Giovannino Guareschi fece di sé stesso, con la medesima ironia che usava per i trinariciuti, le vedovone o gli improbabili sovrani degli «Stati piccolissimi». Caricature spesso fantastiche, a volte impietose o struggenti, ma sempre divertentissime. Nella serie dei disegni emerge il tratto che cambia: la prima immagine è quella di un giovane Guareschi che posa fiero accanto alla fida bicicletta, di fronte al fabbricato di Borgo del Gesso dove ha vissuto la sua «bohème» parmigiana e, parlando di sé, diceva: «Ero giovane e bellissimo e marciavo in knickerbockers». Il segno è forte, diretto, lascia poco spazio all’immaginazione, ma la figura è tenera, quasi ingenua. È il ritratto di un giovanotto che vive le proprie giornate fra le discussioni con Attilio Bertolucci, Cesare Zavattini, don Giovanni Drei, Pietrino Bianchi, Maurizio Alpi e la tristezza del sottotetto dove abita, con la malefica trave dove aveva dovuto appiccicare il cartello con il semplice monito: «calma!» dopo l’ennesima capocciata. Il lavoro alla Gazzetta lo stava per portare lontano, in quella Milano dove conoscerà fortuna e fama. Di qui il passaggio è brusco: arriva il Giovannino fatto di aria e di sogni che cammina, infagottato in un cappottone sdrucito davanti alla torretta del lager. E il segno diventa quasi aspro, secco, sintetico, commosso nel raccontare quella miseria e quel dolore, nella figura curva, stanca, smagrita, dalla quale spiccano solo i grandi baffi ad ala di rondone, tesi verso un futuro incerto, ma comunque puntati, come antenne, verso quella speranza che mai abbandonò Guareschi nei lager nazisti, e i passi vanno nella direzione opposta allo sguardo della sentinella sulla torre, fuori dalla prigionia, diretti a quel luogo dove Giovannino avrebbe ritrovato la sua famiglia ad aspettarlo, riunita come nel disegno che doveva far da copertina a «Le osservazioni di uno qualunque», con Guareschi che, abbarbicata in testa, tira il carretto dove siedono Margherita e Albertino, o nel quadretto col sottotitolo «Fede e avvenire», con tutta la «banda Guareschi» (compreso il cane Amleto) accanto al «verticale» suonato da Giovannino, mentre margherita e cantano e un Albertino piuttosto rabbuiato osserva di nascosto, tutti ritratti con quella dolcezza che solo un padre perdutamente innamorato della propria famiglia sa mettere nel raccontarla. Ma è nel volto di Giovannino che troviamo la nuova mutazione del segno: l’allegria seriosa del giovanotto di Borgo del Gesso e la malinconia del «Kriegsgefangene» lasciano il posto a un volto che si direbbe imbronciato, ma lo è solo fintamente, perché sotto la spessa coltre dei baffi si intuisce il sorriso di un uomo felice, che nel lavoro e nella vita ha saputo trovare un equilibrio interiore che ne farà lo scrittore italiano più letto nel mondo. Di qui in avanti c’è un filo conduttore comune negli autoritratti di Giovannino. Saranno due gli elementi distintivi: i baffi ed il naso, che emergono anche nella firma di Guareschi, a sua volta perenne ed ermetica autocaricatura che diverrà l’emblema stesso dell’intera opera guareschiana. E la serie continua, attraversando tutti i periodi della vita di Guareschi: dalla libertà vigilata nel «carcere delle Roncole», alla passione per i lavori agricoli, agli straordinari biglietti di auguri natalizi, di nuovo alla bicicletta, all’amore per il Grande Fiume, fino alla contesa con Pier Paolo Pasolini nella realizzazione del film «La rabbia». Un’autobiografia per immagini che, a partire dal neonato che ha sullo sfondo la «festa rossa» del primo Maggio 1908, percorre l’intero cammino della vita e dell’opera guareschiane e che potrebbe davvero servire ad illustrare, passo passo, quello straordinario autoritratto narrato che comincia con: «Adesso vi racconto tutto di me».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è tanto ritmo al Jamaica

FESTE PGN

C'è tanto ritmo al Jamaica Foto

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

TELEVISIONE

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

Foto con Romina, Lecciso lascia Al Bano, lo rivela 'Oggi'

gossip

La Lecciso lascia Al Bano. Colpa di Romina

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Striscia torna a Parma,  i musulmani:  "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

"crociata al contrario"

Striscia torna a Parma, i musulmani: "Si alle Luigine, basta non si imponga la fede cattolica"

i nuovi arrivati

Faggiano: "Mercato per fare il salto: ora solo uscite" Il videocommento di Piovani - Ciciretti, i gol (video)

mercato

Parma, ultimo colpo: preso il centrocampista Anastasio

sabato

In treno (e pullman) a Cremona: quando la trasferta (e la rivalità) è vintage Tutte le info

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

anteprima gazzetta

Smartphone alla guida: incivile e...pericoloso Video

1commento

politica

Elezioni, domenica sera la lista dei partiti in lizza per il Parlamento Video

CARABINIERI

In casa con l'arsenale: arrestato

In manette un tunisino 48enne

1commento

SORBOLO

Auto fuori strada a Enzano: un ferito

gazzareporter

Via Doberdò, dove la segnaletica stradale viene ignorata: pericolo e poca disciplina Gallery

5commenti

lutto

Addio Bruno, spirito guerriero e animo gentile: aveva 49 anni

L'INCHIESTA

Alluvione, il pm: «Pizzarotti non lanciò mai l'allarme, nemmeno dopo il crollo del ponte della Navetta»

2commenti

MEDICINA

Uno spray imita lo smog e porta i farmaci al cuore: scoperta (anche) parmigiana

5 STELLE

Parlamentarie: la rabbia degli esclusi di Parma Video

3commenti

PARMA

Tabaccaio prende una mazza e mette in fuga il rapinatore 

TECNOLOGIA

Custom, fatturato oltre 130 milioni

Acquisito il 52% di power2Retail

UNIVERSITÀ

Andrei: «Nuovo corso di laurea dedicato al food»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I richiami dell'Europa e le condizioni italiane

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

milano

Torna casa il "caracat" sequestrato dai carabinieri

FUORIPROGRAMMA

Il Papa sposa in volo una hostess e uno steward cileni

SPORT

SERIE B

Anticipi e posticipi: "ritocchi" anche al calendario del Parma in febbraio

FORMULA 1

La Ferrari e... il fattore ex. Perché ha vinto Hamilton

SOCIETA'

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

GAZZAFUN

Occhio al trabocchetto, è un quiz per secchioni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

moto

Yamaha MT-09 SP: la prova